Gli Stati Uniti invieranno bombe nucleari di ultima generazione B61-12 in Europa (Italia compresa) a dicembre, in anticipo dunque rispetto alla primavera 2023 precedentemente ipotizzata. Lo rivela Politico.eu, citando un cablo diplomatico americano, relativo alle comunicazioni effettuate da ufficiali statunitensi agli alleati Nato durante un incontro a porte chiuse svoltosi a Bruxelles questo ottobre. Si tratta di tecnologie nucleari potenziate, rispetto a quelle attualmente presenti nel nostro Paese, che molto probabilmente andranno ad aggiornare l’arsenale delle basi militari di Aviano e Ghedi. Tecnicamente, la novità è che possono essere lanciate da aerei F35 e quindi comandate come droni affinché perforino il suolo, arrivando a scoppiare in bunker sotterranei. Nei confronti della Russia, non esattamente un gesto distensivo, che espone inoltre l’Italia come obiettivo sensibile in caso di escalation. Eppure nel sentire comune non c’è ancora sufficiente consapevolezza dei rischi in cui si stanno trascinando i cittadini: anche per questo è nata la campagna “Fuori l’Italia dalla guerra” ( www.fuorilitaliadallaguerra.it ). Facciamo il punto di giovedì 3 novembre 2022 con Jean Toschi, giornalista, scrittrice ed esponente del Comitato No Guerra No Nato.

_____________
✔️SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT65C0306916355100000009028
INTESTATO A: VISIONE TV
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

✔️SOSTIENICI TRAMITE PAYPAL E CARTA DI CREDITO: https://bit.ly/3yzNVId
✔️ISCRIVITI AL CANALE: https://bit.ly/2SQWDNI