Ha contribuito a finanziare i biolab USA in Ucraina anche Hunter Biden, il figlio del presidente USA. E con lui il finanziere George Soros: questo affermano da ieri i russi. E sempre secondo i russi, i biolab  studiavano la diffusione di malattie tramite le migrazioni degli uccelli e raccoglievano DNA slavo per lo studio di patogeni su base razziale.

Ieri, 24 marzo, il generale Igor Kirillov ha reso pubblici documenti sui biolab  USA in Ucraina di cui si sono impossessati i soldati russi. Le fonti principali sono media russi che i Governi occidentali ritengono fonti di disinformazione e propaganda e di cui vietano perciò la diffusione. Bisogna dunque attingere in modo indiretto: ad esempio attraverso lo statunitense Daily Beast.

Per questa strada si apprende che, secondo i russi, i finanziatori dei biolab  sarebbero il dipartimento militare USA, l’agenzia USA per lo sviluppo internazionale, la Fondazione George Soros e il CDC, il centro USA per il controllo delle malattie infettive. Supervisione scientifica a cura del Laboratorio Nazionale di Los Alamos, quello in cui nacque la bomba atomica.

Ancora secondo i russi, il “programma biologico militare” degli USA in Ucraina attingeva denaro dalla società di investimento Rosemont Seneca. Hunter Biden, figlio del presidente Joe, contribuì a fondarla nel 2009. Proprio la Rosemont Seneca è chiamata in causa da altre fonti a proposito di non pulitissimi affari dei Biden in Ucraina.

Le attività condotte dai biolab Usa in Ucraina sarebbero di vastità impressionante, affermano ancora i russi. Ma quali erano queste attività?

Ufficialmente, gli Stati Uniti hanno preso sotto la loro ala protettrice i laboratori ex sovietici per la guerra biologica. In base ad un trattato del 2005, ne hanno modificato ed assecondato l’attività a fini del tutto pacifici. Cose tipo essere in grado di individuare al più presto gli agenti patogeni pericolosi ed impedirne la diffusione.

I russi ritengono invece che vi si svolgessero attività pericolose in qualche modo ascrivibili a piani di guerra biologica. Finora non hanno prodotto documenti in grado di provare questa loro convinzione: o, se l’hanno fatto, i documenti non sono giunti in Occidente.

Esistono però dei fatti comprovati. Questi fatti indicano che ha ragione la Cina quando dice che, se gli USA vogliono liberarsi dai sospetti, devono permettere ispezioni nei loro biolab attivi in Ucraina e non solo. La Cina lo ha ribadito ufficialmente ancora ieri.

Il primo fatto comprovato è che, a guerra scoppiata, nientepopodimeno che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fatto sapere di aver dato all’Ucraina un consiglio non richiesto. Ovvero, distruggere gli agenti patogeni custoditi nei suoi biolab per impedirne la diffusione.

Non risulta che l’Ucraina abbia seguito il consiglio. Non sono noti gli elementi in base ai quali l’OMS si è sentita in dovere di dispensarlo. Tuttavia, se l’OMS si è esposta in questo modo, è lecito ritenere che avesse dei sospetti peggiori di quelli relativi alla conservazione e allo studio di un qualsiasi virus del raffreddore.

Sempre a guerra scoppiata – ed è il secondo elemento – Victoria “Fuck the EU” Nuland, sottosegretario di Stato USA, ha espresso il timore che i biolab USA in Ucraina cadessero sotto il controllo dei russi. Anche questo timore contrasta con il semplice studio di un innocuo virus del raffreddore…

E poi c’è un altro fatto comprovato, il terzo. In base a dichiarazioni ufficiali, i biolab USA in Ucraina potrebbero conservare ceppi di virus o batteri messi a punto dall’Unione Sovietica nell’ambito del suo programma per le armi biologiche. Oh!, potrebbero soltanto conservare. Mai nessuno ha affermato che li conservino.

Però, nell’ambito di “scopi puramente pacifici”,  suona come ingiustificato anche solo un dubbio ufficiale di questo genere.

GIULIA BURGAZZI

Invitiamo tutti a iscriversi al canale Telegram di Visione TV, con i contenuti esclusivi del nostro inviato in Ucraina Giorgio Bianchi. Per aiutare Visione TV a sostenere le spese per la missione di Giorgio Bianchi, clicca QUI: anche un piccolo contributo è importante!

  • 3326 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3138 Sostenitori