Soffia in questi giorni, sul web e sugli altri media, il vento della censura. Occorre con forza rispondere che la censura non solo è eticamente inaccettabile, ma anche segno di debolezza da parte di chi la utilizza e dunque strategicamente controproducente. Vediamo perché con Antonello Cresti.