Soffia in questi giorni, sul web e sugli altri media, il vento della censura. Occorre con forza rispondere che la censura non solo è eticamente inaccettabile, ma anche segno di debolezza da parte di chi la utilizza e dunque strategicamente controproducente. Vediamo perché con Antonello Cresti.

You may also like

Non estradate Assange!

Il prof. John J. Mearsheimer, lo scienziato politico statunitense ritenuto uno dei grandi saggi della scuola “realista”, fa un accorato ...

Comments are closed.