Stati senza emergenza: dalla Norvegia al Giappone, il mondo si libera. E noi?

La Norvegia ha finito. Con “appena” il 67% di vaccinati, lo ha fatto senza mezzi termini: addio emergenza, il Covid è solo un’influenza, niente più obblighi vaccinali e controlli, annullati persino distanziamento e mascherine. I norvegesi hanno reagito così:

Non c’è nulla di più globale e noborder di un virus, eppure Stati confinanti attuano politiche e narrazioni totalmente diverse: lì si va liberamente ai concerti, 20 km più giù non ci si può sedere neanche in un caffè. La Spagna ad esempio -confinante con la restrittiva Francia- ha concluso lo stato di emergenza già da diversi mesi, e non solo: i tribunali delle singole province hanno decretato che il Green Pass è illegale per la Costituzione spagnola e quindi non può essere implementato. Dal 12 agosto non esistono pass in tutto il territorio iberico.

Stato di emergenza revocato anche in Giappone. Da giovedì, a Tokio e in altre 18 prefetture si torna alla normalità. Il primo ministro ha dichiarato che il ritorno sarà “graduale”, a differenza della Norvegia, ma che la direzione è quella.

Anche il Cile cancella lo stato di emergenza, che era attivo dal marzo 2020, a partire dal 1 ottobre. Resteranno in vigore una serie di restrizioni (come quella sui trasporti pubblici) e pass sanitari per alcune attività.

L’Italia invece, nel suo ruolo di Stato sperimentale, si comporta come se fossimo ancora nel marzo 2020 tra mascherine nei condomìni e distanziamento ai giardinetti. Lo Stato di Emergenza, al di là delle valutazioni giuridiche, è diventato un metodo di governo e peggio ancora una forma mentis collettiva. Diceva bene il filosofo Cacciari ieri sera a Quarta Repubblica:

Una politica di Emergenza che va avanti senza alcun criterio diventa una politica di Eccezione, e l’eccezione è lo stato di guerra. Mi volete spiegare in base a quali parametri questo stato di emergenza che pesa, è odioso, va a finire?

Lo stato di guerra, appunto, contro “il nemico invisibile”, come recita l’abusatissimo slogan. Quel virus che non colpisce più i norvegesi, gli spagnoli, gli svedesi e i giapponesi si ostina a restare nemico degli italiani. O forse il nemico vero è un altro: quello che abbiamo tutti davanti agli occhi e che sembra volerci lasciare in stato di emergenza permanente.

DEBORA BILLI

 

Debora Billi

View all posts

Sostieni mensilmente Visione TV

2.497 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese

Sostieni mensilmente Visione TV

2.497 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese