Francia e Austria. Tra obblighi, allentamenti e lotterie della puntura, i Paesi ancora nell’incubo

Austria lotteria

E mentre il Regno Unito tiene fede alla sua vocazione di Nazione libera, l’Europa si dibatte tra restrizioni e allentamenti. Ha fatto ovviamente notizia la decisione presa dall’Austria di procedere verso l’obbligo vaccinale per tutti i cittadini al di sopra dei diciotto anni. Il Corriere della Sera ha ovviamente esultato mettendo la notizia in prima pagina. Precedente inquietante. La “Felix Austria” dei valzer e di Sissi è pur sempre la nazione che ha dato i natali a Hitler e delle assurde censure imposte alle opere di Verdi alla Scala di Milano. Ma non solo: l’Austria completa l’opera inaugurando la “lotteria del vaccino”, che mette in palio 500 euro a dose per chi si sottopone alla puntura. Non solo gli italiani quindi, anche gli austriaci vengono trattati come poveri mentecatti da attrarre in trappola con specchietti e perline.

Più complesso il caso francese: anche qui ci troviamo di fronte ad una nazione sempre divisa tra l’assolutismo di marca europea e il liberalismo del “nemico” inglese. E la Francia ci dà una buona notizia e una cattiva e tutte e due per bocca del Primo Ministro Jean Castex che le ha messe nero su bianco durante la sua conferenza stampa.

Castex ha annunciato un calendario di allentamento delle restrizioni a partire da febbraio: il 2 febbraio in Francia termineranno gli obblighi di mascherine all’aperto e di obbligo di smart working (che i francesi chiamano “télétravail”). Il 16 febbraio riapriranno cinema, teatri, stadi e discoteche.

Purtroppo è però passato l’obbligo di “pass vaccinal” per tutti i cittadini francesi dai sedici anni in su. Obbligo che, ha comunque specificato Castex, verrà revocato nel caso in cui l’epidemia comincerà a “reculer”. E la cosa appare verosimile al Primo Ministro che ha comunque definito Omicron una “grippe” un’influenza. Quest’ultimo punto rappresenta la più grande delusione nella battaglia di Francia: il parlamento francese era quasi arrivato alle barricate su questo punto.

Il problema, quindi continua a confermarsi in certi Paesi europei dove la narrativa sta comunque cedendo, ma più lentamente che altrove.

ANDREA SARTORI

<em>Visione TV è stata <a href=”https://visionetv.it/censurata-visione-tv-90-giorni-in-castigo-su-facebook/”>censurata per 90 giorni</a> su Facebook. Invitiamo tutti a <a href=”https://t.me/visionetv”>iscriversi al nostro canale Telegram</a>!</em>

Sostieni Visione TV

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale Donazione: €25 One Time

Sostieni Visione TV

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale Donazione: €25 One Time