Lo sport femminile è di nuovo sotto attacco. Decenni fa era dovuto alla tradizione e al patriarcato, con finanziamenti e attenzioni profuse principalmente sugli sport maschili. Il titolo IX arrivò nel 1972, livellando il campo di gioco. A quel tempo, c’erano poco più di 300.000 donne e ragazze che partecipavano agli sport delle scuole superiori e dell’università. Le atlete hanno ricevuto solo il 2% dei budget atletici del college e poche donne hanno ricevuto borse di studio per meriti sportivi.

Quarant’anni dopo, nel 2012, sono stati fatti grandi progressi con 3 milioni di ragazze che partecipano agli sport delle scuole superiori e 190.000 negli sport del college, un aumento di circa sei volte dal 1972. Ma invece di continuare in quella direzione, la nostra nuova cultura liberal-estremista sta riportando indietro l’orologio degli sport femminili, tutto in nome dell’equità, della tolleranza e della diversità, riportando le atlete indietro di decenni.

Insieme alle notizie sull’ultima variante di coronavirus oppure sugli obblighi di vario genere che stanno schiacciando la società, è stata pubblicata una storia sul Daily Mail che ha attirato poca attenzione dai media statunitensi o dai gruppi per i diritti delle donne.

Il titolo, “Il nuotatore transalpino di UPenn, 22 anni, suscita indignazione battendo i record delle competizioni femminili dopo aver gareggiato da uomo per tre stagioni”. Will Thomas, ora 22enne, ha nuotato per la squadra di nuoto maschile dell’Università della Pennsylvania per tre anni prima di prendersi un anno di pausa a causa della pandemia di COVID, con il suo ultimo evento in competizione da uomo nel novembre 2019.

Ad un certo punto, Will ha effettuato la transizione da Will a Lia. Secondo le regole NCAA, qualsiasi atleta trans femminile può prendere parte a eventi femminili se ha completato un anno di trattamento di soppressione del testosterone. Nel novembre 2021, Thomas ha gareggiato in una gara a tre tra UPenn, Cornell e Princeton, “dove il senior UPenn’ha fatto letteralmente esplodere’ record  nei 200 m e 500 m stile libero, registrando tempi che hanno battuto quasi ogni altra nuotatrice in tutta l’America”. Erano tempi così buoni che “Thomas poteva tranquillamente  assicurarsi una medaglia d’argento ai Campionati femminili NCAA, mentre il suo 4:35:06 nei 500 m stile libero sarebbe stato abbastanza buono per fargli vincere il bronzo”. L’articolo non specifica se Thomas da uomo  fosse un campione di nuoto per l’ NCAA, ma ne dubito.

Per i liberal-estremisti che pensano che il genere sia semplicemente un costrutto sociale, diamo un’occhiata ai risultati olimpici di Tokyo per uno di questi eventi, i 200 m di nuoto stile libero. La vincitrice della medaglia d’oro femminile Ariarne Titmus, il cui tempo migliore  è stato di 1:53.50. Tra gli uomini nella stessa gara, prima delle finali, prima ancora delle semifinali, nelle gare di riscaldamento, guardando i 39 atleti maschili, tutti tranne uno avrebbero battuto il tempo della medaglia d’oro di Titmus. Il tempo per la medaglia d’oro maschile è stato infatti di 1:44.22, 9 secondi più veloce del tempo per la medaglia d’oro femminile.

Che dire delle nuotatrici, che si allenano da anni, ora gareggiano su un campo che non è regolare, o nel caso del nuoto in una piscina irregolare, contro un nuotatore maschio, e non hanno alcuna possibilità di batterlo? È giusto per loro? Dove sono le femministe ed i difensori dei diritti delle donne? La brigata delle femministe  sta per caso protestando come ha fatto dopo l’elezione di Donald Trump?

Storie simili sono circolate qua e là nelle notizie, anche con una risposta di rassegnazione da parte di questi gruppi. Diversi anni fa in Connecticut, due ragazzi “divenuti”  ragazze hanno gareggiato nel campionato statale femminile su pista, conquistando il primo e il secondo posto nello sprint di 55 metri, il vincitore ha tra l’altro stabilito un nuovo record statale. (…)

Questo non è solo un problema a livello di scuola superiore e università, ma anche a livello olimpionico. Nei giochi di Tokyo di quest’anno, la Nuova Zelanda ha nominato Laurel Hubbard nel suo elenco di sollevamento pesi femminile, rendendo Hubbard il primo atleta apertamente transgender a competere alle Olimpiadi. All’età di 43 anni, Hubbard gareggiava nella categoria delle donne sopra gli 87 kg.

Hubbard ha fatto la storia diventando il primo atleta apertamente transgender a gareggiare individualmente anche alle Olimpiadi estive, ma non è riuscito a raggiungere la finale o la medaglia. Ma la porta è aperta per altri che vogliano provare.

E cosa ha da dire il Comitato Olimpico Internazionale a riguardo? Le loro linee guida del 2015 affermavano che:

Gli atleti che passano da maschio a femmina possono competere nella categoria femminile senza richiedere un intervento chirurgico per rimuovere i testicoli a condizione che il loro livello totale di testosterone nel siero sia mantenuto al di sotto di 10 nanomoli per litro per almeno 12 mesi.

Tuttavia, un certo numero di articoli scientifici ha recentemente dimostrato che le persone che hanno subito la pubertà maschile conservano vantaggi significativi in ​​termini di potenza e forza anche dopo l’assunzione di farmaci per sopprimere i livelli di testosterone.

 

Il CIO ha riconosciuto  la pubertà maschile un punto fondamentale di distinzione, quando il testosterone separa i ragazzi dalle ragazze in termini di massa muscolare, forza e potenza. Il livello di testosterone in età adulta conta poco in quanto il motore atletico è già stato costruito durante la pubertà.

Il CIO ha emesso nuove linee guida il mese scorso, “abbandonando politiche controverse che richiedevano agli atleti concorrenti di sottoporsi a procedure o trattamenti “non necessari dal punto di vista medico””, ovvero test o trattamento del testosterone.

Questo quadro riconosce sia la necessità di garantire che tutti, indipendentemente dalla propria identità di genere o variazioni di sesso, possano praticare sport in un ambiente sicuro e privo di molestie che riconosca e rispetti le proprie esigenze e identità.

Ora anche i livelli di testosterone, un indicatore poco distintivo, come notato sopra, non sono più necessari.

Il nuovo IOC Framework chiarisce che nessun atleta ha un vantaggio intrinseco e si allontana dai criteri di ammissibilità incentrati sui livelli di testosterone, una pratica che ha causato pratiche dannose e abusive come esami fisici invasivi e test sessuali.

In base a queste regole, gli atleti possono quindi scegliere il proprio sesso per la competizione. Come funzionerà?

Prova questo nel golf professionale, con maschi più grandi e più forti che gareggiano contro le donne, gli uomini che colpiscono dai tee delle donne o le donne che colpiscono dai tee usati dagli uomini. Scegli altri sport, come baseball, basket, football o hockey e immagina come andrebbe a finire.

Ci sono infatti vantaggi intrinseci nello sport per i ragazzi rispetto alle ragazze, e di conseguenza  degli uomini rispetto alle donne, come alcuni coraggiosi atleti di spicco sono stati disposti a sottolineare. Questo è il motivo per cui ci sono stati sport e campionati maschili e femminili separati dalla scuola superiore agli sport professionistici.

L’ex campione olimpico di decathlon Bruce/Caitlyn Jenner ha le sue opinioni, riflettendo che la cosa avvii una controversia da qualsiasi parte si  guardi.

È una questione di equità. Ecco perché mi oppongo ai ragazzi biologici che sono trans in competizione negli sport femminili a scuola. Non è giusto. E dobbiamo proteggere lo sport delle ragazze nelle nostre scuole.

Anche la grande tennista Martina Navratilova è d’accordo,

È folle e significa essenzialmente barare. Sono felice di rivolgermi a una donna transgender nella forma che preferisce, ma non sarei felice di competere con lei. Non sarebbe giusto.

Queste non sono opinioni marginali di fanatici di destra. Jenner è transgender e Navratilova è lesbica, entrambe forti sostenitrici dei diritti LGBT ma anche della correttezza atletica, concetto quest’ultimo perso nella sinistra piu’ liberale.

Quindi eccoci qui ora, con un ragazzo del college, che gareggia in una squadra maschile per tre anni, poi sceglie un genere diverso, ora gareggia contro le donne e, grazie alla sua anatomia e fisiologia, le sconfigge pesantemente. Come si è sentita la seconda classificata a sacrificare la sua vittoria a un ragazzo?

Qualche funzionario universitario o sportivo si è indignato per l’ingiustizia di questa cosa? UPenn ha un Ufficio per la diversità e l’inclusione. Sostengono che questa farsa del nuoto sia inclusiva per le atlete? Il vicepresidente Kamala Harris o la senatrice Kirsten Gillibrand sono intervenute come hanno fatto durante le udienze di conferma del giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh? L’Organizzazione nazionale per le donne non ha emesso un comunicato stampa su questo vero e proprio oltraggio contro le atlete.

Ragazze, donne, i loro allenatori ed i loro genitori dovrebbero essere tutti indignati. Se gli uomini biologici possono competere come donne, lo sport delle donne non ha piu’ senso di esistere. Perché preoccuparsi ancora della  distinzione? Si renda un tutti contro tutti e basta,  dove chiunque può competere con chiunque, indipendentemente dal sesso biologico, dalla classe di peso o da qualsiasi altro parametro fisico che conferisca vantaggio ad alcuni. Tutto in nome dell’equità.

di Brian C. Joondeph, M.Dtraduzione di Martina Giuntoli

 

 

  • 3581 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3226 Sostenitori