Senza il green pass non si hanno diritti costituzionali: tutto normale per Crosetto di FdI

Crosetto

Lo sfogo di ieri di Guido Crosetto, l’ex coordinatore nazionale di Fratelli d’Italia, ci da la misura di quanto l’Italia sia caduta in basso per colpa di una classe politica indegna di rappresentare le istituzioni repubblicane (dire democratiche sarebbe ormai anacronistico).

Il pezzo grosso (in tutti i sensi) del partito della Meloni si è infatti lamentato di aver perso il green pass e dunque i diritti costituzionali a causa di un problema tecnico.

“Per qualche motivo due giorni fa il mio green pass ha smesso di funzionare e nessuno sa spiegarmi perché” ha dichiarato ad Omnibus su la 7 , “Mi trovo senza green pass pur avendone diritto e quindi sono privato dei miei diritti costituzionali senza avere colpa” .

Dunque secondo Crosetto i diritti costituzionali dei cittadini italiani possono essere cancellati se si ha la “colpa” di rifiutare un trattamento sanitario sperimentale a cui il governo li vuole sottoporre?

Ma non basta, lo stesso Crosetto ha fatto sapere che anticiperà di due mesi la terza dose nonostante i medici gli abbiano sconsigliato, visto che ha contratto il virus, di procedere con una nuova inoculazione prima di 6 mesi.

“Ho contratto la Delta e il fatto di essere stato infettato non mi permetterebbe di vaccinarmi prima dei 6 mesi. Ma lo anticiperò di 2 mesi, lo farò oggi, per avere il Green pass”. Ha poi confermato tutto in un tweet.

Immagine

Il senso della protesta del dirigente di FdI è tecnico e non politico, egli infatti dice che “Le scelte politiche, che non metto neanche in discussione, devono essere compatibili con la struttura burocratica e informatica di un Paese.”

Siamo arrivati a questo paradosso, un politico di lungo corso che ammette candidamente che milioni di cittadini italiani si trovano ormai privi dei diritti fondamentali che la costituzione gli assegna e che questo non ha nulla a che fare con la tutela della salute degli italiani, anzi, per sottostare al ricatto governativo Crosetto afferma che si sottoporrà a un trattamento sperimentale che gli viene sconsigliato dai medici, mettendo a repentaglio la sua stessa salute, pur di ottenere il lasciapassare verde senza il quale, come lui stesso afferma, è ormai impossibile vivere.

Ma lui, che fa parte dell’unica forza teoricamente di opposizione, non mette in discussione le scelte del governo, solo chiede che siano facilitate dalla burocrazia… e poi dicono che non siamo in dittatura!

ARNALDO VITANGELI

Sostieni Visione TV

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale Donazione: €25 One Time

Sostieni Visione TV

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale Donazione: €25 One Time