E ricominciano le scuole. Una volta il primo giorno di scuola rievocava “le mie matite, i pennarelli blu” per rievocare la nostalgica sigla dell’anime deamicisiano “Cuore”. Oggi che cosa canterebbero i Cavalieri del Re? “Le mascherine, i banchi a rotelle blu”? Ma cerchiamo di capire quali saranno le nuove disposizioni a scuola.

Forse stavolta è davvero finita la farsa. Il Minstero della (d)istruzione conferma la decadenza dell’obbligo di vaccino pet docenti e personale ATA a partire dal 1 settembre. Non è un caso che diversi quotidiani, avendo compreso la portata epocale della sconfitta sull’obbligo vaccino, titolino stizziti: “i no vax tornano in classe“.

Decade finalmente anche l’obbligo delle odiose mascherine, l’obbligo è decaduto alla fine dell’anno scolastico 2021/2022 come da articolo 9 del d.l. 24 marzo 2022, n. 24 , convertito, con modificazioni, dalla L. 19 maggio 2022, n. 52.. L’obbligo di Ffp2 resterà sui mezzi di trasporto ma solo fino al 30 settembre.

Quindi dal 1° settembre, con l’avvio del nuovo anno scolastico 2022/2023 decadono gli adempimenti, salvo ulteriori provvedimenti governativi. Questo significa però che esiste ancora un margine per cui le restrizioni potrebbero tornare di moda: la pandemia non è ancora considerata ufficialmente terminata.

Tutto quindi dipenderà dal prossimo governo. Ma francamente dubitiamo che torni di moda: sarebbe una minestra riscaldata cui oramai crede solo qualche anziano spaventato. I nuovi governi hanno già pronte nuove emergenze per il prossimo autunno, in primis quella energetica. Per cui tranquilli: non se ne va l’emergenza, semplicemente cambia.

E probabilmente il problema non saranno più i “prof no vax” ma i termosifoni spenti.

ANDREA SARTORI

Invitiamo tutti a iscriversi al canale Telegram di Visione TV. E per aiutarci a sostenere le spese per un’informazione di qualità, cliccate qui: anche un piccolo contributo è importante!

  • 2280 Sostenitori attivi
    di 3000
  • 2280 Sostenitori