Kim Jon: in Nord Corea niente vaccinazioni forzate

“Ah l’Italia non è democratica? Allora trasferisciti in Nord Corea!”

Quante volte chi protesta o mette in discussione il governo si è sentito ripetere questo mantra? Decine. La Corea del Nord, Paese chiuso e oppresso da una dittatura pluridecennale, è ormai il modello universale per rappresentare lo Stato totalitario dove la vita è un incubo.

E qualche giorno fa Kim Jon ha stupito il mondo. Dichiarando che il suo Paese è perfettamente in grado di gestirsi da solo l’epidemia di Covid, ha rifiutato le 3 milioni di dosi di vaccino Sinovac generosamente propostegli dal programma internazionale Covax.

Bisogna ricordare che rafforzare le misure per la prevenzione dell’epidemia è un compito di enorme importanza

ha ricordato Kim, e ha chiesto aiuti proprio per questo scopo. Ufficialmente la Nordcorea è Covid free, almeno a quanto risulta all’OMS a cui non sono stati mai forniti dati. Vero o falso che sia, fatto sta che il dittatore “piccolo e cicciottello” (definizione di Donald Trump), bollato da tutti come folle, non ha intenzione di procedere a vaccinazioni forzate di massa come invece accade quasi ovunque.

Quasi, appunto. Perché proprio l’altro Paese esempio e modello di Stato totalitario, ovvero l’Afghanistan dei talebani, ha vietato la vaccinazione di massa antiCovid. Grande scandalo in occidente, preoccupatissimo per la sorte sanitaria degli afghani: si riportano incredibili asserzioni dei locali quali La gente ha più paura dei talebani che del virus. Per i media nostrani, invece, contagiarsi con il Covid è molto più spaventoso che finire in mano a dei tagliagole che ti ammazzano a sassate.

Frattanto in Italia (e altrove) moltissimi, spaventati dalla piega inquietante che stanno prendendo le cose, sognano di fare le valigie e trasferirsi in posti più tranquilli e meno opprimenti. Gettonatissime la Svezia e la Croazia, qualcuno ipotizza la Russia o la Florida. Chissà se alla fine riusciranno a fuggire dal Belpaese, e da un premier che parla come se il suo spirito guida fosse Pinochet. Fatto sta che quando si sentiranno di nuovo dire: Ah l’Italia non è democratica? Allora trasferisciti in Nord Corea!”, stavolta prenderanno in considerazione il consiglio.

Visione TV

Visione Tv nasce per difendere la libertà di pensiero e di espressione oggi più che mai minacciata dal pensiero unico imposto da un sistema mediatico prevalente che ha perso il senso del limite e della misura

View all posts

Sostieni Visione TV

2.262 of 2.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese

Sostieni Visione TV

2.262 of 2.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese