Il mondo sempre più assurdo che viviamo è talmente sovraccarico di ideologia che oramai non è più accettata la vecchia pratica complice del silenzio assenso da parte del “polo dominato della classe dominante”, vale a dire intellettuali, artisti, personaggi del mondo dello spettacolo.

La loro dimostrazione di aderenza, lealtà nei confronti del moderno Leviatano deve essere ribadita in maniera sempre più grottesca. Si, perché al netto del fatto che sempre e comunque valga la regola della convenienza e che questo sia il semplice movente che fa registrare una adesione così plebiscitaria alla narrazione imperante, ciò che colpisce è che tali gesti di rituale obbedienza sono richiesti a personaggi che non avrebbero nelle loro corde determinati argomenti.

A qualcuno la maschera del propagandista sta su meglio, ma ad altri l’effetto scollamento è talmente evidente da produrre effetti grotteschi.

Non occorre tornare in questa sede sulle ultime esternazioni del del-attore social Alessandro Gassmann, adesso impegnato in una importante azione di peace keeping per il tramite del suo termostato di casa, poiché ancora più risibili sono state delle dichiarazioni fotocopia delle showgirls Michelle Hunziker e Elisabetta Gregoraci.

La prima delle due – significativamente in vacanza alle Maldive – ha affidato ad un lungo post questa sua necessità di “dire la sua” sulla questione russo-ucraina: “Mi sono svegliata con degli incubi. Sentivo piangere bambini, donne e uomini nel sonno. Provo disagio ad essere in vacanza, so che non posso cambiare le cose ma sento un senso d’impotenza”, una straordinaria dimostrazione del bipolarismo di cui è capace il pensiero d’oggi: da un lato la continua, vacua, celebrazione della bella vita a base di foto in bikini e spiagge tropicali, dall’altra neanche la coerenza di “reggere” quell’immaginario fingendo un senso di colpa che, oltre che ridicolo, non può che produrre effetti offensivi.

Qualsiasi esperto di comunicazione sconsiglierebbe un post simile, ma la necessità di esporsi su temi non “propri” è evidentemente tanto incontenibile dal far prendere il rischio.

Pensiamo ad Elisabetta Gregoraci, personaggio evidentemente avvezzo alle privazioni che in merito ha usato toni fotocopia: Ho gli incubi la notte. Vi dico la verità, mi vedete sempre sorridente e positiva, è giusto che sia così, però devo essere sincera, sono giornate in cui sono ‘down’, sono molto preoccupata”.

La palma della confessione più paradossale è forse quella della modella Valentina Vignali che ha raccontato di aver pensato alle bombe durante una sfilata.

Mondi incomunicabili si incontrano in queste surreali prese di posizione.

Il potere dominante ha necessità di propaganda, sempre e comunque. Se per qualcuno ancora avvezzo ad usare il cervello questo produce effetti comici, poco conta. L’importante è far passare una unica visione, un unico concetto… A qualsiasi costo…

Alla prossima dissonanza cognitiva, cari plebei!

ANTONELLO CRESTI

Invitiamo tutti a iscriversi al canale Telegram di Visione TV, con i contenuti esclusivi del nostro inviato in Ucraina Giorgio Bianchi

Che ne dici di una piccolissima donazione? Il tuo aiuto è indispensabile per portare avanti la controinformazione in un momento così critico! Clicca qui per dare una mano, e mille grazie

  • 3396 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3159 Sostenitori