Vi é seria preoccupazione che i pedofili stiano cercando di prendere di mira i bambini ucraini che si trovano nei campi profughi.

Pedofili di nazionalità britannica si sono recati in Polonia con la scusa di voler fornire assistenza umanitaria nei confronti dei rifugiati in fuga dall‘Ucraina, tra cui migliaia di bambini soli e senza la supervisione di un adulto.

La National Crime Agency (NCA) ha affermato che 10 nomi noti riferibili ad autori di crimini di natura sessuale si sono recati nel paese già nelle sei settimane successive all’invasione russa.

I nomi cui si fa riferimento sono stati contattati ed é stato loro chiesto di lasciare la Polonia a seguito di colloqui con gli ufficiali dell’immigrazione e le forze dell’ordine, e al contempo le autorità britanniche stanno anche lavorando per dissuadere altri dall’intraprendere lo stesso tipo di viaggio.

“Da parte nostra cerchiamo di far capire e rendere consapevole la nostra controparte che questi personaggi condannati per reati sessuali su minori si trovano nei loro territori per ovvie ragioni“, ha affermato un portavoce dell’NCA.

“Vi sono almeno 5000 minori soli non accompagnati che sono stati sfollati dall’Ucraina. Assicurarsi che siano sani e salvi é assolutamente fondamentale”.

I funzionari hanno altresì affermato che i pedofili che hanno riportato una condanna avrebbero l’obbligo di dichiarare lo status della loro fedina penale all’ingresso nei paesi dove si recano, ” ma scopriamo poi che invece non lo fanno.”

Gli sforzi si concentrano attualmente nell’impedire che i pedofili si rechino in Polonia o in altri paesi se non per buone e motivate ragioni, e al contempo nell’espellerli nel caso in cui non seguano le regole.

Questo conflitto non ha fatto altro che far nascere o semplicemente rafforzare un’intera gamma di seri pericoli come questo, ha confermato l’NCA.

Altri pericoli includono la schiavitù moderna, la tratta di esseri umani e la criminalità organizzata che colpisce la naturale emigrazione dai luoghi di guerra dei rifugiati.

Ma questo non é tutto. La polizia e gli altri servizi deputati alla sicurezza sono preoccupati anche per la potenziale fuga di armi da fuoco e armi in generale.

Vi é stato anche un aumento dei finanziamenti illeciti, criminalità informatica e frodi, inclusa la creazione di siti Web che si camuffano da agenzie umanitarie nel tentativo di ricevere donazioni destinate al popolo ucraino.

L’NCA ha guidato la risposta da parte del Regno Unito alla criminalità organizzata derivante dalla guerra, ed ha anche creato una cellula di lotta alla cleptocrazia,  con il fine di colpire le élite corrotte legate alla Russia e ad altri stati ostili.

Una cleptocrazia descrive la corruzione che si verifica quando dei leader statali ed altri personaggi ad essi collegati prendono denaro dalle proprie nazioni, come ad esempio risorse naturali, per puro guadagno personale e lo spendono o lo nascondono in altri paesi.

Questo speciale dipartimento di lotta al crimine si concentra su individui che hanno usato beni nel Regno Unito per nascondere o far aumentare la propria ricchezza personale.

Il dipartimento ha anche utilizzato tattiche segrete per acquisire informazioni sensibili in maniera tale che il governo e le istituzioni private prendessero decisioni che facessero tesoro di tali informazioni.

La cosa ha anche preso di mira coloro che rendono tutto ciò possibile, come ad esempio case d’asta, agenti immobiliari, e società di sicurezza. Diversi arresti sono stati effettuati ma dall’attività non sono ancora emerse accuse precise.

La cellula di lotta alla cleptocrazia non prende di mira specificamente la Russia, ma il paese é uno dei tanti che si dice abbia élite corrotte che le autorità britanniche ora vogliono distruggere.

L’NCA ritiene che i suoi sforzi stiano già sortendo un effetto deterrente, con alcuni obiettivi legati al regime di Putin che si stanno già spogliando di beni nel Regno Unito, mentre la proprietà russa negli Emirati Arabi Uniti ed in altre nazioni esplode.

L’NCA ha affermato altresì di voler respingere il concetto di Londongrad, ovvero l’idea che le persone siano libere di venire con i loro soldi per fare tutto quello che vogliono.

Le persone avranno sempre la possibilità di spostare le proprie risorse altrove“, ha aggiunto in merito un portavoce.  “Chiaramente alcuni hanno deciso che il Regno Unito non fa più per loro“.

di Lizzy Dearden, The Independent, traduzione MARTINA GIUNTOLI

 

Invitiamo tutti a iscriversi al canale Telegram di Visione TV. E per aiutarci a sostenere le spese per un’informazione di qualità, cliccate qui: anche un piccolo contributo è importante!

  • 3522 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3186 Sostenitori