Google ai suoi dipendenti: o il vaccino, o sei fuori

Google ha deciso per l’obbligo vaccinale  dei suoi dipendenti, imponendo loro di farsi entrambe le dosi entro il 18 gennaio o, in caso contrario, di essere pronti ad affrontare una serie di azioni disciplinari che avrebbero portato alla fine al loro licenziamento.

In un documento rivolto al personale ottenuto dalla CNBC, Google ha indicato come data limite  il giorno 3 dicembreper mostrare o un certificato di avvenuta vaccinazione, altrimenti una dichiarazione di status vaccinale,  o infine l’avvenuta richiesta di un’esenzione medica/religiosa.

Dopo le presenti dichiarazioni, la società ha dichiarato  che avrebbe contattato le persone che non si erano registrate, non si erano state vaccinate o non avevano fatto richiesta di esenzione. “Il documento afferma inoltre che ai dipendenti che non rispetteranno il regolamento entro l’ulteriore scadenza messa in essere del 18 gennaio sarà attribuito lo status di “congedo amministrativo retribuito “per 30 giorni”, ha riferito la CNBC. “Dopodiché, l’azienda li metterà in ‘congedo personale non retribuito’ per un massimo di sei mesi, seguito infine  dal licenziamento”.

Google richiederà presto ai suoi dipendenti di lavorare in presenza tre giorni alla settimana e non consentirà più lo smart working che è diventato così  comune durante l’era del coronavirus. Lo scorso settembre, il presidente Joe Biden ha annunciato che l’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro (OSHA) del Dipartimento del lavoro richiederà alle aziende private con 100 o più dipendenti di implementare i requisiti del vaccino o richiedere test negativi settimanali.

Il presidente ha aspettato quasi due mesi prima di rilasciare i dettagli del suo piano, che tra l’altro non sarà in vigore fino al gennaio 2022. Una società come Google che violi il mandato può  essere multata fino a 136.532 dollari.

Tuttavia, con il passare delle settimane, la politica del presidente ha subito pesanti sconfitte legali in seguito ai numerosi ricorsi presentati,  con un giudice federale che ha persino emesso un’ingiunzione preliminare contro il mandato vaccinale federale per gli operatori sanitari già alla fine di novembre.

Appena una settimana dopo, l’amministrazione Biden ha subito un altro pesante colpo quando un giudice federale ha emesso un’ingiunzione che annullava il mandato di vaccinazione per gli appaltatori federali, sostenendo che i querelanti “probabilmente avevano ragione nell’affermare che il presidente aveva superato l’autorizzazione data a lui dal Congresso.”

Nonostante tutto ciò , l’amministrazione Biden ha continuato ad esortare le aziende a seguire il mandato, una politica supportata in pieno da Google. “Ci aspettiamo che quasi tutti le figure lavorative di Google negli Stati Uniti rientrino nell’ambito dell’ordine esecutivo”, afferma il promemoria di Google. Chiunque entri in un edificio di Google deve essere completamente vaccinato o avere un alloggio approvato che gli permetta di lavorare o venire sul posto”.

La società ha inoltre affermato che un test negativo non sarà più una valida alternativa alla vaccinazione.

di Paul Bois traduzione di Martina Giuntoli

Martina Giuntoli

View all posts

Sostieni Visione TV

2.624 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 One Time

Sostieni Visione TV

2.624 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 One Time