Eravamo tutti in pensiero. Ma per fortuna due illustrissimi docenti, di Diritto e Scienze Politiche, hanno trovato la soluzione all’astensionismo elettorale dilagante: il voto elettronico e il voto per posta. E’ proprio l’uovo di Colombo, come mai non ci aveva pensato ancora nessuno?

Il primo lo suggerisce via Adnkronos il costituzionalista Francesco Saverio Martini dell’Università di Roma Tor Vergata:

Ma che senso ha oggi il certificato elettorale? Perché un diritto di voto non è ancora certificabile in digitale attraverso un ‘green pass elettorale’ sul telefonino?

Il secondo, cioè il voto postale, lo suggerisce il prof. Gianfranco Pasquino dell’Università di Bologna direttamente dalla sua rubrica sull’Huffington Post:

Coloro che sono isolati hanno molte difficoltà ad attivarsi. Se nessuno me lo chiede, se nessuno parla con me, non vado a votare.

In pratica, secondo i due esimi analisti, l’astensione ha superato il 50% perché i cittadini si affaticano ad uscire di casa. Quindi basterebbe incoraggiarli con un clic sul telefonino o (la versione retrò) con una bella busta affrancata, per risolvere il problema.

Tre elementi qui destano infinito stupore. Primo, che due sedicenti esperti arrivino a conclusioni così assurde relativamente a un problema che è in realtà politico: secondo la loro tesi, gli astenuti sarebbero tutti anziani, disabili, soli e quindi non ce la fanno a trascinarsi al seggio. Ricorda un po’ la storiella degli “esitanti” dei vaccini che non andrebbero all’hub perché non hanno la macchina.

Secondo, i due cervelloni vivono in una cassaforte se non hanno mai sentito parlare degli infiniti scandali relativi al voto postale ed elettronico alle elezioni americane del 2020. Schede di defunti, stranieri, doppi e tripli voti, buste trovate nei rifiuti, macchine malfunzionanti o peggio hackerate o peggio ancora manipolate dagli addetti. Se ne discute ancora nei tribunali di tutti gli States. Proporre soluzioni simili è demenziale, in un Paese che vanta il sistema blindato carta – penna – seggio a cui molti in Usa vogliono tornare.

Terzo ed ultimo: su, non ci facciamo menare per il naso. Sono le solite furbatine, ormai è risaputo che il voto elettronico e postale è il grimaldello definitivo per la manipolazione dei risultati elettorali. E non da parte di candidati o mafiette locali, come nelle belle tradizioni di casa nostra, ma ad opera di governi e grandi potentati poco disposti a lasciare in mano a popolazioni scontente le decisioni su chi vince e chi perde. Perché, malgrado gran parte dei sistemi politici sia già ampiamente sotto controllo, può sempre capitare quel cigno nero che spariglia le carte.

Non finirà qui, coi due professoroni. Sentiremo sempre più parlare di voto postale ed elettronico: la narrazione prevede che sia il prossimo step. There is no alternative.

DEBORA BILLI

Sostieni Visione TV

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale Donazione: €25 One Time

SS

Simonetta Scotto di Carlo

23 Giugno 2022

Importo donato
€10
CC

Carlo Carpani

23 Giugno 2022

Importo donato
€5
SS

Simonetta Scotto di carlo

23 Giugno 2022

Importo donato
€10
Utente anonimo

Anonimo

23 Giugno 2022

Importo donato
€5
FC

Francesco Canino

23 Giugno 2022

Importo donato
€10
LP

Leda Psallidi

23 Giugno 2022

Importo donato
€10
PM

Pieraldo Matteoda

22 Giugno 2022

Importo donato
€10
Utente anonimo

Anonimo

22 Giugno 2022

Importo donato
€25
P

Pier

22 Giugno 2022

Importo donato
€5
L

Luca

22 Giugno 2022

Importo donato
€10
LF

Lucio Filigheddu

21 Giugno 2022

Importo donato
€25
fb

fabio battistoni

21 Giugno 2022

siete indispensabili per una libera informazione.

Importo donato
€5
  • 2629 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 2627 Sostenitori