A San Francisco nel 2020 la droga ha ucciso tre volte più del COVID

L’epidemia di overdose a San Francisco, in California, ha causato tre volte più morti rispetto alla pandemia di coronavirus di Wuhan (COVID-19) nel 2020. Secondo i dati della città, ci sono stati 713 decessi per overdose a San Francisco nel 2020 rispetto ai 261 legati al COVID morti nello stesso anno.

“Cattivo è un eufemismo. Direi che è orribile, è negligente, è un’epidemia in sé e per sé, e non è sempre stato così”, ha detto Jenny Shao, giornalista video freelance e nativa di San Francisco. Ha condiviso che le overdose di droga sono state una crisi in corso in città, ma è peggiorata molto negli ultimi cinque anni.

“Prima, eri in grado di camminare per le strade … e non dovevi provare a camminare in punta di piedi sui corpi senza sapere se fossero vivi o morti”, ha detto. “Non dovevi saltare attraverso qualcosa di simile all’armamentario della droga … e non stavi letteralmente camminando attraverso una scena, ad esempio, ‘La notte dei morti viventi.'”

Altri hanno descritto la città come un paese del terzo mondo con rifiuti umani e aghi per le strade. I funzionari della città si stanno impegnando per affrontare il problema, ma secondo un rapporto del Dipartimento della sanità pubblica, la città distribuisce 4,45 milioni di aghi ogni anno ai tossicodipendenti.

A luglio, il sindaco London Breed ha annunciato che la città investirà 13,2 milioni di dollari per prevenire le overdose di droga, e ciò includerà l’apertura di centri per fornire letti e cure per i tossicodipendenti e l’ampliamento dell’accesso all’uso della buprenorfina, un oppioide usato per trattare la dipendenza da oppioidi.

I funzionari della città stanno anche spingendo per creare siti di iniezione sicuri come parte del loro programma di prevenzione dell’overdose. Tuttavia, Shao ha affermato che non un singolo centro offriva alternative ai farmaci. Ha descritto lo sforzo come mettere un cerotto sul problema e “accelerare un modo per l’autodistruzione”.

“Non vuoi essere dipendente da questi farmaci. E da quello che ho capito di questi siti di riduzione del danno, come piace chiamarli alla città, è che ti stai esponendo a meno rischi, ad esempio, di overdose o danni. Ma, tuttavia, sei ancora bloccato in quello stato di abusare costantemente di te stesso. E, per così dire, in bilico sul confine della morte”, ha detto Shao.

Ha detto che la città deve investire di più nei programmi di salute mentale per affrontare un problema di fondo. Gli Stati Uniti stabiliscono il record di decessi per overdose.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno osservato che si ritiene che circa 100.306 persone siano morte per overdose durante il periodo di 12 mesi terminato nell’aprile 2021, con un aumento del 28,5% rispetto ai 78.056 decessi nello stesso periodo dell’anno. I decessi stimati per overdose da oppiacei sono aumentati a 75.673 nel periodo di 12 mesi conclusosi ad aprile 2021, rispetto ai 56.064 dell’anno prima. (…)

Tra le morti per oppioidi, molte sono dovute all’uso di fentanil, oppioide estremamente potente, prodotto in laboratorio, che ha rappresentato 64.178 decessi registrati in 12 mesi negli Stati Uniti. Prima del 2014, meno di 3.000 persone morivano negli Stati Uniti a causa di overdose di fentanil all’anno.

Gli studi hanno mostrato un preoccupante aumento dell’uso di droghe e delle overdose durante la pandemia, con esperti sanitari che citano l’aumento dello stress e del dolore come i principali fattori che contribuiscono a tale abuso. Il consumo di droga è aumentato vertiginosamente e sta colpendo alcune regioni più duramente di altre, con solo quattro stati che finora hanno visto un calo dei decessi.

di Mary Villareal – traduzione di Martina Giuntoli

Martina Giuntoli

View all posts

Sostieni Visione TV

2.623 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 One Time

Sostieni Visione TV

2.623 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 One Time