Se le persone continuano a accontentarsi del minore di due mali, non ci si può aspettare alcun cambiamento e l’Occidente continuerà ad essere governato dal peggiore e meno capace tra noi.

I leader politici di tutto il mondo stanno ricevendo i dati dei sondaggi di approvazione più bassi nella storia. Emmanuel Macron in Francia, Boris Johnson nel Regno Unito, Justin Trudeau in Canada, e sembra che l’intera  classe politica australiana sia ampiamente disprezzata dagli elettori nei loro paesi. È anche il caso nella maggior parte dei paesi europei dal momento che vi sono enormi manifestazioni attraverso cui i popoli protestano contro le restrizioni del Covid sempre più draconiane e evidenti. Pochi ora dubitano che la risposta finora assurda, incompetente e non scientifica a questa finta pandemia sarebbe dovuta essere quella di una semplice influenza. Gli obblighi vaccinali nascondono enormi profitti ed una mossa camuffata anche male verso il totalitarismo. Ovvio a tutti, ma di fatto adesso  la classe politica sta portando avanti gli interessi di un insieme di persone interamente diverso da quello della gente che fanno finta  di rappresentare.

I giganti farmaceutici e il controllo che costoro esercitano sul sistema politico e tutte le sue istituzioni è ormai esposto chiaramente. La fiducia pubblica nelle istituzioni che governano si è deteriorata  in misura che non si possa mai recuperare. Per sicurezza, questa classe politica non è il vero potere, non decidono, ma semplicemente amministrano. Sono poco più che frontmen per la vera struttura del potere. Non hanno principi e mentono impunemente  anche quando sanno che non sono creduti. Continuano ad agire contro i desideri e gli interessi principali  del pubblico anche dopo che le loro bugie sono state scoperte. Non promettono più un futuro migliore, tutto ciò che sanno offrire è la paura. Covid, Russia, Cina, tutti i mali da cui dicono di proteggerci.

Mentre la classe politica ci bombarda senza tregua con la paura estrema, ci rassicurano che siamo dalla parte dei giusti. I valori occidentali che proclamano sono ciò che ci rende meglio dei malvagi russi e cinesi. Nessuno ha mai spiegato o elaborato però, che questi valori sono quelli di una democrazia neo-liberale. Questo apparentemente dovrebbe essere sufficiente per soddisfare una popolazione sempre più insoddisfatta con la storia che è tutto a posto con il sistema.  Tuttavia, questi valori non sono nuovi, liberali o democratici, il neo-liberalismo è corporatocrazia. La Carta Corporatocratica definisce un solo obiettivo, massimizza il valore degli azionisti (profitto) escludendo qualsiasi altra considerazione. Nessuna preoccupazione per le conseguenze o il costo umano devono essere pensati nel calcolo dei profitti. Se le società sono come sono legalmente riconosciute, “anche le persone”, allora sono sociopatici. Parlare di valori aziendali è una contraddizione in termini, non ce ne sono.

I sociopatici rappresentano circa il 2-3% della popolazione maschile, meno nelle donne, circa l’1%. È uno spettro, non tutti i sociopatici sono serial killer. Definito da un’assenza di empatia e mancanza di colpe derivanti dalle loro azioni, un sociopatico farà o dirà qualsiasi cosa per perseguire le sue ambizioni. Non vengono puniti anche quando sanno che non si crede alle loro menzogne. Se questa definizione ti ricorda la definizione del politico medio, ebbene sappi che è perchè i politici sono sociopatici. La corporatocrazia richiede sociopatici per gestire i loro sistemi politici finti. C’è un nome per questo, la kakistocrazia, che si definisce come regola del meno peggio, meno qualificato. Difficile da contestare è che è esattamente ciò che ora governa il mondo occidentale.

I sociopatici sono abbondantemente sopravvalutati per ricoprire certi ruoli. Senior dirigenti a società multinazionali, in particolare amministratore delegato, forze dell’ordine, professione medica e politica. Un’altra caratteristica tra i sociopatici è la loro capacità di essere in grado di riconoscersi l’un l’altro. Questo è uno strumento utile per coloro che selezionano  questi aspiranti esseri umani per ruoli influenti. Klaus Schwab, il sinistro capo del WEF a Davos ha gestito la sua scuola per i sociopatici per diversi anni. Inserito innocentemente il programma young global leaders ha scoperto alcune delle figure politiche peggiori, le meno capaci della memoria recente. Macron (Francia) Kurtz (Austria) Tony Blair (UK) Angela Merkle (Germania) e Jacinda Ahern (NZ) sono tutti laureati. L’Unione europea è invasa da  loro, incluso il presidente Jean-Claude Juncker. Anchel ‘America ha anche molti dei prodigi di Schwab che esercitano in posti di potere e influenza. Bill Gates, Jeff Bezos, Chelsea Clinton e il Governatore della California Gavin Newsome. Giusto per nominare alcuni, nessuno dei quali potrebbe tuttavia  essere descritto come individuo distinto e giusto per il ruolo.  L’unità che i governi di tutto il mondo hanno seguito,  il riposizionamento delle forze con il covid ha mostrato che il potere in questa classe manageriale del tutto sociopatica manchi eccome.

Per la menzogna del Covid ed insieme tutti i suoi demoni, questi continuano a privare  il popolo delle sue libertà e si concedono nuovi poteri che non avrebbero mai il diritto di avere. Possiamo essere certi che mentre questi particolari sociopatici continuano a perdere qualsiasi credibilità che avevano, una fila intera di laureati freschi attendono il loro turno per seguire la voce del loro padrone. Se la storia ci insegna qualcosa, è che coloro che vogliono il potere, sono le ultime persone a cui il potere andrebbe concesso. Anche il pubblico ha una certa responsabilità in tutto ciò, il francese dovrebbe sapere fare meglio che eleggere un banchiere Rothschild come Macron. E gli inglesi – un laureato di Oxford e un bugiardo seriale come Boris Johnson. In difesa, dovrebbe essere sottolineato che il leader eletti dall’interno dell’istituzione politica esistente produrrà solo più o meno lo stesso risultato.

La finta sinistra, il paradigma destro, sono solo un teatro politico, una distrazione, è la stessa struttura di potere che controlla tutti i lati del divario politico. La scelta senza opzioni non è affatto scelta. Potremmo guardare indietro all’era Covid come ad un punto di svolta nella storia. Siamo al punto in cui le masse stanno vedendo attraverso le bugie della classe dominante e attraverso le loro menzogne. I progressi possono essere raggiunti solo quando le persone respingono le opzioni presentate dalla classe dirigente e scelgono i leader dall’esterno del controllo dell’élite corporativa parassita. Il Covid ha esposto molti cattivi, ma ha anche prodotto tanti eroi genuini che si sono mostrati coraggiosi nell’esporre la verità. Robert Kennedy Jr. ne è un esempio. È essenziale che le brave persone, quelle coraggiose e con i principi siano spinte nel servizio politico. Se le persone continuano ad accontentarsi del minore di due mali, non ci si può aspettare alcun cambiamento e l’Occidente continuerà ad essere governato dal peggiore, dal meno capace tra noi.

Di Eamon McKinney, traduzione Martina Giuntoli

  • 3427 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3166 Sostenitori