Usa: se non ti vaccini, niente trapianto. Crolla l’ultima frontiera?

Prima o poi doveva succedere. L’ultima frontiera dei diritti umani che ancora sopravvive, quella dell’accesso alle cure, sta per soccombere davanti alla monocura obbligatoria: il vaccino Covid. La decisione è del sistema sanitario del Colorado, e la riporta il Washington Post: niente trapianto di reni per una donna non vaccinata, finché non ottempererà al “dovere morale”.

E’ una notizia sconvolgente su molti piani. Anzitutto, la signora (e tutti gli altri in attesa di trapianto come lei) è in immediato pericolo di vita, altrimenti non sarebbe su quella lista. Ma non interessa a nessuno, se non si sottomette al diktat può tranquillamente morire o finire in terapia intensiva per blocco renale. A dimostrazione che nella “dittatura sanitaria” non c’è rimasto ormai più nulla di sanitario.

Finora nessuno si è ancora azzardato, tra media e politica, a dire chiaramente “se non ti vaccini non ti curiamo”, ma l’elefante è nella stanza mentre tutti fanno ancora finta di non vederlo. In Italia è già successo qualche settimana fa in Sicilia, quando a una signora malata di cancro è stato impedito l’accesso alla chemioterapia se non si fosse vaccinata immediatamente. Casi rari? Non tanto: molti genitori raccontano di studi pediatrici che vietano l’accesso ai bambini se accompagnati da genitori senza green pass. Stiamo parlando di bambini malati… non ci si ferma davanti a nulla. Eppure non esiste legge o decreto che preveda questo. Semplicemente, l’arbitrio assoluto regalato a chiunque abbia un minimo di potere si sta concretizzando nella prepotenza più feroce. C’è gente che gode così, si sa dai tempi dei kapò.

Dopo lo sbarramento sul tempo libero e quello più grave sul lavoro arriverà la mazzata finale, il vaccino come condizione indispensabile per avere accesso al sistema sanitario? Dovremo scegliere se farci curare la pressione, o rischiare una miocardite? Una simile “scelta di Sophie” ci viene imposta dagli stessi governi che esaltano gli angeli in corsia e i Medecins Sans Frontieres o Emergency, che santamente curano terroristi, jihadisti, assassini e mafiosi. Ma il novax è ormai il nemico mondiale n°1, e non merita neppure i diritti minimi di cui godono Provenzano o Bin Laden.

Ci auguriamo che il mondo, e in particolare il nostro Paese, non si spingano a tanto. Ma a giudicare dall’impazzimento generale, tutto è diventato ormai possibile.

 

Visione TV

Visione Tv nasce per difendere la libertà di pensiero e di espressione oggi più che mai minacciata dal pensiero unico imposto da un sistema mediatico prevalente che ha perso il senso del limite e della misura

View all posts

Sostieni mensilmente Visione TV

2.497 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese

Sostieni mensilmente Visione TV

2.497 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese