I testi scolastici dell’anno passato invitavano bambini e ragazzi a fare i compiti per casa: dopo aver parlato delle fakenews con l’insegnante di scienze, dovevano produrre con lo smartphone una pubblicità sui vaccini da far vedere ad amici e parenti. È solo una delle premesse su cui poggia l’imminente ritorno in classe, ma niente paura: stavolta senza mascherine, assicura il governo. È veramente così? E anche se fosse, con quali traumi e strascichi per i più giovani? Ne parliamo con Cesare Natoli, della Rete nazionale scuola in presenza – Il personaggio del giorno
_____________
✔️SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT65C0306916355100000009028
INTESTATO A: VISIONE TV
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

✔️SOSTIENICI TRAMITE PAYPAL E CARTA DI CREDITO: https://bit.ly/3yzNVId
✔️ISCRIVITI AL CANALE: https://bit.ly/2SQWDNI

source

You may also like

Comments are closed.