Pochi giorni dopo la bombastica intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin e pochi giorni prima la decisiva udienza sul caso Assange, arriva come un fulmine la notizia della morte di Navalny, considerato dall’Occidente il “principale oppositore di Putin”. La stampa atlantista- scatenata- punta il dito contro il Presidente russo già condannato come “sicuro responsabile” del delitto. Proprio nelle ore in cui l’esercito ucraino crolla perdendo la roccaforte di Avdiivka Zelensky accusa Putin di essere un “assassino”. Cosa è accaduto davvero? Ne parliamo in compagnia di Nikolai Lilin e David Colantoni

You may also like

Comments are closed.