di Momo – Tratto da https://t.me/MultipolareNews

Vi ho abbandonati per un po’. A volte è complicato viaggiare ed essere on line.

Sono passati ormai alcuni giorni dalle fatidiche elezioni europee

Che effetto avranno fatto ai russi?

Dopo il Forum di San Pietroburgo e la città con le notti bianche mi sono spostato ad Est. In questi giorni ho incontrato molta gente.

Ora sono in Siberia, nella Repubblica di Altaj, al confine con la Mongolia, nel pieno centro dell’Asia.

Qui si recò in visita il compianto Berlusconi una decina di anni fa per vedere le immense foreste e la natura esuberante di questo angolo di mondo. Nonché per incontrare il suo grande amico, Vladimir.

E mi sono chiesto: ma che cosa pensano i politici e gli uomini d’affari russi delle elezioni europee?

Ho letto nelle testate italiane che la Russia gioisce, che la destra è un voto nazionalista, che… ecc. ecc.

E alla fine ho iniziato a chiedere qui – fra chi vive nella Federazione Russa – dapprima a persone normali, alla gente comune: praticamente nessuno sapeva che in Europa si votasse.

Poi ho avuto un incontro con politici venuti da Mosca e ho posto la stessa domanda.

La risposta più ovvia è: “ma che ce ne frega a noi dell’Europa?”

Il livello di fiducia nel sistema europeo e nelle istituzioni è pari a zero.

La cosa – oltre che a suo modo triste – l’ho trovata preoccupante: siamo di fronte a due mondi che si sono inesorabilmente separati. Il mondo da questa parte non comunica più con l’Occidente.

Tratto da: https://t.me/multipolarenews/3447.

You may also like

Comments are closed.