di Edward Lozansky* – Pluralia.

DUE EPIGRAFI

“Ogni arma prodotta, ogni nave da guerra lanciata, ogni missile lanciato significa in definitiva un furto ai danni di coloro che hanno fame e non ne hanno mai abbastanza, che hanno freddo e non sono vestiti”. Dwight D. Eisenhower, Discorso davanti all’American Society of Newspaper Editors, Washington, D.C., 16 aprile 1953

“Se domani l’Unione Sovietica dovesse affondare nell’oceano, l’establishment militare-industriale americano dovrebbe esistere praticamente immutato fino a quando non verrà inventato un altro avversario. Qualsiasi altra cosa rappresenterebbe uno shock inaccettabile per l’economia americana”. George F. Kennan, Prefazione a “Patologia del potere” di Norman Cousins, 1987.

Dwight D. Eisenhower e George F. Kennan

Presumibilmente, i leader di 32 Paesi riuniti a Washington per un vertice che celebra il 75° anniversario della NATO (9-11 luglio) credono che la NATO sia una forza positiva. Tuttavia, la maggioranza globale del pianeta potrebbe pensarla diversamente, soprattutto nei Paesi che hanno già sperimentato la “buona volontà” della NATO, come Serbia, Afghanistan, Iraq, Libia e Russia. L’Ucraina è un caso speciale, dove nel febbraio 2014 ha avuto luogo un colpo di Stato sostenuto dall’Occidente, che ha portato al potere le forze filo-NATO, contro la volontà della stragrande maggioranza degli ucraini che erano contrari. Anche tra i membri della NATO, dove molti leader hanno oggi un triste indice di gradimento, la popolarità del blocco è a dir poco discutibile. Manifestazioni contro la NATO e contro la guerra si svolgono regolarmente negli Stati Uniti e in molti Paesi europei, anche nel periodo in attesa e durante l’attuale incontro.

E’ presente anche l’ormai illegittimo presidente dell’Ucraina Zelenskij, il cui mandato è scaduto il 21 maggio 2024. L’ex comico è diventato il beniamino della NATO poiché li ha aiutati a trasformare l’intero Paese in una legione straniera al servizio di coloro che in Occidente, come ha spiegato George Kennan, avevano bisogno della Russia più come nemico che come amico.

In effetti, la NATO e il complesso militare-industriale sono i principali beneficiari di queste forze. Riguardo alla minaccia dello scenario apocalittico che ha portato all’attuale crisi, il 30 aprile 1998, contrariamente alle precedenti promesse dei leader occidentali, il Senato americano ha votato a favore dell’espansione della NATO verso est. Il principale lobbista di questo processo fu l’allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, che, ironicamente, era considerato il migliore amico del presidente Boris El’cin e lo aiutò persino a vincere le elezioni del 1996. L’alleato democratico di Clinton, Daniel Patrick Moynihan, è stato uno dei 19 senatori a votare contro, affermando: “Questa è la strada verso la guerra nucleare”. Non ha però convinto gli altri 80 senatori, tra cui Joe Biden, che hanno votato a favore con soli 67 voti necessari.

George Kennan, uno degli autori della politica di contenimento dell’URSS e per nulla amico della Russia, definì il processo di espansione della NATO un “errore fatale”. Ne parlò in un’intervista al New York Times nel 1998, ma due anni prima, nel 1996, aveva avvertito che l’espansione della NATO nel territorio dell’ex Unione Sovietica era “un errore strategico di proporzioni potenzialmente epiche”. Robert Skidelsky, membro della Camera dei Lord britannica, ha affermato che “c’era qualcosa di folle in tutta la vicenda, e non si può fare a meno di pensare in modo inquietante che la NATO abbia prolungato la vita dell’Unione Sovietica fornendole un nemico pronto a sostituire la Germania nazista”.

Tutto ciò accadeva mentre Gorbačëv e El’cin continuavano a inviare segnali concreti a Washington sul loro desiderio di essere tra gli amici e i partner strategici americani. Alcuni membri delle loro amministrazioni hanno addirittura parlato di un’alleanza. Non avendo riscontrato alcun interesse da parte della Washington ufficiale, si sono impegnati nella diplomazia “civile” (Traccia II), o “popolare”.

Come partecipante a queste attività, che hanno facilitato numerosi contatti diretti tra i decisori di Washington e Mosca, compresi gli incontri alla Casa Bianca, al Cremlino, al Campidoglio e alla Duma di Stato russa, posso personalmente testimoniare i dettagli di molti di questi incontri. Sfortunatamente, forze più potenti hanno ostacolato queste iniziative in ogni fase delle nostre attività.

In questa tragica storia non si può non menzionare George W. Bush, il quale, dopo parole di gratitudine e persino ammirazione pubblica nei confronti di Putin per il suo aiuto nell’operazione afgana dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001, iniziò una campagna a favore dell’adesione della Georgia e dell’Ucraina alla NATO. E’ stato Bush a dare inizio alla cosiddetta guerra al terrorismo, che Obama e Biden hanno esteso per indebolire la Russia e minacciare la Cina con nuovi blocchi NATO ausiliari.

Secondo il Cost of War Project, sviluppato dagli studiosi dell’Università americana Brown, almeno 940.000 persone sono morte direttamente a causa della guerra, comprese forze militari di tutte le parti in conflitto, appaltatori, civili, giornalisti e operatori umanitari; più di 432.000 civili sono stati uccisi a causa della violenza diretta di tutte le parti coinvolte in questi conflitti; si stima che circa 3,6-3,8 milioni di persone siano morte indirettamente nelle zone di combattimento post-11 settembre, portando il bilancio totale delle vittime ad almeno 4,5-4,7 milioni; le guerre in Afghanistan, Pakistan, Iraq, Siria, Libia, Yemen, Somalia e Filippine hanno provocato lo sfollamento di 38 milioni di persone dall’11 settembre.

Si sarebbe potuto evitare la tragedia in Ucraina e il Paese sarebbe potuto rimanere entro i confini post-sovietici del 1991 se l’Occidente le avesse permesso di rimanere neutrale invece di spingerla ad aderire alla NATO.

In chiusura, diamo uno sguardo indietro ad alcuni punti luminosi che offrono speranza per tempi migliori a venire.

Sia negli Stati Uniti che in Europa, le voci delle persone che vogliono salvare le loro famiglie e il nostro pianeta dall’Armageddon stanno diventando più forti. La maggior parte degli americani è favorevole alla pace negoziata in questa guerra. In un sondaggio congiunto Economist/YouGov condotto nel novembre 2023, la domanda “Sosterresti o ti opporresti all’accordo tra Ucraina e Russia per un cessate il fuoco adesso?” Il 68% ha risposto “sono a favore”, solo l’8% “contro”, il 24% “indeciso”.

 

Vignetta d'epoca, URSS 1979

Il nuovo micro-Napoleone, Emmanuel Macron, in rari momenti di lucidità ha definito la NATO “priva di cervello”

 

Nonostante questi notevoli risultati, Washington e la NATO vogliono intensificare la guerra, respingendo ripetutamente le richieste russe di negoziati di pace, anche se ogni giorno la guerra continua porta più morte e distruzione, lasciando l’Ucraina in una situazione ancora più terribile.

Ma l’autoproclamato leader mondiale Joe Biden, dopo la sua performance disastrosa nel recente dibattito con Trump, si trova ad affrontare una sfida seria poiché sempre più democratici e i suoi donatori finanziari chiedono che si dimetta dalla corsa. I suoi vassalli europei, come il britannico Rishi Sunak, se ne sono già andati o sono in procinto di andarsene. Le recenti elezioni parlamentari nell’Unione Europea confermano questa tesi. Il nuovo micro-Napoleone Emmanuel Macron, che in rari momenti di lucidità ha definito la NATO priva di cervello, ha subito una schiacciante sconfitta sia alle elezioni europee che alle elezioni nazionali in Francia. Nuove voci sono emerse nel Parlamento britannico, come quella di Nigel Farage, che ha vinto il suo seggio in gran parte sostenendo che l’espansione della NATO verso est era la causa della guerra in Ucraina. Sempre più persone in Occidente hanno smesso di credere alla menzogna secondo cui Putin intende muoversi verso l’Occidente dopo la vittoria in Ucraina, e chiedono l’immediato avvio dei negoziati di pace. I georgiani, intelligenti, guardando ciò a cui aveva portato la politica della NATO in Ucraina, si sono calmati e hanno rifiutato le richieste dell’Occidente di aprire un secondo fronte contro la Russia.

Un ritorno al buon senso potrà avvenire solo quando sempre più persone in Occidente si renderanno conto che l’era di un mondo unipolare sotto l’egemonia di Washington è finita. La loro sicurezza e prosperità possono essere garantite solo se abbracciano il paradigma win-win condiviso dalla maggioranza globale del pianeta. Questo processo è già iniziato, ma per essere portato a termine con successo richiederà ulteriore espansione e ulteriori sforzi.

* Edward Lozansky è presidente e fondatore dell’Università Americana a Mosca “American University”

Fonte: https://pluralia.forumverona.com/a/quali-forze-rappresenta-la-nato-del-bene-o-del-male/.

 

You may also like

Europa continente occupato

di Pino Cabras. La notizia secondo cui Washington ha deciso un drammatico programma di riarmo con lo schieramento in Germania ...

Ospedali e guerra

di Pino Cabras. L’ospedale pediatrico di Kiev NON è stato colpito da un missile russo ad alta precisione, bensì da ...

Comments are closed.