Dal petrolio russo a buon mercato alle improvvise aperture della Cina, la posizione neutrale dell’India nei confronti del conflitto in Ucraina ha davvero molti vantaggi.

Quando la Russia ha lanciato la sua guerra su vasta scala contro l’Ucraina, l’India è apparsa per la prima volta bloccata in un angolo tra due parti. Essendosi avvicinata all’Occidente negli ultimi anni per assicurarsi un futuro contro la nemica storica, la Cina, ci si sarebbe potuti aspettare che Nuova Delhi si sarebbe allineata con Washington e gli altri alleati nel conflitto. Eppure l’India è stata riluttante a condannare la Russia, da cui tra l’altro rimane totalmente dipendente per la stragrande maggioranza del suo equipaggiamento militare. Allo stesso tempo, c’è davvero molta gente in India che vuole la Russia come partner, come è stato sin dagli anni ’50, quando Mosca sostenne Nuova Delhi mentre le potenze occidentali si allinearono con Islamabad. Mentre i legami dell’India con l’Occidente sono cresciuti rapidamente negli ultimi due decenni, l’empatia per la Russia è sopravvissuta. Non sorprende, quindi, che l’India si sia astenuta da tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dell’Assemblea generale che censuravano l’invasione russa. Che l’India si sia trovata dalla stessa parte della Cina su questo tema è quindi un effetto paradossale derivante dalla guerra in Ucraina.

Ora, sembra che la guerra possa effettivamente essere un gran bel regalo per New Delhi. Washington ha smorzato le sue critiche: sa che Nuova Delhi è necessaria come partner contro Pechino e comprende che la dipendenza dell’India dalle armi russe prevede che questa si comporti bene con Mosca. Proprio come la Cina, anche l’India, a corto di risorse, ha fatto buon uso della crisi per accaparrarsi petrolio russo a buon mercato, che sta acquistando con un forte sconto sui prezzi normalmente praticati poiché visto che i clienti occidentali sono tagliati fuori.

Nel frattempo, Cina e Russia stanno sfruttando il fatto che l’India non condanni la guerra di Putin per spingere  Nuova Dehli ad una maggiore cooperazione politica. La scorsa settimana, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi è arrivato a Nuova Delhi in visita senza preavviso. Questo giovedì dovrebbe arrivare in India anche il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. Mentre Pechino e Mosca potrebbero sperare di attirare l’India in una nuova coalizione asiatica anti-occidentale, è improbabile che l’India rinunci completamente al suo ri-orientamento strategico verso gli Stati Uniti e i suoi alleati. E quindi nel frattempo, l’India sta sfruttando al massimo il fatto di essere corteggiata da entrambe le parti.

Lungi dall’essere in una situazione poco invidiabile, New Delhi ora sembra ben posizionata per sfruttare la sua posizione di mezzo a proprio vantaggio sia nel breve che nel lungo termine. Dalla Russia, l’India sta ottenendo sconti su petrolio, fertilizzanti e altre materie prime mentre Mosca cerca disperatamente nuovi acquirenti. Dalla Cina, l’India sta cercando di ottenere un allentamento dello scontro militare sino-indiano in Himalaya. Con gli Stati Uniti e altri partner occidentali, l’India sta cercando di modernizzare la sua base industriale della difesa e ridurre la sua dipendenza dalle forniture militari russe.
Dal dispiacere iniziale di Washington per il voto alle Nazioni Unite dell’India, e dalla dichiarazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden secondo cui l’India è “un po’ qua e un po’ là” rispetto alle sanzioni, allo stesso tempo alti funzionari dell’amministrazione statunitense hanno segnalato la loro comprensione delle posizioni dell’India.

Funzionari americani ammettono che gli acquisti di petrolio dell’India dalla Russia non violano le attuali sanzioni. New Delhi, a sua volta, ha accuratamente evitato qualsiasi violazione del regime sanzionatorio. Per quanto riguarda la continua dipendenza dell’India dalle armi russe, il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland ha ammesso che questa è in gran parte colpa degli Stati Uniti, che sono state riluttanti a fornire all’India armi moderne durante la Guerra Fredda; durante una recente visita a Nuova Delhi, ha affermato che Washington è ora pronta a fare ammenda, forse includendo una più forte collaborazione con l’industria della difesa. Questo sarà probabilmente discusso in una riunione dei ministri degli esteri e della difesa degli Stati Uniti e dell’India il prossimo novembre.

Pechino e Mosca sperano di attirare Nuova Delhi in una nuova coalizione asiatica anti- occidentale.

Scossa dai fallimenti militari della Russia e dall’unità senza precedenti creatasi in Occidente di fronte alla guerra non provocata del presidente russo Vladimir Putin, Pechino e Mosca si stanno avvicinando l’una all’altra e stanno cercando di arruolare nuovi partner nel mondo non occidentale. Inevitabilmente, l’India è in cima alla lista dei loro obiettivi. A tal fine, Wang ha esposto quello che la Cina vede come un “momento asiatico molto propizio” negli affari globali e ha apertamente chiesto la cooperazione sino-indiana.

Wang ha inoltre ricordato a Nuova Delhi che la Cina ospiterà il vertice dei BRICS nel 2022 e nessuna delle due parti ignora che anche i due membri BRICS rimasti, ovvero Brasile e Sud Africa, siano stati riluttanti a sostenere l’Occidente su Russia e Ucraina. Wang sta promuovendo i BRICS e l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai in un altro forum multilaterale non occidentale in cui India, Cina e Russia si incontrano regolarmente. Questo è uno dei modi per contrastare ciò che Pechino considera inaccettabile, ovvero  il dominio occidentale dell’ordine globale, chiaramente sottolineato oggi dalle radicali sanzioni imposte Russia.

New Delhi, tuttavia, non è pronta a salire sul carro di una nuova coalizione guidata da Pechino e dal suo partner minore, Mosca. La preoccupazione più immediata dell’India è porre fine alla sua guerra di confine a bassa intensità con la Cina nell’Himalaya, dove Pechino non ha ancora fatto una vera e propria mossa. New Delhi ha insistito sul fatto che il ripristino dello status quo di prima dell’incursione e dell’occupazione cinese del territorio rivendicato dall’India nel 2020 è una condizione assolutamente  preliminare per la cooperazione in altre aree.

Mentre 15 tornate di colloqui tra comandanti militari indiani e cinesi hanno contribuito ad alleviare alcuni degli scontri militari in Ladakh, il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar sta spingendo per un disimpegno più rapido, a cominciare dal ritiro di migliaia di truppe che si trovano vicino al confine contestato. L’India riesce a non farne una questione di vita o di morte, ma non nega che accoglierebbe con favore qualsiasi riduzione della pressione militare cinese al confine.

Ma anche se Pechino modera le sue politiche e Nuova Delhi rivede le proprie idee sulla Cina, l’India ha poche ragioni per cambiare lo status quo con gli Stati Uniti, in particolare nella partecipazione in materia di sicurezza al Quadrilateral Security Dialogue, una partnership che include anche Giappone e Australia . Proprio come l’India si considerava non allineata durante la Guerra Fredda ma comunque vicina  all’Unione Sovietica, l’attuale posizionamento dell’India – un multi-allineamento tra Cina, Stati Uniti e Russia – sarà ponderato a favore degli Stati Uniti e dell’Occidente. Nonostante tutte le manovre, le difficoltà dell’India con la Cina non scompariranno a breve, né Mosca può impedire la costante diminuzione dell’importanza della Russia per Nuova Delhi.

Nella nuova situazione creata dalla guerra russa, anche la dipendenza dell’India da Mosca per l’acquisto di armi ha attirato l’attenzione dell’amministrazione Biden. Sebbene sia improbabile che la massiccia dipendenza dell’India dalle armi e dai pezzi di ricambio russi diminuisca rapidamente, gli Stati Uniti possono svolgere un ruolo fondamentale nell’accelerare la diversificazione dell’India. Il governo del primo ministro indiano Narendra Modi ha ora l’opportunità di spingere gli Stati Uniti e altri investimenti occidentali verso la modernizzazione e soprattutto l’indigenizzazione della base industriale del comparto indiano della difesa.

Nello scenario ideale ma attualmente non realizzabile dell’India, la Russia sarebbe  in assetto pacifico con l’Europa e gli Stati Uniti e aiuterebbe a stabilizzare l’equilibrio con il potere asiatico. La Russia di Putin, tuttavia, ha abbracciato la Cina, invocato l’ira occidentale con la sua guerra all’Ucraina e complicato la ricerca dell’equilibrio asiatico dell’India. Ciò limita in modo significativo ciò che l’India può fare nel prossimo futuro con la Russia e, a sua volta, con la Cina, anche se rimane aperta a coinvolgere Mosca e mantenere aperte le linee di comunicazione con la Cina.

Di Raja Mohan, traduzione Martina Giuntoli

 

  • 3427 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3166 Sostenitori