Non è un caso che in Italia il posto dove le restrizioni sono rimaste più a lungo siano i mezzi di trasporto. Fino al 30 settembre resta lìobbligo di mascherina, e non è detto che con l’autunno non ricominci la manfrina dei pass. La libertà di movimento è sotto attacco, ma non si può fare tutto e subito in un Paese occidentale.

Un tempo per capire quel che sarebbe avvenuto qui bisognava guardare a quello che avveniva negli Stati Uniti. Per quel che riguarda la parte “culturale” è ancora vero, visto che il politically correct e la cancel culture sono Made in Usa. Ma dal lato politico purtroppo bisogna guardare il Made in China.

Un esempio è la storia di Liu, un informatico di 39 anni, che si è improvvisamente visto mutare in rosso il suo Qr Code alla sua uscita dalla stazione di Zhengzhou. Fino a quel momento era andato tutto bene, tutto aveva funzionato alla perfezione: il suo Qr Code era risultato verde sino al suo arrivo a Zhengzhou.

E cosa era andato a fare Liu a Zhengzhou? Era andato alla sede della sua banca per capire perché i suoi conti erano stati congelati. E questo è solo un esempio di una vittima di questo abuso statale. Diverse persone sono andate fino a quella banca di Zhengzhou per chiedere conto dei depositi congelati. Ma sono stati bloccati dal Qr Code. Che significa diventare improvvisamente lebbrosi ed essere sottoposti a settimane di quarantena in nome della politica cinese dello “Zero Covid”, politica che piace al ministro Speranza.

Da un lato si parla dei conti bloccati, e questo ci riporta da un caso affrontato a gennaio: i conti bloccati ai truckers canadesi che protestavano contro Trudeau. In realtà stupisce che sia il democratico (sulla carta) Canada e non l’orwelliana Cina ad applicare simili misure. Ma questo è il capitolo eliminazione del contante tanto pubblicizzato, sotto il pretesto della lotta all’evasione, anche in Italia. Una volta che elimino il contante ho in pugno tutti coloro che protestano contro il governo. Un uomo come Draghi, un banchiere che in Grecia ha chiuso i bancomat provocando un disastro umanitario, lo sa come e più di Xi Jinping.

Ma vi è anche la possibilità di impedire fisicamente gli spostamenti. Questo avviene in Cina. Certo, la fonte è la Cnn, quantomeno sospetta. Ma d’altro canto ci sono youtubers italiani che vivono in Cina addirittura difendono questo sistema. E questo sistema potrebbe essere introdotto qui. Ripetiamo, la cancellazione del contante è uno degli obiettivi della dittatura di Draghi, e guarda caso sui treni le restrizioni durano tuttora.

Ovviamente i casi occidentali sono diversi da quello cinese. La Cina è sempre stata culturalmente una dittatura, sin dai tempi del Celeste Impero, e dagli imperatori Ming a Mao a Deng e Xi Jinping è cambiata solo l’ideologia, non la sostanza. La Cina non ha mai avuto democrazia, l’Occidente ha una tradizione democratica che affonda sino all’Atene del V secolo avanti Cristo. E non si può imporre subito un simile sistema, prima bisogna “convincere la gente”: persino la Cina totalitaria e mandarinesca ha dovuto usare la scusa della politica zero Covid, ed è per questo che il ministro Speranza guarda alla politica zero Covid.

Il ministro Speranza, una persona evidente inadeguata al ruolo che si trova a ricoprire, è membro della Fabian Society, un gruppo elitario inglese che mira a imporre la propria agenda totalitaria però “temporeggiando”. Infatti si chiama così in onore di Quinto Fabio Massimo il Temporeggiatore, il dittatore romano che volle affrontare Annibale con una guerra di logoramento. In questo caso si vuole pian piano “logorare” la democrazia. E quindi la resistenza delle restrizioni sui treni potrebbe essere la preparazione a quel che avviene in Cina. In questo caso Trudeau è stato poco “fabiano”, bruciando le tappe.

Per questo l’inadeguato Speranza persiste con la politica zero Covid. Probabilmente si vuole, temporeggiando, fare dell’Italia la Cina d’Europa.

ANDREA SARTORI

Invitiamo tutti a iscriversi al canale Telegram di Visione TV. E per aiutarci a sostenere le spese per un’informazione di qualità, cliccate qui: anche un piccolo contributo è importante!

  • 3534 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3193 Sostenitori