Da Mosca Mark Bernardini per Visione TV. Siamo alla settimana del 18-24 settembre 2023, proseguiamo con il notiziario settimanale dalla Russia. Buon ascolto, buona visione e soprattutto buona Visione TV.
In questo notiziario, oltre alle notizie di carattere geopolitico internazionale, prestiamo sempre particolare attenzione a quanto si dica nei media russi con riferimento all’Italia. Ultimamente, ciò diventa sempre più difficile: si tratta o di notizie a carattere prettamente sportivo, oppure di notizie che comunque trovate nei media italiani, non avete bisogno di noi per conoscerle.
In Russia in questo fine settimana si è votato per gli enti locali. In Italia, ne hanno scritto di ogni. La sintesi è che la comunità internazionale le considera non democratiche. E’ lecito domandare che sia, questa comunità internazionale? Già, perché gli osservatori internazionali sul posto dicono unanimemente il contrario.
C’è un interessante articolo di Sergej Lavrov, ministro degli esteri russo, dal titolo: “50 anni del colpo di stato in Cile: memoria e lezioni”. I paralleli con l’attualità sono palesi, ve lo traduco per intero.
Come vi avevo raccontato, la settimana appena trascorsa ho partecipato al forum internazionale antifascista. Non sto a farvi vedere il video, altrimenti poi avrei dovuto tradurlo. Ecco comunque più o meno quanto ho raccontato.
Nell’organizzazione di un qualsiasi Stato, esistono delle formulazioni che vengono usate spesso – troppo spesso – senza conoscerne il reale significato, attribuendo loro sfumature positive o negative a seconda delle proprie opinioni politiche. Democrazia, dittatura, autarchia, presidenzialismo, parlamentarismo, regime.
C’è una tale, o un tale, visto che è transessuale, cittadina statunitense, Sarah Cirillo, che è la portavoce ufficiale delle forze armate ucraine. Ha minacciato per i prossimi giorni attentati a personalità altolocate russe, politici, giornalisti, per il loro sostegno dell’operazione militare speciale russa in Ucraina.
La Rimskaja (letteralmente, “Romana”) è la 153-a stazione della metropolitana di Mosca, costruita relativamente da poco, appena poco meno di trent’anni fa, nel 1995, una delle poche senza riferimenti topografici in superfice. Alla progettazione artistica parteciparono due architetti italiani, Imbrighi e Quattrocchi.
7 novembre 2017, centenario della Rivoluzione d’Ottobre. El pueblo unido jamás será vencido in russo. La gente si è alzata tutta in piedi. Guardate bene chi c’è in prima fila: il compianto Giulietto Chiesa.
Per questa settimana è tutto. A risentirci e rivederci, sempre su Visione TV!
_____________
✔️SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT65C0306916355100000009028
INTESTATO A: VISIONE TV
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

✔️SOSTIENICI TRAMITE PAYPAL E CARTA DI CREDITO: https://bit.ly/3yzNVId

✔️ Disponibile il quinto numero di “Visione, un altro sguardo sul mondo” – “Il ritorno dell’Inquisizione” – ORDINALO ORA https://bit.ly/45tEd98

✔️ISCRIVITI AL CANALE: https://bit.ly/2SQWDNI

You may also like

Comments are closed.