Gli Stati Uniti sono preoccupati: questo è ciò che emerge dal meeting di sette ore a Roma di ieri tra il consigliere per le Sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan e il “ministro degli Esteri” del Partito Comunista Cinese Yang Jechi.

“Abbiamo gravi preoccupazioni riguardo l’allineamento della Cina alla Russia” dice Jake Sullivan al termine di un meeting di sette ore definito “intenso”. Gli Stati Uniti parlano inoltre delle “profonde implicazioni e conseguenze” che tale allineamento possono portare. E il consigliere Sullivan dice una nota, è stato diretto riguardo tali conseguenze. Ovvero sanzioni anche alla Cina sulle esportazioni.

La Cina invece “vuole evitare il conflitto” e si “oppone ad ogni tentativo di disinformazione”.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi aggiunge che “la Cina non è parte della crisi e non vuole essere colpita dalle sanzioni” soprattutto “la Cina si oppone all’uso di sanzioni“.

Comincia dunque la vera guerra?

Perché la vera partita è quella tra Stati Uniti e Cina. Unione europea e Russia sono due potenze secondarie che usciranno indebolite se non distrutte dal conflitto in corso. Dietro stanno i veri giganti che non si stanno davvero impegnando nel conflitto, ma stanno più a guardare che altro. E la guerra tra i due giganti sarà soprattutto di tipo economico.

Il meeting di Roma ci ha dato un primo assaggio di quello che sarà davvero lo scontro del XXI secolo. Detto questo le preoccupazioni degli Usa sono ben fondate. La Cina da subito ha rifiutato il nome di “invasione” all’operazione in Ucraina e, pur tra mille ambiguità, ha preso posizione a favore della Russia che si trova tutt’altro che isolata.

In questo caso il futuro scontro finale potrebbe vedere gli Usa ulteriormente indeboliti mentre la Cina, che comunque si potrà avvalere anche delle materie prime della Russia, ancora più forte.

ANDREA SARTORI

Invitiamo tutti a iscriversi al canale Telegram di Visione TV, con i contenuti esclusivi del nostro inviato in Ucraina Giorgio Bianchi

Che ne dici di una piccolissima donazione? Il tuo aiuto è indispensabile per portare avanti la controinformazione in un momento così critico! Clicca qui per dare una mano, e mille grazie

  • 3435 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3168 Sostenitori