Riportiamo di seguito in traduzione un pezzo apparso sul quotidiano francese Le Monde, dove si evidenza come i giganti di Big Tech abbiano investito anche nel mondo della scuola. Ma non hanno messo a disposizione fondi per implementare i servizi pubblici. Bezos, Zuckerberg, Musk e Gates hanno creato le loro scuole, per creare i loro studenti, i loro utenti e infine i loro clienti.

Questi simboli del capitale e della globalizzazione potrebbero mai rischiare di dare i propri soldi a qualcuno che non porti avanti i valori che animano le loro stesse aziende? Figurarsi. Infatti ciò che viene partorito dall’America di Big Tech è una scuola particolare, piccolissima, super elitaria, con programmi pratici orientati al problem solving, lontana anni luce da banco e lavagna, così come da insegnante e alunno.

Ma non tutti sono convinti che questo sia il prossimo orizzonte scolastico su cui scommettere. La prova che la scuola online e non tradizionale crea ignoranza e lacune disastrose che sono e saranno difficili da colmare? Basta guardare la generazione degli studenti che ha attraversato la pandemia. Le piattaforme non sono riuscite a sostituire ciò che bambini e adolescenti fanno a scuola, in presenza.

L’istruzione dunque non può essere il vero obiettivo di queste scuole. Infatti non lo è. Più sensato pensare che riempire gli Stati Uniti di queste micro-realtà sia fatto per moltiplicare i clienti dei giganti di Big Tech, che concepiscono la loro vita esclusivamente online, e di cui, fin da piccoli si conoscono e si plasmano gusti e preferenze.

E quindi mandano a scuola, nella loro, l’americano per farlo diventare il loro cliente perfetto.

MARTINA GIUNTOLI

——————————————————————————————–

“Lo studente sarà il cliente”: negli Stati Uniti, ecco come sarà la scuola secondo Jeff Bezos, Mark Zuckerberg ed Elon Musk. I grandi imprenditori del settore tech americano, a partire da Bill Gates (Microsoft) e Reed Hastings (Netflix), svolgono azioni filantropiche nel campo dell’educazione. Ed il  dibattito si accende.

L’asilo di McCarver a Tacoma, nella periferia di Seattle, non è del tutto comune. Primo, è una scuola Montessori. All’inizio dell’anno scolastico, la settimana del 5 settembre, gli studenti dai 3 anni ai 5 anni hanno trovato nelle sue aule in legno chiaro il tipo di materiale pensato dalla famosa pedagoga italiana per sviluppare l’autonomia: da soli o in piccoli gruppi, su un tavolo o un tappeto sul pavimento. Disegneranno in una sandbox, impareranno a contare con ciottoli e carte decorate con numeri.

Un’altra particolarità, l’istituto non accoglie le solite famiglie benestanti delle scuole Montessori: gratuito e installato in un quartiere sfavorito, si rivolge a quel 50% di americani che si trova ad avere un reddito per cui non sanno dove mandare i loro figli, troppo ricchi per accedere alle classi pubbliche gratuite, e troppo poveri per pagare 13.000 dollari (13.000 euro) all’anno in una scuola privata.

Infine, un segno ancora più distintivo è scritto in lettere bianche su un cartello blu all’ingresso: Bezos Academy. McCarver è una delle cinque scuole materne Montessori aperte dal 2019 dal fondo filantropico del fondatore di Amazon, Jeff Bezos. Questa struttura precisa di volerne creare “altre 17 tra il 2023 e il 2025, nello Stato di Washington, in Florida e in Texas”, per “un totale di 1 300 alunni “.

Fare un prototipo, migliorarlo e distribuirlo ampiamente 

La crescita di queste nuove scuole è, per il momento, “modesta”, come constata Mira Debs, direttrice del dipartimento di scienze dell’educazione dell’università di Yale (Connecticut). Ma la Bezos Academy e il suo presidente, Michael George, hanno “un approccio preciso, ispirato ad aziende come Amazon” racconta questa autrice di un libro sulle scuole Montessori, che in un incontro mentre rilasciava autografi nel 2019 ha ricevuto la visita di questo veterano dell’azienda dell’e-commerce in cui ha trascorso sedici anni. “Il loro approccio è quello di fare un prototipo, poi migliorarlo e poi distribuirlo ampiamente “analizza.

“Utilizzeremo gli stessi principi di Amazon, inclusa una vera ossessione per il cliente. Lo studente diventerà a tutti gli effetti il cliente “, aveva teorizzato il sig. Bezos annunciando il progetto.

Cosa pensa la signora Debs della Bezos Academy? Lei è stata “piacevolmente sorpresa” che l’organizzazione abbia preso contatto con la comunità Montessori, ma anche stretto partnership con municipi, locatori o case di riposo, che le mettono a disposizione dei locali. Ma al contempo pensa anche che il sig. Bezos potrebbe avere “un impatto ancora maggiore” sostenendo anche le organizzazioni di tipo Montessori esistenti che già operano presso le popolazioni svantaggiate.

Carol Burris, attivista della scuola pubblica, è invece più scettica:

“Nell’educazione, gli imprenditori di big tech non possono fare a meno di interferire nelle decisioni. Eppure, quando i miliardari donano in un ospedale, non dicono al chirurgo come operare, ironizza la direttrice del Network for Public Education. Bill Gates, il fondatore di Microsoft, e Reed Hastings, il capo di Netflix, sono stati molto coinvolti nel movimento di riforma dell’istruzione, con l’idea di ispirarsi alle imprese private. “

Alcune misure sono state incluse nelle riforme di Barack Obama

Ex professore di matematica nello Swaziland, l’amministratore delegato della piattaforma di video on demand è arrivato fino a dirigere il Consiglio dell’Istruzione dello Stato della California negli anni 2000: lì ha promosso le scuole autonome “finanziate con fondi pubblici, ma gestiti da enti privati” (a differenza dell’85% degli istituti pubblici americani, gestiti da consigli eletti, e del 6% delle scuole private a pagamento).

La Fondazione Bill e Melinda Gates ha anche finanziato la creazione di “piccole scuole”, smantellando grandi istituti o sostenendo la valutazione degli insegnanti in base ai voti ottenuti dai loro studenti durante i test. Alcune di queste misure sono state incluse nelle riforme di Barack Obama. All’interno del suo governo un ministro dell’istruzione impiegava un ex collaboratore della Fondazione Gates, Jim Shelton. Questo è stato poi reclutato dalla Chan Zuckerberg Initiative (CZI), la fondazione creata, nel 2015, da un’altra coppia della tecnologia interessata all’insegnamento: il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, e sua moglie, Priscilla Chan.

Già nel 2010, il duo aveva finanziato, a Newark, un sobborgo difficile di New York, un progetto controverso basato sulla chiusura di college e licei pubblici con scarsi risultati e l’apertura di “scuole sutonome“. ” Il sig. Zuckerberg e i suoi alleati non erano stati abbastanza umili e non avevano coinvolto abbastanza la gente locale, racconta Dale Russakoff, ex giornalista del Washington Post e autrice di un libro critico. Il progetto non è stato un fallimento totale, ma nemmeno un successo, perché speravano di convalidare un modello applicabile in tutto il paese.”

Non ci sono ancora studi seri sui risultati. “L’incursione dei padroni del digitale suscita anche un dibattito sul ruolo della tecnologia. La CZI ha donato 142 milioni di dollari – su 840 milioni distribuiti nell’istruzione dal 2015 – a Summit Learning, una piattaforma online ” di educazione personalizzata “. Per ” imparare ognun al suo ritmo “, gli studenti possono scegliere un argomento, accedere a una ” playlist ” di risorse online, allenarsi, e quindi sostenere un test”.

L’insegnante può aiutare l’allievo quando quest’ultimo lo richiede, o durante un appuntamento settimanale di “tutoraggio”. L’allargarsi del servizio, a partire dal 2017, in piena polemica sull’impatto di Facebook, ha suscitato proteste da parte di genitori che temevano di vedere i loro figli diventare degli “zombie ” davanti a un computer, ha riferito il New York Times. “Ma la piattaforma – gratuita – è oggi utilizzata da 400 scuole e 80.000 studenti. E il 65% degli insegnanti pare sia soddisfatto”, assicura la CZI.

Alex Molnar, del National Education Policy Center, non ne è proprio convinto:

Non c’è ancora uno studio serio sui risultati, e manca la trasparenza sugli algoritmi e sull’uso dei dati, anche se Summit assicura di non condividere informazioni nominative.

Per lui, i magnati del digitale sognano di attirare gli studenti nei loro “mondi digitali” come Facebook o Amazon e la sua offerta di servizi di fidelizzazione Prime.

Uguaglianza razziale e diversità 

Benjamin Riley è più misurato. Per il fondatore di Deans for Impact, un’associazione di formazione per insegnanti sostenuta dalla CZI, la mentalità di queste fondazioni si è evoluta: “La pandemia di Covid-19 ha permesso di testare nuovi usi del digitale, ma ha anche ridotto le speranze che fosse la soluzione nell’istruzione, spiega. Più in generale, la partenza di Obama ha segnato l’inizio della fine del movimento di riforma dell’istruzione. ” Lucidi, Bill e Melinda Gates ammettono l’impatto limitato delle loro iniziative: “Vent’anni fa avremmo scommesso che il nostro lavoro più incerto avrebbe riguardato la salute, e che l’istruzione sarebbe stata la migliore. Questo è stato esattamente l’opposto “, hanno scritto nel 2020, sostenendo ora “reti” di scambio di buone pratiche.

Come la Bezos Academy, la CZI difende “l’uguaglianza razziale e la diversità“così come l’approccio volto al benessere generale (materiale, psicologico…) del bambino. Nello stesso spirito, il capo di Netflix ha donato nel 2020 120 milioni di dollari a “università storicamente frequentate da neri” (HBCU).

Se finora ha rischiato di cambiare radicalmente il futuro della scuola, l’educazione filantropica ci informa sui leader del digitale. E partecipa a costruire la loro immagine. Mark Zuckerberg ha intensificato la sua attività per la CZI dedicata alla scuola e alla salute, mentre la reputazione di Facebook è stata attaccata. Tra i suoi modelli c’è Bill Gates, che è stato deriso quando gestiva una Microsoft dominante e oggi è invece noto per la sua potente fondazione. Jeff Bezos ha lanciato il suo Day One Fund, dedicato ai senzatetto e all’istruzione, dopo essere stato a lungo criticato per la sua inattività da un punto di vista di opere di beneficienza.

Questi leader tirano fuori la propria esperienza 

La signora Russakoff scopre una motivazione più personale, anzi narcisistica: “Questi dirigenti estrapolano la propria esperienza. Quindi, Jeff Bezos, cresciuto da un patrigno cubano immigrato, è passato per… un asilo Montessori. Anche Bill Gates e i fondatori di Google, Larry Page e Sergey Brin, hanno conosciuto questo metodo che è molto vicino al processo di sperimentazione della tecnologia“, osserva Debs.

Mark Zuckerberg ha lasciato il liceo per entrare nell’elitario collegio Phillips Exeter, poi ha lasciato l’università di Harvard per fondare Facebook. “Con un sorriso, signora Russakoff. Elon Musk, invece, ha assicurato in una conferenza, nel 2020, “che non c’è bisogno di andare all’università per imparare cose “. Ma il capo di Tesla e SpaceX non ha forse lasciato Stanford per creare PayPal?

Sempre radicale, Elon Musk ha, un tempo, messo in piedi un’iniziativa originale: Ad Astra, una micro-scuola segreta collocata nella fabbrica di razzi SpaceX, a Hawthorne, in California. Non era soddisfatto del destino dei suoi cinque figli alla scuola Mirman, seppure riservata agli studenti con un quoziente intellettuale elevato. Così ha preso il loro insegnante Joshua Dahn nel 2014 per portarlo nella micro scuola di sua creazione. I principi di Ad Astra? Non “segregare” i bambini per età, ricorrere al ” gioco ” e insegnare ” non gli strumenti, ma la risoluzione dei problemi “, ha spiegato Mr. Musk, nel 2015, su un canale cinese.

Fondazioni presuntuose

Nelle rare immagini di Ad Astra, una manciata di adulti e bambini lavora al computer o gioca a fare gli apprendisti ingegneri, rompendo un piccolo ponte di legno o spegnendo un incendio su un modello… Ultraselettiva, la scuola non ha mai superato i 40 studenti. E ha chiuso nel 2020. Da allora, Mr. Dahn ha lanciato Astra Nova, una scuola privata 100% online e a pagamento – 32.000 dollari l’anno. Assicura di avere 150 studenti. E vanta i suoi moduli da svolgere da casa: piccoli video di “dilemmi” (” Come condividere un tesoro tra il ricercatore che ha trovato la mappa, chi l’ha tradotta, ecc. ” ) e giochi collaborativi (gestire un ecosistema oceanico, ecc.).

Una tale start-up elitaria non sarebbe mai accolta dai sostenitori della scuola pubblica negli Stati Uniti.

“Piuttosto che delle vanitose fondazioni, occorrerebbe una tassazione dei miliardari per finanziare classi con meno alunni“sostiene Mr. Molnar.

Inoltre, migliorare le condizioni di lavoro degli insegnanti e permettere loro di gestire l’istruzione personalizzata, afferma Debs.

“La filantropia dei miliardari della tecnologia non sarà mai che una goccia d’acqua rispetto ai 750 miliardi di dollari di spesa pubblica annuale per l’istruzione negli Stati Uniti, sottolinea. Mr. Bezos dovrebbe chiedere una riforma che finanzi gli asili per tutti.”

Tale misura è stata inclusa nell’ambizioso piano infrastrutturale presentato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla fine del 2021. Ma alla fine non è stato votato.

di Alexandre Piquard, via Le Monde, traduzione MARTINA GIUNTOLI

  • 4537 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3555 Sostenitori
 
 

Ultimi Video