di David Moscrop.

Il cosiddetto «Internet delle cose» è pieno di spie automatizzate. La raccolta dati, ora integrata nella progettazione delle nuove macchine, è più pervasiva che mai e sta dando vita a un nuovo mondo fatto di sorveglianza e collusione aziendale

Nel caso pensiate che la rete di sorveglianza capitalista impostaci da aziende canaglia e governi complici non fosse abbastanza distopica, la notizie è che vostra auto potrebbe ora spiarvi e vendere i dati che ha raccolto alle compagnie assicurative tramite LexisNexis.

La settimana scorsa, il New York Times e altri hanno scritto che alcuni veicoli della General Motors (Gm) stavano raccogliendo dati sui conducenti – in alcuni casi all’insaputa del proprietario – che le compagnie di assicurazione potevano, e lo hanno fatto, utilizzare per adeguare (cioè aumentare) i premi assicurativi. Il programma Smart Driver di Gm non è l’unico nel suo genere. Altre case automobilistiche offrono servizi simili, il che può sembrare innocuo (Wi-Fi in auto, fantastico!), ma in realtà è insidioso, dal momento che finisci per «acconsentire» a essere spiato per il profitto della casa automobilistica.

 

La distopia del capitale

Nel 2023, la Mozilla Foundation ha pubblicato una ricerca in cui affermava che le auto erano un «incubo su ruote per la privacy» e «la peggiore tipologia di prodotti per la privacy».

Su The Conversation, la professoressa di diritto Katharine Kemp ha illustrato gli ampi meccanismi di raccolta dati nei veicoli, tra cui «fotocamere, microfoni, sensori, telefoni e app connessi». Ha sottolineato la natura in tempo reale della raccolta dei dati e la sua potenziale integrazione con altre fonti, come altri prodotti connessi a Internet.

Kemp ha fornito un lungo elenco di come la tua auto ti spia e quali dati raccoglie. Include «velocità, sterzo, uso del pedale del freno e dell’acceleratore, uso della cintura di sicurezza, impostazioni di infotainment, contatti telefonici, destinazioni di navigazione, dati vocali, posizione e ambiente circostante e persino filmati di te e della tua famiglia fuori dall’auto». Ha anche sottolineato che «tra il 2019 e il 2022, secondo i rapporti, i dipendenti Tesla hanno fatto circolare internamente filmati intimi raccolti dalle auto private delle persone per il proprio divertimento».

La raccolta di dati sui consumatori aziendali non è una novità, così come non lo è la pratica di adeguare i premi assicurativi in base al comportamento del conducente. Ma estendere e potenziare la pratica con il potere dei big data e nasconderla – intenzionalmente o meno – dietro la tendenza umana, che le aziende sicuramente conoscono, a non immergersi negli arcani termini legalesi del servizio, è un nuovo passo coraggioso verso un fantascientifico inferno di sorveglianza. È parte di tutti gli altri sviluppi tecnologici sui quali non esiste alcun controllo pubblico. Ed è un altro segnale del fatto che stiamo entrando in una forma più pericolosa di distopia capitalista dalla quale non possiamo uscire senza la pressione collettiva e l’intervento pubblico.

Nuovi Panopticon

Siamo sempre più circondati da prodotti che ci trattano come una miriade di dati da raccogliere in nome del profitto mentre veniamo intervistati in pubblico e in privato. Le automobili che ci spiano sono solo l’ultimo di una lunga serie di prodotti utili ai loro creatori aziendali più che ai loro consumatori.

L’anno scorso, Amazon ha dovuto risolvere casi relativi ad abusi del suo campanello Ring e di Alexa, inclusa la violazione del diritto alla privacy dei bambini trattenendo registrazioni e consentendo ai dipendenti l’accesso aperto alle riprese video di Ring, che hanno portato a spiare i clienti. Fino a quest’anno, Ring ha consentito alla polizia di accedere ai filmati dei consumatori, anche nei casi in cui i proprietari non hanno dato il permesso.

Oltre allo spionaggio delle aziende o alla condivisione dei vostri dati con lo Stato, esiste anche il rischio di fughe di dati. Nell’autunno del 2023, una fuga di notizie da 23andMe ha portato alla scoperta delle informazioni genetiche di quattordici milioni di persone. «L’apparente hacker ha postato in un forum online… offrendosi di vendere i nomi, le località e le etnie di quelli che potrebbero essere milioni di utenti di 23andMe, chiamando in causa specificamente persone di religione ebraica». L’elenco delle principali violazioni dei dati aziendali è lungo e comprende Adobe, Air Canada, Apple, Blizzard, Cvs, Equifax, Facebook, Google, LexisNexis, Microsoft, Sony, TikTok, Twitch, Twitter e Yahoo.

L’inclinazione del capitalismo verso il monopolio converge con la raccolta dei dati per formare una realtà particolarmente desolante. Nel sistema economico della «scelta», diversi mercati negli Stati uniti e in Canada sono dominati da un pugno di aziende, la maggior parte delle quali sono completamente prive di dati.

I supermercati di alimentari, le compagnie aeree, le telecomunicazioni, le banche, le case automobilistiche e le grandi aziende tecnologiche comprimono i concorrenti e lasciano ai consumatori e agli utenti una scelta limitata, costringendoli ad accettare prezzi elevati, cattivo servizio e pratiche di raccolta dati totalmente irragionevoli. Nella misura in cui questi colossi aziendali colludono – o «si coordinano» – per stabilire standard, le persone non hanno nessuno a cui rivolgersi.

Gli occhi del Grande fratello

Nonostante l’ubiquità della raccolta dati e il suo abuso per fare i ricchi sempre più ricchi, la notizia che la tua auto potrebbe spiarti per arricchire ulteriormente le case automobilistiche e le compagnie assicurative dovrebbe ancora scioccarci. Non dovremmo diventare insensibili a questa realtà, né dovremmo accettarla. Le case automobilistiche contano sul fatto che le persone non si accorgono di quali dati vengono raccolti dai conducenti e di come tali dati vengono utilizzati. Questo è il programma in tutti i settori.

È risaputo che le aziende raccolgono troppi dati e che regolarmente non riescono a tenerli al sicuro. È inoltre risaputo che i consumatori o gli utenti sono pronti a fornire i propri dati, ad accettare i termini di servizio, a fare clic su una casella e andare avanti con la propria giornata. Ma il problema non sono i privati, bensì le aziende. In un mercato in cui la scelta di rinunciare è raramente una scelta, soprattutto in una situazione di monopolio o oligopolio, cosa devono fare le persone?

Innanzitutto, dobbiamo accettare il fatto che, in definitiva, abbiamo bisogno che i governi stabiliscano standard e punizioni migliori. Inoltre, dobbiamo esigere che, di regola, le aziende raccolgano meno dati, abbiano limitazioni o il divieto di condividerli e dichiarino espressamente e in termini semplici quali dati vengono raccolti e come vengono utilizzati. Gli abusi nella raccolta dei dati dovrebbero mettere in ginocchio le aziende e comportare pesanti responsabilità per dirigenti e proprietari, comprese potenziali sanzioni penali in casi estremi di negligenza o inganno.

Vivere in una distopia della sorveglianza capitalista non è inevitabile. È la nostra realtà attuale, ma possiamo esercitare il libero arbitrio. Possiamo chiedere un cambiamento, lottare per questo e smantellare la rete attraverso l’intervento dello Stato. Non dobbiamo cedere fino all’ultimo centimetro e momento della nostra vita alle aziende che trasformano i nostri dati in una merce e li usano per controllarci e sfruttarci. Possiamo riprenderci la nostra vita e la nostra privacy, anche se questi macabri guardoni ci spiano mentre lo facciamo.


*David Moscrop è uno scrittore e commentatore politico. Conduce il podcast Open to Debate ed è l’autore di Too Dumb For Democracy? Why We Make Bad Political Decisions and How We Can Make Better Ones (Goose Lane Editions, 2019). Questo testo è uscito su JacobinMag. La traduzione è a cura della redazione.

Tratto da: https://jacobinitalia.it/la-tua-auto-ti-controlla/.

You may also like

Comments are closed.