TRATTO DA “LA FIONDA” –  I recenti avvenimenti in Georgia stanno dando luogo a interpretazioni semplicistiche e polarizzate. Il seguente articolo tradotto dall’originale di Almut Rochowanski e Sopo Japaridze fa giustizia di molti luoghi comuni, in particolare della “legge russia” che sarebbe in contrasto con lo stato di diritto “garantito” dalla integrazione Ue – mentre, si noti, blasonati fact-checkers come quelli di Open si guardano bene da sottoporre ad analisi tale etichetta, nascondendosi pavidamente dietro il punto di vista di forze schierate sul fronte euroatlantico senza metterli in questione; ma anche di chi la considera uno strumento valido per garantire sovranità al paese (nota della Redazione de La Fionda).

I disordini in Georgia per la “Legge sulla trasparenza dell’influenza straniera”

di Almut Rochowanski e Sopo Japaridze.

C’è un enorme problema al centro della peculiare politica economica della Georgia. Risale a un quarto di secolo, antecedente alla Rivoluzione delle Rose del 2003. Il defunto presidente Edvard Shevardnadze aveva concesso alle agenzie umanitarie straniere un ampio margine di manovra, quindi verso la fine del suo governo inetto e corrotto, le ONG erano già una presenza visibile nel discorso politico del paese e mantenevano rapporti solidi con i donatori internazionali. Dopo anni di disordini e collasso dello Stato, i georgiani dotati di idee e convinzioni hanno colto l’occasione per plasmare la loro società. Sembrava una temperie fresca, energica, guidata più da imprenditori del sociale che da movimenti con ampia base popolare. Dopo che l’ex ministro della Giustizia di ShevardnadzeMikheil Saakashvili, lo depose durante la Rivoluzione delle Rose, i professionisti delle ONG occuparono rapidamente incarichi di alto livello nel governo. Lo spazio politico del paese è stato spalancato a tutti gli aiuti e gli esperimenti di riforma guidati dall’estero. Il calcolo alla base di ciò era che i benefici geopolitici e materiali netti avrebbero superato di gran lunga qualsiasi inconveniente.

Seguirono flussi di aiuti esteri costantemente elevati e programmi di aiuto bilaterali, e Banca Mondiale, le agenzie delle Nazioni Unite, i gruppi internazionali di aiuto allo sviluppo piccoli e grandi e persino le filantropie private occidentali aprirono uffici ben preparati a Tbilisi. Per spendere tutti i loro soldi, realizzare i loro progetti spuntando la casella “consultazione e collaborazione con la comunità”, tutti avevano bisogno delle ONG locali. La domanda crea l’offerta e oggi in Georgia sono registrate più di 25.000 ONG. Secondo le autorità georgiane, il 90% dei loro finanziamenti proviene dall’estero, ma questa media nasconde che la stragrande maggioranza delle ONG georgiane non dispone di alcun finanziamento locale. Probabilmente troverebbero assurda l’idea stessa di chiedere soldi alla gente del posto, e se ci provassero, nella forma attuale, difficilmente potrebbero ottenere il sostegno dei loro connazionali.

Le agenzie estere di aiuto e le loro ONG locali sussidiarie hanno a lungo colonizzato la maggior parte dei settori delle politiche e dei servizi pubblici: istruzione, sanità, riforma giudiziaria, sviluppo rurale, infrastrutture, ecc.

In pratica, il copione ricorrente è più o meno questo: un’importante agenzia di aiuti allo sviluppo o un finanziatore internazionale, ad esempio l’USAID, la Commissione Europea o la Banca Mondiale, che ha ideato un nuovo modello per la riforma dell’istruzione, ora prevede di implementarlo non solo in Georgia, ma in genere in tutta una serie di paesi. Per dargli una patina di partecipazione comunitaria, l’agenzia umanitaria incarica le ONG georgiane di svolgere il lavoro quotidiano: introdurre le nuove modalità presso funzionari, scuole e insegnanti e formarli nelle nuove competenze di cui presumibilmente hanno bisogno. Nessuno, in questo o in qualsiasi altro momento, chiede agli insegnanti, ai genitori, agli studenti o, del resto, all’elettorato in generale, di cosa hanno bisogno e cosa vogliono e come si potrebbero migliorare le cose. Le persone si sentono inascoltate, ignorate, trattate con condiscendenza – e anche inadeguate quando non riescono a raggiungere i parametri di riferimento che tutta questa formazione avrebbe dovuto raggiungere.

Le ONG georgiane a cui vengono concessi finanziamenti per realizzare questo lavoro sebbene siano locali detengono un potere considerevole sulla popolazione georgiana. Questo potere deriva dal loro accesso alle ambasciate e alle risorse occidentali e dalla legittimità che ciò trasmette piuttosto che dal sostegno della base. In una democrazia funzionale, il popolo elegge i legislatori e l’esecutivo per servirlo e rappresentare i suoi interessi. In Georgia, le ONG non elette ottengono il loro mandato da organismi internazionali, che redigono e finanziano liste di riforme politiche per il paese. Le ONG locali non sono incentivate a considerare l’impatto dei progetti che implementano perché non sono responsabili nei confronti dei cittadini sulle cui vite svolgono un ruolo così invadente.

Questa costellazione ha eroso l’autonomia dei cittadini georgiani, la sovranità e la democrazia del paese.

Tuttavia, il progetto di legge sulla “trasparenza dell’influenza straniera” presentato dal governo georgiano per il secondo anno consecutivo non affronterà questo enorme problema al centro della politica economica della Georgia. Non si intende nemmeno affrontare questo problema. Il governo georgiano non si preoccupa realmente della sovranità della Georgia, e nemmeno lo fanno i donatori stranieri e le agenzie umanitarie, né l’élite delle ONG georgiane.

Sogno Georgiano, il partito al potere dal 2012, non ha intenzione di sradicare tutti i finanziamenti esteri dalla politica economica georgiana. Al contrario, sono perfettamente soddisfatti del flusso continuo di aiuti esteri e di come il complesso apparato donatori-ONG sforna politiche e (più o meno) servizi. La politica della Georgia può essere notoriamente polarizzata, ma Sogno Georgiano e la maggior parte dei partiti di opposizione sono straordinariamente unanimi nella loro ideologia: credono tutti in una governance tecnocratica, neoliberista e depoliticizzata, in cui le politiche sono progettate da esperti (stranieri) attingendo ad una base presuntamente oggettiva di dati e tecnologia. Quanti più servizi pubblici si possono cedere al mercato, meglio è.

Ciò è illustrato dal destino del Liberty Act , una legislazione di rilevo epocale che vieta gli aumenti delle aliquote fiscali e la tassazione progressiva e limita la spesa pubblica al 30% del PIL. È stato promulgato da Saakashvili, non è stato abrogato in 12 anni di governo di Sogno Georgiano, e Transparency International Georgia (la più implacabile delle ONG partigiane che guidano le proteste contro il partito di maggioranza) ha condotto una campagna per mantenerlo. Questi schieramenti politici possono combattere con le unghie e con i denti su chi debba governare il paese, ma poi lo gestiscono tutti allo stesso modo.

La continua esternalizzazione del processo decisionale politico, della governance e della fornitura di servizi ai donatori di aiuti esteri, alle ONG locali e al mercato soddisfa i gusti dei quadri dirigenti di Sogno Georgiano. Molti di loro hanno studiato in Occidente (tipicamente giurisprudenza o pubblica amministrazione) con borse di studio occidentali e hanno iniziato la loro carriera negli uffici delle Nazioni Unite, nelle agenzie di aiuto bilaterale e, sì, nelle ONG locali. Provengono dal settore professionale-manageriale delle ONG, che funziona come il più grande passaggio sociale verso la classe media (più precisamente, il 10% più ricco) in un paese in cui il mondo accademico, medico, giuridico, scientifico o imprenditoriale non possono permettersi uno stile di vita da classe media. I curricula dei leader di Sogno Gerogiano sono più o meno gli stessi di quelli dei loro più accaniti oppositori nel settore delle ONG finanziate dall’estero.

In questo ecosistema, è raro trovare qualcuno che si preoccupi sinceramente delle persone e del loro benessere. Il panorama delle ONG locali è un settore profondamente competitivo che incentiva l’aspro sgomitare, l’autopromozione e la duplicazione piuttosto che la collaborazione, per non parlare della solidarietà. Per molti professionisti del settore, lavorare in una ONG è una corsia preferenziale per ottenere redditi elevati, vantaggi come viaggi all’estero, ricevimenti in ambasciata e far parte dell’élite.

Se Sogno Georgiano è interamente per una governance surrogata tecnocratica, depoliticizzata, guidata dai donatori e per il mantenimento del vasto settore delle ONG finanziate dall’estero di cui ha bisogno, perché dovrebbe rischiare proteste in patria e pressioni da parte dell’UE e degli Stati Uniti per approvare un cosiddetto Legge sugli “agenti stranieri”?

Perché oltre a questo enorme problema al centro dell’economia politica della Georgia si trova un altro problema, molto più limitato, che è un grande elemento irritante per il sogno georgiano: una piccola ma potente cricca di ONG con budget annuali fino a milioni di dollari/euro provenienti da paesi esteri donatori, alcune delle quali vicine al precedente governo del Movimento Nazionale Unito di Mikheil Saakashvili, che usano la loro posizione per impegnarsi in politiche apertamente di parte. Da circa cinque anni negano la legittimità del governo e ne chiedono la cacciata, e non solo sostenendo l’opposizione alle elezioni, che già oltrepassa i limiti etici per le organizzazioni non governative (e ancor più quando sono finanziate da stati esteri). Si agitano per un cambiamento rivoluzionario del potere al di fuori dei processi democratici e costituzionali. In precedenza, avevano chiesto di essere messi al potere come governo tecnico, ma poiché nessuno (certamente non l’elettorato georgiano) ha accettato questa offerta, si sono avventurati in proteste di piazza e hanno preso d’assalto il parlamento e gli edifici governativi. Per buona misura, fanno pressione sull’UE e sugli Stati Uniti per sanzionare i leader di Sogno Georgiano o imporre loro divieti di viaggio.

La legge georgiana sugli “agenti stranieri”, presentata per la prima volta nella primavera del 2023 e nella sua versione 2.0 ribattezzata “legge sull’influenza straniera”, mira direttamente a questo gruppo iperpartigiano di ONG ben finanziate. Ci sono molte teorie, più o meno elaborate, sul perché Sogno Georgiano abbia ripresentato questo progetto di legge un anno dopo il primo tentativo abbandonato. Uno di questi è che il partito di governo questa volta si aspetta di vincere con il braccio di ferro perché considera debole l’opposizione. Un altro motivo, citato dallo stesso Sogno Georgiano, è che nell’ultimo anno il governo ha cercato di raggiungere un accordo con le ambasciate occidentali e i finanziatori in modo che non finanziassero più queste ONG partigiane o ne moderassero la condotta partigiana attraverso forme di autoregolazione. Ma questa richiesta è stata respinta, se non da tutti, almeno da alcuni dei principali finanziatori. A porte chiuse, i diplomatici occidentali ammettono che la condotta delle ONG più faziose da loro finanziate supera molti limiti e che bisognerebbe fare qualcosa al riguardo. Ma quando vengono pressati su cosa faranno al riguardo, diventano irritabili.

Verso dove spingono tali dinamiche la società civile georgiana? Decisamente all’angolo, senza alcun dubbio. Tutte le ONG che ricevono finanziamenti esteri si troverebbero ad affrontare maggiori controlli e sospetti e dovrebbero addossarsi ulteriori oneri amministrativi. Potrebbero esserci conseguenze peggiori, come multe. Quelle ONG che si sono tenute lontane dalla politica di parte, cercando di essere guidate dalla loro missione e non dai donatori, hanno praticato una solidarietà genuina e hanno rispettato la rappresentanza dei cittadini, si ritroveranno coinvolte in una politica che non era nemmeno rivolta a loro. Non importa che questa legge imporrebbe la trasparenza finanziaria alle ONG mentre il settore aziendale non ha tale obbligo. Questa legge non ripristinerà la sovranità dei georgiani, né nel senso di ridare potere ai cittadini e ripoliticizzare il processo decisionale. E nonostante tutti questi problemi, probabilmente non sgonfierà le ONG partigiane né ne modererà la condotta. Non è solo uno strumento ottuso, ma un cattivo strumento.

Le rivendicazioni frenetiche e fintamente patriottiche sia del governo che dell’opposizione smentiscono quanto poco entrambe le parti abbiano da offrire ai cittadini comuni in termini di reale empowerment democratico o speranza di migliorare la propria vita. Quando uno degli autori di questo articolo ha incontrato i membri di un sindacato di infermiere, il loro umore non è stato turbato dalla retorica violenta e dal senso di crisi. Queste donne erano preoccupate per il loro lavoro, in conflitto con i loro capi e con il ministro della Sanità. Hanno espresso preoccupazione per come le autorità locali stiano lentamente distruggendo il loro ospedale, uno dei pochi pubblici rimasti.

Cercano di dare un senso al modo in cui donatori e finanziatori internazionali, in stretta collaborazione con il governo, trasformano le loro comunità e i loro mezzi di sussistenza senza informarli, e tanto meno chiedendo il loro parere professionale e cosa vorrebbero vedere fatto.

Perché la Banca Mondiale dovrebbe riabilitare un’ala del nostro ospedale? Si supponeva che il nostro ospedale avesse il budget per farlo da solo, ma ora non sappiamo cosa ne sia stato di quei soldi. Non ci viene detto come vengono spesi i budget o come vengono prese le decisioni. Quando avevano bisogno di noi durante il COVID, siamo stati definiti insostituibili. Ora siamo usa e getta. 

Nell’ultimo incontro, i membri del sindacato hanno mostrato poco interesse per la legge sull’influenza straniera, non se ne sono preoccupati molto e non hanno voluto che il sindacato prendesse posizione in un modo o nell’altro. Sono stati lieti di sapere che gli attivisti sindacali non si sarebbero uniti alle proteste contro la legge né avrebbero sostenuto la sua adozione. Avevano sentito delle voci secondo cui si trattava di una legge russa e hanno deciso di esaminarla, scoprendo con sollievo che non si trattava di nulla di simile. Al momento in cui scrivo [inizio maggio 2024, n. d. t.], lacrisi è diventata violenta. La polizia antisommossa sta usando idranti, spray al peperoncino e percosse contro i manifestanti antigovernativi a Tbilisi. Immagini di lividi e occhi iniettati di sangue stanno inondando i social media. Nelle ultime settimane, il clima politico e il discorso pubblico si sono ulteriormente degradati, e questo è tutto dire. La piazza pubblica in Georgia è travolta da bugie, isteria e manipolazione. Anche questo non fa altro che allontanare ulteriormente il paese dal rivendicare la democrazia e dalla costruzione di una politica progressista. C’è la sensazione, espressa da un osservatore georgiano riflessivo e dal cuore pesante, che “qualunque sia la strada che prendiamo è un passo indietro”.

Per quanto frustrante e noioso possa essere, siamo costretti a escludere le bugie e le manipolazioni che vorticano attorno a questa situazione in modo da poter iniziare a ripristinare una conversazione razionale. È irritante vedere i finanziatori esteri spiegare ai cittadini georgiani con espressione seria che non esiste alcuna influenza straniera legata al denaro straniero, che i donatori vogliono solo sostenere una “vibrante società civile” e non si sognerebbero mai e poi mai di dire alle ONG cosa dovrebbero fare. Chiunque abbia familiarità con il modo in cui le ONG richiedono e competono per le sovvenzioni sa che i donatori stabiliscono regole altamente specifiche per decidere quali tipi di organizzazioni, di lavoro e questioni prenderanno in considerazione per i finanziamenti, e questo prima delle regole non scritte e pregiudizi nascosti che determinano la selezione dei beneficiari.

Gli attivisti in Georgia sanno fin troppo bene cosa ci si aspetta da loro e quali comportamenti sono puniti e premiati: essere critici nei confronti del governo su Facebook ti farà guadagnare più sovvenzioni che essere nella comunità ad aiutare le persone. Qualche anno fa, quando i donatori occidentali consideravano Sogno Georgiano un prezioso alleato, dicevano agli attivisti georgiani di smetterla di criticarli. Ora vogliono che gli attivisti si schierino contro. I donatori monitorano anche i profili dei social media degli attivisti e possono esserci conseguenze per la pubblicazione di cose sbagliate.

L’uso stridulo del soprannome di “legge russa” è un’altra cinica manipolazione lanciata liberamente dagli attivisti georgiani, dai politici dell’opposizione e anche dai funzionari occidentali. Ci è stato detto che il progetto di legge è copiato da quello del Cremlino (fact-checking: non lo è) e che trasformerà la Georgia in Russia ponendola fuori dal percorso dell’integrazione europea. Ma questa legge è un sintomo delle realtà politiche specificamente e unicamente georgiane . La Georgia nel 2024 non assomiglia per niente alla Russia nel 2012, quando quest’ultima adottò la legge sugli agenti stranieri – non politicamente, non in termini di alleanze internazionali, non in termini di democrazia e stato di diritto, e certamente non in termini di ruolo svolto dalle ONG. Gli obiettivi della legge russa sugli “agenti stranieri” non assomigliavano affatto a quelli del progetto di legge georgiano.

Ancora più assurde sono le accuse secondo cui Sogno Georgiano e il suo fondatore, il miliardario Bidzina Ivanishvili, sono burattini russi, interamente nelle tasche del Cremlino, e che hanno presentato questa legge perché Putin glielo ha detto. Con la stessa logica, Putin deve aver anche dato istruzioni al Sogno Georgiano di perseguire l’integrazione europea per oltre un decennio, di sancire l’integrazione euro-atlantica nella costituzione, di ottenere un punteggio più alto rispetto agli altri candidati sui parametri di riforma e di ottenere lo status di candidato europeo. Ma queste continue grida contro una “legge russa” fanno leva sulle paure e sul risentimento dell’opinione pubblica georgiana, nonché sull’idea fissa geopolitica dei partner occidentali della Georgia .

Il gioco più cinico e pericoloso, tuttavia, è quello di legare questa legge al processo di adesione della Georgia all’UE. Gli osservatori occidentali da lontano hanno le lacrime agli occhi quando i georgiani difendono la loro “vivace società civile”, ma sul campo, i manifestanti affermano spontaneamente che non sono nelle strade per difendere le ONG e, in effetti, non si preoccupano molto di loro. . Queste impressioni tratte dalla voce viva della piazza sono supportate da anni di sondaggi che mostrano la scarsa fiducia dei georgiani nelle ONG. Invece, le persone scendono in piazza perché è stato detto loro che questo è un momento decisivo per il futuro della Georgia nell’UE.

L’aspirazione della Georgia all’adesione all’UE è il nervo più scoperto della politica e della cultura georgiana. Dopo tre decenni di impoverimento post-sovietico, di vite stroncate, di dolore e traumi, di stress cronico, di insicurezza e di umiliazione, l’idea di adesione all’UE è diventata un progetto redentivo per molti georgiani: rappresenta la promessa di salvezza dopo lunghe e ingiuste sofferenza e sacrificio. L’UE non rappresenta solo la realizzazione dei sogni – di benessere materiale, sicurezza, dignità, conforto – ma anche il riconoscimento dell’intrinseca “europeità” dei georgiani, della loro particolarità, della loro superiorità culturale rispetto ai loro vicini “asiatici”.

D’altra parte, molti georgiani che scendono in strada con le bandiere dell’UE hanno preoccupazioni meno metafisiche e piuttosto più terrene: in recenti sondaggi, i georgiani classificano l’opportunità di emigrare come la ragione principale per voler aderire all’UE. In effetti, i georgiani hanno “votato con i piedi”: solo nel 2021 e nel 2022, più del 5% della popolazione se n’è andata, la maggior parte nei cupi mercati del lavoro informale in Europa.

Ma che si tratti di redenzione spirituale o di scarse opportunità materiali, la prospettiva di adesione all’UE rappresenta qualcosa di esistenziale per i georgiani. Ciò ha consentito all’opposizione, alle sue ONG partigiane e ai suoi donatori occidentali di trasformare la crisi della “legge sull’influenza straniera” in una battaglia epica e disperata per il luminoso futuro dei georgiani. La cosa peggiore e più irresponsabile è che i funzionari dell’UE si sono uniti, ripetendo uno dopo l’altro che tale legge è incompatibile con “le norme e i valori dell’UE”. “Norme e valori” sono opportunamente vaghi, a differenza delle attuali leggi dell’UE, che non vietano la regolamentazione del finanziamento delle ONG. Più recentemente, un portavoce dell’UE ha affermato che l’adozione della legge andrebbe contro i “ valori e le aspettative ” dell’UE , spostando i termini della questione in un territorio sempre più nebuloso. Il processo di adesione all’UE, apparentemente oggettivo e meritocratico, è diventato arbitrario e vessatorio.

I funzionari dell’UE che minacciano di far deragliare il processo di adesione della Georgia sembrano un ricatto indecoroso. Fondamentalmente, il crescente sospetto di qualsiasi governo riguardo alle motivazioni dei donatori stranieri nel finanziare ONG iperpoliticizzate non potrà che essere alimentato con la pressione per costringere il governo, attraverso crescenti minacce, a continuare a consentire tali finanziamenti. Questo tiro alla fune potrebbe diventare molto oscuro. In queste circostanze, con i fronti irrigiditi e le paure esistenziali delle persone manipolate, un dibattito franco sui problemi vecchi di decenni che hanno portato a questo progetto di legge e sull’efficacia e adeguatezza della legge non è più possibile.

 

Tratto da: https://www.lafionda.org/2024/05/19/disordini-in-georgia-per-la-legge-sulla-trasparenza-dellinfluenza-straniera/.

You may also like

Comments are closed.