L’efficace slogan “pandemia dei non vaccinati”, coniato da chissà quale agenzia di marketing internazionale, non è riservato solo al nostro Paese. Si usa nel mondo intero o quasi, e sicuramente in quell’Europa ormai capofila degli obblighi vaccinali. Ne è portavoce lo stesso Presidente, Ursula Von Der Leyen, che alla plenaria di Strasburgo proprio ieri ha parlato di “pandemia dei non vaccinati” urbi et orbi.
Ma Ursula non si è limitata agli slogan. Ha delineato una vera e propria strategia per il futuro, dichiarando: “Dobbiamo raggiungere le persone in ogni città e villaggio per convincerle a vaccinarsi, e fare i boosters a chi è già vaccinato”. Anche Margaritis Schinas, Commissario per “Lo stile di vita europeo” (qualsiasi cosa significhi), ha ribadito: “Dobbiamo fare tutto il possibile per combattere la disinformazione e l’avversione alla vaccinazione, e convincere chi non si è vaccinato a farlo”.
Entrambi hanno poi comunicato con entusiasmo che l’Europa si è già assicurata cinque miliardi di dosi per i prossimi 2 anni, in modo che si possa stare tranquilli per almeno dieci boosters.
Ai toni inequivocabili ma soft che arrivano dalle istituzioni centrali corrispondono a cascata dichiarazioni estreme da parte dei singoli Paesi. In Germania, il ministro della Sanità si abbandona ad affermazioni da far invidia a Draghi: “Entro la primavera, i tedeschi saranno vaccinati, curati, o morti”… il che suona decisamente come una minaccia. E mentre in Italia si discute di punire i novax e premiare gli obbedienti come se fosse una cosa normale, in Austria si è passati alle vie di fatto obbligando tutti al vaccino e promettendo salate multe a chi non ottempera. “Non avete solo diritti, avete obblighi” ha tuonato il neocancelliere. Tutto ciò vale però da febbraio prossimo, quindi si spera ancora che siano strategie per convincere i renitenti.
L’unica resistenza arriva dalla Croazia, il cui Presidente Milanovic ha dichiarato che la strada inrapresa in Austria gli ricorda il fascismo, che i politici europei sono degli sciocchi e che terrorizzano i cittadini. Dopodiche, ha convocato l’ambasciatore austriaco per esprimere il suo sconcerto per i diritti umani. Resta il fatto, però, che anche in Croazia è in vigore il green pass e anche i croati sono in piazza come tutti gli altri.
_____________
✔️SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT65 C 0306 9163 55100 00000 9028
INTESTATO A: VISIONE TV
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

✔️SOSTIENICI TRAMITE PAYPAL E CARTA DI CREDITO: https://bit.ly/39oj6up
✔️ISCRIVITI AL CANALE: https://bit.ly/2SQWDNI

✔️SEGUICI SU
Web: https://www.visionetv.it
Youtube: https://www.youtube.com/visionetv
Facebook: https://www.facebook.com/visionetv
Telegram: https://t.me/visionetv
Instagram: https://www.instagram.com/visionetv

Visione TV

Visione Tv nasce per difendere la libertà di pensiero e di espressione oggi più che mai minacciata dal pensiero unico imposto da un sistema mediatico prevalente che ha perso il senso del limite e della misura

View all posts

Sostieni mensilmente Visione TV

2.497 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese

Sostieni mensilmente Visione TV

2.497 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 mese