di Andrea Zhok.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il ministro degli esteri iraniano Hossein Amirabdollahian sono morti ieri in un incidente aereo. L’elicottero che li trasportava dal confine dell’Azerbaijan, dove avevano inaugurato una diga tra Iran e Azerbaijan, si è schiantato al suolo in una zona impervia, non lasciando scampo ai viaggiatori.
Che si sia trattato di un incidente – il tempo è peggiorato improvvisamente nell’area – o che si sia trattato di un sabotaggio è questione aperta, e non è detto che la verità venga a galla.
Il sospetto che possa trattarsi di un sabotaggio è naturalmente forte, per due motivi.
Il primo è che a collassare è stato solo uno dei tre elicotteri che facevano il percorso di ritorno verso Tabriz e precisamente quello che trasportava il presidente e il ministro.
Il secondo è che la figura di Raisi è stata strategica in questa fase per la collaborazione con Russia e Cina. Raisi era considerato un moderato sul fronte interno, il che lo rendeva una figura di conciliazione e allentamento delle tensioni interne, ed è stato il promotore dell’adesione dell’Iran ai Brics, oltre che di altre iniziative di collaborazione.
In quest’ottica la decapitazione della leadership iraniana rappresenta un elemento di destabilizzazione interna e internazionale che non può che compiacere il fronte israelo-americano.
Ma questo naturalmente non prova nulla; potrebbe trattarsi davvero di un mero incidente.
E tuttavia è importante capire anche quale sarà la verità che si deciderà di lasciar trasparire dall’analisi dei resti dell’elicottero. Se si trovassero tracce di sabotaggio – o se qualcuno decidesse comunque di accreditare questa versione – questo potrebbe essere il prodromo di una guerra regionale senza esclusione di colpi.
Entro 50 giorni si terranno nuove elezioni in Iran, per definire la squadra che governerà il paese a seguire. Vista la posta in gioco per molte potenze estere è probabile che fioccheranno interferenze e interventi volti a condizionare il voto.
Staremo a vedere.
_________________
Foto tratta da president.ir (scattata poche ore prima dello schianto in cui il Presidente Raisi e altri hanno perso la vita)
_________
P.S.: A titolo di complemento informativo, in vista delle elezioni (a cura di Giorgio Bianchi):
Il potere in Iran si articola in:
▪️Guida suprema: la posizione più potente è ricoperta dalla Guida suprema, attualmente l’Ayatollah Ali Khamenei. Ha autorità su tutti i rami del governo e dell’esercito.
▪️Presidente: il presidente, fino a ieri Ebrahim Raisi, è il secondo funzionario di grado più alto. Il presidente esegue i decreti e risponde alla Guida Suprema. A differenza dell’esecutivo di altri paesi, il presidente dell’Iran non ha il pieno controllo sul governo.
▪️Consiglio dei Guardiani: questo organo composto da 12 membri, metà nominati dalla Guida suprema e metà dalla magistratura, esamina i candidati alle cariche e può porre il veto sulla legislazione.
▪️Assemblea degli esperti: organo religioso composto da 88 membri eletti dal pubblico, quest’assemblea ha il potere di nominare e revocare la Guida suprema.
▪️Parlamento (Majlis): l’organo legislativo eletto può redigere leggi, ma le sue decisioni possono essere annullate dal Consiglio dei Guardiani.

You may also like

Comments are closed.