Dal summit del G7 in Italia alla conferenza in Svizzera sull’Ucraina: nessun risultato tangibile, mentre il conflitto armato sta mietendo sempre più vittime.  

di Edward Lozansky.

La ricerca di questi stessi “percorsi” è iniziata in un posto meraviglioso in Italia in occasione della riunione del G7, e si è conclusa con un altro impressionante evento in Svizzera, a cui hanno partecipato 80 delegazioni da tutto il mondo. Purtroppo è qui che finiscono gli epiteti positivi usati per descrivere questi eventi. Ma ci sono molti epiteti negativi.

Cominciamo dal G7. Coloro che hanno visto il film di successo del 1960 “I magnifici sette” con le superstar Yul Brynner, Charles Bronson e Robert Vaughn ricorderanno la trama, quando gli abitanti del villaggio assunsero sette eroi coraggiosi per proteggere un piccolo villaggio in Messico da un gruppo di banditi predoni.

Con il film in mente, passiamo ai giorni nostri, dove altri autoproclamati “Magnifici Sette” si sono riuniti per capire come “proteggere” l’intero pianeta da quello che chiamano un nuovo “asse del male”, principalmente Russia e Cina. In generale, la reazione dei media a questo incontro può essere descritta come segue: “I leader dei Paesi del G7 si sono riuniti nella calma e serena città italiana di Bari, ma dopo l’incontro affronteranno tempeste in patria”. C’erano anche espressioni più dispregiative come i “sette nani”, “morti che camminano” (walking deads), “anatre zoppe”, ecc.

E’ interessante notare che quasi tutti i media hanno stigmatizzato che il capo del governo italiano, Giorgia Meloni, era la “meno disfunzionale” dell’intero gruppo G7. Tutti gli altri partecipanti stanno vivendo problemi seri, come mostrano chiaramente i sondaggi d’opinione. Alcuni di loro, come il francese Emmanuel Macron e il tedesco Olaf Scholz, sono stati sconfitti dai populisti di destra nelle recenti elezioni del Parlamento europeo; Il britannico Rishi Sunak, il canadese Justin Trudeau e il giapponese Fumio Kishida sono sul punto di perdere le prossime elezioni nei loro Paesi poiché il loro indice di gradimento non è mai stato così basso.

Per quanto riguarda il “leader del mondo libero”, cioè il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, sempre più persone informate si chiedono se resisterà fino alla fine delle elezioni, per non parlare di altri quattro anni in carica. La recente condanna di suo figlio Hunter è un altro duro colpo per le possibilità di Biden e, a differenza delle elezioni del 2020, questa volta la sua squadra non potrà incolpare la Russia per aver causato il problema. Per chi se lo fosse dimenticato, è stato il presidente della campagna di Biden, Antony Blinken, a organizzare una lettera firmata da più di mezzo centinaio di alti ufficiali dell’intelligence americana in cui testimoniavano che il laptop di Hunter con gigabyte di vergognose informazioni sull’intera famiglia Biden era una provocazione di Putin.

Se parliamo delle decisioni prese dal G7, una di queste è quella di inviare 50 miliardi di dollari all’Ucraina, prelevando gli interessi attivi dai beni russi congelati, e l’altra è quella di concludere un trattato di sicurezza bilaterale decennale tra Stati Uniti e Ucraina.

Rubare denaro è sempre una brutta cosa, ma molte persone ora si pongono la domanda: a lungo termine, il rapinatore potrebbe finire per rimetterci più della vittima? Mosca continua a dire di avere buone idee per la ritorsione. Allo stesso tempo, anche l’autorevole quotidiano americano The New York Times, che chiaramente non è amico della Russia, ha ammesso che “poiché il dollaro è probabilmente la risorsa strategica più preziosa degli Stati Uniti, esercita un certo controllo sul mondo economia. Tuttavia, se Russia, Cina e altri importanti attori globali decidessero che i loro asset in dollari sono vulnerabili e che non possono più fidarsi del dollaro come mezzo di scambio sicuro, sentiremo il dolore per questo debito di 34mila miliardi di dollari come mai avremmo immaginato. Il mantenimento dei benefici della valuta di riserva mondiale dipende dall’agire come custode affidabile e neutrale dei beni altrui. Ma se cominciamo a rubare i soldi degli altri, la situazione potrebbe cambiare”.

Oltre alla Russia, il comunicato finale del G7 ha criticato la Cina per il suo comportamento bellicoso nel Mar Cinese Meridionale e ha denunciato che Pechino stava “silenziosamente” aiutando lo sforzo bellico di Putin fornendo alla Russia prodotti a duplice uso. Non ci voleva uno stratega politico per prevedere che Pechino avrebbe ignorato questa minaccia, e ciò è stato dimostrato il giorno successivo quando Pechino ha ignorato apertamente la conferenza di pace svizzera, nonostante le enormi pressioni degli organizzatori affinché la RPC partecipasse.

Da parte sua la conferenza in Svizzera ha preteso di essere un “vertice”, anche se non lo è stato assolutamente, proprio come i due precedenti cosiddetti “vertici della democrazia contro l’autocrazia” organizzati da Biden, che sono stati un fiasco. Questo evento ha subito la stessa sorte, poiché la metà dei 160 paesi invitati si è rifiutata di partecipare. Inoltre solo 3 dei 10 punti all’ordine del giorno indicati per l’incontro svizzero sono stati menzionati nel comunicato finale. Oltretutto, i rappresentanti di 13 Paesi importanti tra cui l’Arabia Saudita, l’India, il Sud Africa, la Tailandia, l’Indonesia, il Messico, gli Emirati Arabi Uniti e anche il Vaticano hanno rifiutato di firmare anche queste tre clausole, in cui si affermava che “qualsiasi uso dell’energia nucleare e degli impianti nucleari deve essere sicuro, affidabile, sicuro e rispettoso dell’ambiente; la sicurezza alimentare globale dipende dalla produzione e dall’approvvigionamento ininterrotti di cibo, dal fatto che l’accesso ai porti marittimi nel Mar Nero e nel Mar d’Azov è fondamentale e che tutti i prigionieri di guerra devono essere rilasciati attraverso uno scambio completo”. Tutto ciò è abbastanza ovvio, ma i Paesi sopra menzionati si sono rifiutati di firmare il documento, perché in una certa misura queste disposizioni non vengono violate dalla Russia, ma dall’Ucraina. A proposito, questo tipo di “documento” potrebbe essere preparato rapidamente utilizzando una conferenza Zoom online senza sprecare tempo e denaro.

Infine, l’unica conclusione importante tratta da molti partecipanti a questo evento, così come da coloro che lo hanno seguito da bordo campo, è che Washington, che è al timone di questa guerra e può fermarla immediatamente mettendosi d’accordo con Mosca, non vuole per farlo.

Si può tuttavia presumere che molti partecipanti alla conferenza svizzera fossero ben consapevoli del fatto che la situazione potrebbe cambiare solo dopo le elezioni presidenziali americane del novembre di quest’anno e, più precisamente, se queste portassero alla vittoria di Donald Trump. I suoi oppositori stanno cercando di impedirlo non solo con azioni legali e falsi diffamatori nei media, ma anche con tentativi di gonfiare le intenzioni di Trump di cancellare presumibilmente tutto ciò che rappresenta il G7, sciogliere la NATO e seguire il suo famoso slogan elettorale del 2016 che “andare d’accordo con La Russia è una cosa buona, non cattiva”, a cui poi ha aggiunto: “Solo gli sciocchi non lo capiscono”.

Naturalmente, Trump ha molto torto su questo. Molti di questi “stupidi” sono lungi dall’essere sciocchi, ma seri “beneficiari” di questa e di altre guerre statunitensi, ed è per questo che non cercano amici, ma nemici. Sono i principali responsabili della distruzione della prima presidenza di Trump e continueranno a fare di tutto per impedirgli di vincere o, in caso contrario, ad avvelenare e distruggere nuovamente la sua nuova presidenza.

Pertanto, i prossimi cinque mesi saranno fatali per il mondo intero. Allacciate le cinture di sicurezza!

* Edward Lozansky è presidente e fondatore dell’Università Americana a Mosca “American University”.

Tratto da: https://pluralia.forumverona.com/a/insomma-cosera-una-ricerca-di-vie-per-la-pace-o-per-la-continuazione-della-guerra/.

 

You may also like

La NATO è in guerra

 di Gaetano Colonna.  L’attenzione dei media al vertice NATO di Washington si è focalizzata soprattutto sugli aspetti più folcloristici, a ...

Ospedali e guerra

di Pino Cabras. L’ospedale pediatrico di Kiev NON è stato colpito da un missile russo ad alta precisione, bensì da ...

Comments are closed.