Il Governo è quello dei Migliori. Dunque non ha nulla da imparare: neanche dalle sciagure passate. Un decreto del MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze) autorizza di nuovo l’uso dei derivati per “operazioni di gestione del debito pubblico”. E’ datato 30 dicembre e, nel silenzio dei grandi media, è uscito sulla Gazzetta Ufficiale l’11 gennaio.

I derivati, più propriamente “strumenti finanziari derivati”, sono diventati tristemente famosi durante la crisi finanziaria del 2007-08. Ad essi è (oltre che ai famosi mutui subprime) è legato il fallimento di Lehman Brothers. La Treccani – anch’essa a suo modo la migliore, sebbene senza iniziale maiuscola –  scrive che i derivati “si sono rivelati pericolosissimi nella gestione finanziaria pubblica italiana nel corso  della crisi degli ultimi anni”. Eppure…

Eppure ci risiamo. Il passo saliente del decreto del MEF che li autorizza è all’inizio dell’articolo 3. Ecco lo screenshot.

Il quotidiano economico Sole 24 Ore ha esaminato con la lente di ingrandimento, qualche hanno fa, i contratti derivati stipulati in passato dallo Stato italiano e ha scritto che essi

Sono serviti per anni per ‘aggiustare’ di qualche zero virgola (quando era consentito dalla legge europea) il rapporto tra deficit e Pil

Dal 2006 al 2016 hanno pesato sul deficit pubblico per quasi 24 miliardi di euro. Hanno attualmente [l’articolo è datato 2017]  un valore di mercato negativo di 31,8 miliardi

Memorabile l’indagine della Corte dei Conti. Sempre nelle parole del Sole 24 Ore, la Corte ha appurato che

ci vollero 20 anni perché i vertici del Tesoro arrivassero alla consapevolezza delle clausole asimmetriche che di fatto favorivano Morgan Stanley

Naturalmente il conto delle “clausole asimmetriche” a favore di Morgan Stanley l’hanno pagato i contribuenti. E ora? I funzionari del MEF chiamati a trattare i derivati dovranno prima studiarne approfonditamente la complessità e la struttura? L’articolo 4 del decreto precisa piuttosto che “tali operazioni sono concluse solo con istituzioni finanziarie di elevata affidabilità”. Siamo in una botte di ferro.

GIULIA BURGAZZI

Visione TV è stata censurata e penalizzata per 90 giorni su Facebook. Invitiamo tutti a iscriversi al nostro canale Telegram!

  • 3429 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3166 Sostenitori