Dalla persecuzione e tortura del giornalista Julian Assange alla censura di massa dei media indipendenti da parte degli appaltatori del governo statunitense nella Silicon Valley, gli attacchi di Washington alla libertà di stampa hanno danneggiato ogni singolo paese e persona sulla Terra.

Il governo degli Stati Uniti impiega molte strategie per cercare di giustificare il suo intervento negli affari interni e per garantirsi la violazione della sovranità delle nazioni straniere. La principale tra queste tattiche ingannevoli é fomentare l’idea da parte di Washington secondo cui i suoi avversari violano la libertà di espressione.

Questo é in realtà abbastanza ironico, dato che gli Stati Uniti sono il principale violatore mondiale della libertà di stampa, secondo qualsiasi definizione coerente si abbia del termine.

E a differenza dei paesi che Washington sostiene reprimano la libertà di espressione all’interno dei loro confini, la censura del governo statunitense verso i media indipendenti e la soppressione delle voci alternative é globale e danneggia le persone in tutto il pianeta.

L’amministrazione Joe Biden, in particolare, ha fatto di tutto per presentarsi come un difensore delle libertà civili.

A maggio, la Casa Bianca ha pubblicato una dichiarazione per commemorare la Giornata mondiale della libertà di stampa . Lo scopo della dichiarazione era di dipingere la Russia come uno dei principali violatori della libertà di parola e gli Stati Uniti come il suo nobile protettore.

Ma la realtà é che Washington é colpevole di persecuzioni nei confronti dei giornalisti molto più di quanto ne sia accusata Mosca.

La persecuzione di Julian Assange da parte del governo statunitense minaccia ovunque la libertà di parola

Non c’è simbolo più raccapricciante della ridicola ipocrisia degli Stati Uniti, i quali si dipingono come protettori assoluti della libertà di stampa, della persecuzione autoritaria verso il giornalista più famoso della Terra: Julian Assange.

L’attacco spietato del governo degli Stati Uniti ad Assange, fondatore ed editore del sito web di giornalismo di whistleblowing chiamato WikiLeaks, é probabilmente il peggior colpo alla libertà di parola sferrato da qualsiasi governo nella storia, con pericolose implicazioni per tutti gli esseri umani del pianeta.

Il caso degli Stati Uniti contro Assange equivale essenzialmente a una criminalizzazione tout court del giornalismo.

Washington sta cercando di estradare e perseguire Assange, un cittadino australiano che non ha mai vissuto negli Stati Uniti, per il “crimine” di aver pubblicato informazioni veritiere che denunciano i crimini di guerra statunitensi, in altre parole, per aver fatto quel giornalismo che ogni buon giornalista dovrebbe fare.

Assange rischia fino a 175 anni di carcere e ha sul capo ben 18 accuse. Se il processo di estradizione sarà portato a compimento, gli Stati Uniti probabilmente getteranno l’editore di WikiLeaks in una prigione in stile medievale, dove sarà tenuto in isolamento per il resto della sua vita.

A causa della persecuzione da parte degli Stati Uniti e del Regno Unito, Assange é già stato sostanzialmente incarcerato per un decennio. A partire dal 2012, il giornalista di WikiLeaks ha cercato rifugio nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Sarebbe poi rimasto intrappolato lì per sette anni.

Nel 2015, il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione ha stabilito che Assange era stato “detenuto arbitrariamente” e doveva essere rilasciato e doveva essere risarcito.

Tuttavia, il governo britannico ha ignorato gli esperti legali delle Nazioni Unite. Invece, nel 2019, le autorità britanniche hanno violato l’integrità territoriale dell’Ecuador, sono entrate nell’ambasciata e hanno rapito Assange (che a quel tempo era ormai divenuto un cittadino ecuadoriano naturalizzato, oltre ad essere ovviamente cittadino australiano).

Dal 2019, Assange è stato sottoposto ad un trattamento draconiano nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh, in Gran Bretagna, tenuto insieme a persone condannate per “terrorismo”, omicidio e altri crimini violenti.

Il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sul caso ha condannato ancora una volta il governo del Regno Unito nel 2019 per aver violato le libertà e i diritti fondamentali del giornalista australiano.

A Belmarsh, Assange è stato tenuto in isolamento fino a 23 ore al giorno . Esperti legali delle Nazioni Unite hanno ripetutamente affermato che questo tipo di isolamento prolungato, che viene regolarmente praticato da Stati Uniti e Gran Bretagna, equivale a tortura psicologica .

In altre parole, Julian Assange è stato effettivamente imprigionato per un decennio, é stato sottoposto a estenuanti torture e probabilmente trascorrerà il resto della sua vita in una prigione statunitense, e tutto perché ha commesso il “crimine” di fare giornalismo.

E’ impossibile immaginare una tirannia più assoluta di questa. Con il caso Assange, gli Stati Uniti stabiliscono un precedente secondo cui possono imprigionare qualsiasi giornalista o davvero qualsiasi persona sulla Terra, indipendentemente dalla loro nazionalità, gettarli in una prigione per il resto della loro vita e torturarli.

Tutto ciò che Washington deve fare é fabbricare accuse e affermare che quell’individuo ha violato le sue leggi nazionali.

Assange non é l’unica vittima di questo tipo di persecuzione kafkiana da parte del regime statunitense. Gli Stati Uniti detengono gran parte dei prigionieri politici, tra cui il giornalista rivoluzionario nero Mumia Abu-Jamal.

Sebbene gli USA abbiano meno del 5% della popolazione mondiale, essi hanno quasi il 25% dei prigionieri .

La censura statunitense dei media colpisce il mondo intero, non solo i nordamericani

Nella sua dichiarazione di maggio in occasione  della Giornata mondiale della libertà di stampa , la Casa Bianca di Biden ha condannato la Russia per aver approvato “una legge sulla ‘disinformazione’ intesa a mettere a tacere coloro che dicono la verità”.

L’ipocrisia non potrebbe essere più ridicola. Il governo degli Stati Uniti ha usato la scusa della “disinformazione” per censurare testate giornalistiche e giornalisti di tutto il mondo, cancellando con un click il loro lavoro e rimuovendoli dalle piattaforme digitali.

Mentre Washington accusa Mosca di violare la libertà di parola all’interno dei confini della Russia, la censura statunitense invece danneggia l’intero pianeta.

A marzo, il governo degli Stati Uniti ha costretto YouTube a censurare la principale rete russa RT in tutti i paesi della Terra. Allo stesso modo, l’Unione Europea ha bandito le testate giornalistiche russe RT e Sputnik.

Washington e Bruxelles hanno insistito sul fatto che questa draconiana violazione della libertà di parola fosse necessaria perché Mosca avrebbe diffuso “disinformazione” sulla guerra in Ucraina. I loro stessi media, nel frattempo, sono stati costantemente denunciati per aver diffuso notizie false e propaganda ingannevole per giustificare guerre di aggressione occidentali illegali, il che spiega perché solo l’11% dei nordamericani si fida delle notizie televisive e solo il 16% dei giornali.

La censura di YouTube sui media russi non ha colpito solo le persone in Nord America e in Europa, ma piuttosto il mondo intero. E YouTube non è solo una società privata; é di proprietà di Google, che è indissolubilmente legato al governo degli Stati Uniti.

Tutte le principali società della Silicon Valley sono appaltatori del governo degli Stati Uniti. Google, Facebook (che possiede Instagram e WhatsApp) e Twitter hanno molti miliardi di dollari di contratti con le agenzie governative statunitensi come CIA, FBI, National Security Agency (NSA), Department of Defense e Department of Homeland Security (DHS). ), nonché i dipartimenti di polizia.

Il governo degli Stati Uniti usa le società Big Tech nella Silicon Valley come armi di soft power, censurando informazioni scomode per i suoi interessi di politica estera, violando la libertà di parola di miliardi di persone in paesi stranieri.

Questa censura è spesso supervisionata direttamente dai veterani dello stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Google e Facebook hanno assunto dozzine di ex agenti della CIA  e addetti stampa della NATO . Twitter ha reclutato molti ex ufficiali dell’FBI e l’alto funzionario che supervisiona i contenuti relativi al Medio Oriente su Twitter è anche un membro dell’unità di guerra psicologica dell’esercito britannico , che ammette di aver condotto una “guerra dell’informazione”.

La censura della Silicon Valley ha messo a tacere innumerevoli organi di stampa e giornalisti in Cina, Russia, Iran, Venezuela, Nicaragua, Cuba, Siria e altri paesi presi di mira dall’impero statunitense per la destabilizzazione creata.

I media iraniani sono stati costantemente censurati dal governo degli Stati Uniti e dalle sue armi soft-power situate nella Silicon Valley. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha persino sequestrato i nomi di dominio di dozzine di siti web di notizie che secondo lui erano gestiti da Iran e Yemen.

La principale rete iraniana Press TV ha visto i suoi account sui social media censurati dozzine di volte. Inoltre il regime statunitense li ha derubati del loro dominio presstv.com.

Questa censura sui social media serve quasi sempre gli interessi del governo degli Stati Uniti.

Appena una settimana prima delle elezioni in Nicaragua del novembre 2021, la Silicon Valley lancia un’epurazione coordinata degli account pro-sandinisti sui social media .

Centinaia di profili su Facebook, Instagram, Twitter e Facebook sono stati censurati. Erano tutti filo-sandinisti. Non un singolo report in merito é stato fatto dall’opposizione di destra  sostenuta dagli Stati Uniti. Al contrario, i nicaraguensi dell’opposizione di destra sostenuta dagli Stati Uniti sono costantemente promossi sui social media e verificati mentre la sinistra é stata sospesa.

La stessa cosa é stata chiara nel tentativo di colpo di stato guidato dagli Stati Uniti contro il Venezuela. I rappresentanti del governo democraticamente eletto del Venezuela sono stati sospesi su Twitter, mentre i burattini del golpe nominati dagli Stati Uniti come il golpista non eletto Juan Guaidó e la sua banda di compari corrotti sono stati tutti verificati e supportati sui social.

Mentre utilizzano vaghe accuse di “disinformazione” per giustificare la censura di queste voci indipendenti sui social media, le società della Silicon Valley prendono contemporaneamente denaro dai media statali statunitensi per pubblicare annunci che promuovono la propaganda contro gli avversari di Washington.

Tuttavia, oltre alla censura diretta e più visibile attraverso le sospensioni, c’è anche una censura più sottile da parte delle mega-corporazioni della Silicon Valley.

Google, ad esempio, distorce il suo algoritmo per promuovere i principali siti web dei media aziendali e ha una lista nera di punti vendita che nasconde nei risultati di ricerca. Ciò significa che le pubblicazioni dei media indipendenti, in particolare le pagine di sinistra e antimperialistiche in Nicaragua, sono gravemente danneggiate dall’algoritmo di Google e ottengono un traffico notevolmente inferiore.

Anche DuckDuckGo, che si propone come un’alternativa a Google che protegge la privacy, si impegna in questa censura politica. Dopo che la Russia ha avviato la sua operazione militare speciale in Ucraina nel febbraio 2022, il sito web ha annunciato che avrebbe fatto scalare nei suoi risultati di ricerca tutti i siti web che accusa di essere filo-russi.

Mentre censura i giornalisti indipendenti in patria, il governo degli Stati Uniti finanzia i cosiddetti “giornalisti indipendenti” all’estero per destabilizzare gli avversari stranieri

Mentre gli Stati Uniti perseguitano i giornalisti che espongono i loro crimini e censurano aggressivamente i media indipendenti che operano all’interno dei suoi confini, Washington afferma ironicamente di sostenere i “media indipendenti” all’estero.

Nella sua dichiarazione di maggio in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa, la Casa Bianca di Biden ha chiesto di sostenere i cosiddetti “media indipendenti” nei paesi stranieri.

Ritagli della CIA come l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) e il National Endowment for Democracy (NED) hanno versato molti milioni di dollari per finanziare attivisti dei media nei paesi in cui gli Stati Uniti cercano un cambio di regime.

Il governo degli Stati Uniti afferma di sostenere la “società civile”, ma in realtà sta finanziando gruppi di opposizione politica che usano i media come un’arma per destabilizzare gli avversari di Washington.

Per definizione, questi attivisti dei media non sono “indipendenti”: ricevono finanziamenti dal governo degli Stati Uniti per promuovere i propri interessi politici. Sono essenzialmente dipendenti indiretti del Dipartimento di Stato americano e strumenti del soft power di Washington.

Questi attivisti dei media diffondono costantemente notizie false, disinformazione e propaganda e hanno svolto un ruolo chiave nei violenti tentativi di colpo di stato in Nicaragua, Venezuela, Bolivia, Hong Kong, Siria, Bielorussia e oltre.

L’assurda ipocrisia di Washington che perseguita giornalisti indipendenti in patria mentre li finanzia all’estero mette in evidenza il profondo cinismo delle tattiche di guerra dell’informazione del regime statunitense.

Washington può anche descriversi come il faro della libertà e della democrazia, ma il suo impero globale é autoritario e spietato.

La repressione del governo degli Stati Uniti ha un impatto su tutti. Finché gli Stati Uniti mantengono il loro impero e continuano a cercare di controllare tutti gli affari politici ed economici del pianeta, nessun paese e nessun individuo potrà mai essere completamente libero e al sicuro.

di BEN NORTON, traduzione MARTINA GIUNTOLI

  • 4538 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3556 Sostenitori
 
 

Ultimi Video