Per la prima volta le autorità sanitarie statunitensi parlano della possibilità di un legame fra il vaccino anti Covid della Pfizer e l’ictus. Lo fanno attraverso un comunicato stampa a firma del Cdc (Center for disease control, con compiti di controllo sulla sanità pubblica) e Fda, la Food and drug administration che regolamenta i prodotti farmaceutici.

Gli interrogativi su sicurezza e reali effetti collaterali dei vaccini anti Covid sono vecchi quanto i discorsi sui malori improvvisi. Il comunicato stampa di Cdc e Fda non è certo scritto con un linguaggio dirompente. Ma se si pensa al tempo intercorso, ad esempio, fra i primi allarmi per le miocarditi e l’ammissione ufficiale che esiste un problema… Ecco, è bene tenere a mente fatti del genere per cogliere la portata della notizia. Può significare, per farla breve, che si è rotto un tabù.

In base a quanto dicono Cdc e Fda, uno dei sistemi di sorveglianza della sicurezza dei vaccini anti Covid ha segnalato che, in base a dati preliminari, il bivalente della Pfizer potrebbe essere collegato all’ictus ischemico. Il bivalente è il vaccino anti Covid aggiornato alla variante Omicron.

Per la precisione, nei 21 giorni successivi alla somministrazione del bivalente le persone di età pari o superiore ai 65 anni hanno mostrato maggiori probabilità di subire l’ictus ischemico rispetto al periodo di tempo che va fra i 22 e i 44 giorni dopo la somministrazione.

L’ictus ischemico si verifica quando una delle arterie che portano sangue al cervello si rompe o è ostruita a causa di un coagulo di sangue.

Il comunicato stampa sottolinea che un solo sistema di sorveglianza della sicurezza ha inviato un segnale del genere: uno su sei. Gli altri no, compreso il database della Pfizer e i database dei Paesi stranieri. Ma comunque, si legge, in casi del genere sono sempre necessari studi ed approfondimenti.

È verosimile, prosegue il comunicato, che questo segnale non rappresenti un vero rischio clinico. Spesso simili segnali vengono inviati per motivi che nulla hanno a che fare con la vaccinazione. La vaccinazione anti Covid è molto importante eccetera eccetera.

Ma intanto  si è rotto un tabù. Un altro tabù, visto che un cardiologo ha appena parlato in diretta sulla Bbc britannica del legame fra morti in eccesso e vaccini anti Covid.

GIULIA BURGAZZI