Da: The Vaccinated Are Worried and Scientists Don’t Have Answers – Bloomberg

By and

 

Gli aneddoti ci dicono ciò che i dati non possono: le persone vaccinate sembrano contrarre il coronavirus a un ritmo sorprendentemente alto. Ma esattamente quanto spesso non è chiaro, né è certo quanto sia probabile che diffondano il virus ad altri. Sebbene sia evidente che la vaccinazione fornisca ancora una potente protezione contro il virus, c’è una crescente preoccupazione che le persone vaccinate possano essere più vulnerabili a malattie gravi di quanto si pensasse in precedenza. C’è una carenza di studi scientifici con risposte concrete, che lasciano i responsabili delle politiche pubbliche e i dirigenti aziendali a formulare piani basati su informazioni frammentate. Mentre alcuni stanno rinnovando i mandati delle mascherine o ritardando le riaperture degli uffici, altri citano la mancanza di chiarezza per giustificare il mantenimento della rotta. Può sembrare tutto un disastro.

In assenza di messaggi chiari per la salute pubblica, le persone vaccinate rimangono confuse su come proteggersi. Quanto siano vulnerabili è una variabile chiave non solo per i funzionari della sanità pubblica che cercano di capire, ad esempio, quando potrebbero essere necessarie dose di richiamo, ma anche per decidere se annullare le riaperture in mezzo a una nuova ondata di virus. Su scala ridotta, le incognite hanno lasciato gli amanti della musica incerti se è giusto vedere un concerto e hanno provocato un nuovo giro di preoccupazioni tra i genitori che meditano su come sarà la scuola.

Al posto delle risposte, è emersa una serie di casi di studio che forniscono immagini un po’ diverse sulle infezioni dopo la vaccinazione. Variabili, tra cui quando sono state condotte le indagini, se la variante delta era presente, quanta parte della popolazione è stata vaccinata e persino com’era il tempo in quel momento, rendono problematico confrontare i risultati e scoprire i modelli accurati. È difficile sapere quali dati potrebbero alla fine avere più peso.

“È abbastanza chiaro che ora abbiamo più casi d’infezione post-vaccino“, ha affermato Monica Gandhi, esperta di malattie infettive presso l’Università della California, a San Francisco. “Conosciamo tutti qualcuno che ne ha avuto uno. Ma non abbiamo dati clinici sufficienti”.

Uno dei focolai più noti tra le persone vaccinate si è verificato nella piccola cittadina balneare di Provincetown, nel Massachusetts, quando migliaia di vaccinati e non vaccinati si sono riuniti sulle piste da ballo e alle feste in casa durante il fine settimana del 4 luglio per celebrare la festa – e quello che sembrava un punto di svolta nella pandemia. Circa tre quarti delle 469 infezioni erano tra le persone vaccinate.

Gli autori di un caso di studio del CDC hanno affermato che ciò potrebbe significare che avevano la stessa probabilità di trasmettere Covid-19 quanto i non vaccinati. Anche così, hanno avvertito, poiché più persone vengono vaccinate, è naturale che rappresenterebbero anche una quota maggiore di infezioni da Covid-19 e questo studio non è stato sufficiente per trarre conclusioni. L’incidente ha spinto il CDC a invertire una raccomandazione che aveva emesso solo poche settimane prima e ad esortare ancora una volta i vaccinati a utilizzare le mascherine in determinati contesti.

Tuttavia, secondo Gandhi, i dettagli particolari di quel gruppo di casi potrebbero aver reso quell’epidemia particolarmente grave.

“Il tasso di epidemie sintomatiche lievi in questa popolazione era più alto a causa di molte attività indoor (inclusa l’intimità), pioggia quel fine settimana, non molto tempo fuori e misto di persone con diverso stato di vaccinazione”, ha detto in una e-mail.

Nel frattempo, un caso di studio del CDC recentemente pubblicato sulle infezioni nello stato di New York, che è molto più ampio, ha rilevato che il numero di infezioni rivoluzionarieost-vaccino è aumentato costantemente da maggio, rappresentando quasi il 4% dei casi entro la metà di luglio. Quei ricercatori hanno avvertito che fattori come l’allentamento delle restrizioni sulla salute pubblica e l’aumento della variante delta altamente contagiosa potrebbero influire sui risultati.

Ancora un altro caso di studio del CDC, in Colorado, ha rilevato che il tasso d’infezione post-vaccino in una contea, Mesa, era significativamente più alto rispetto al resto dello stato, al 7% contro circa il 5%. Il rapporto suggeriva che forse era perché la variante delta circolava più ampiamente lì, ma notava anche l’età dei pazienti a Mesa e il tasso di vaccinazione più basso potrebbe aver avuto un ruolo.

La ricerca israeliana sembra sostenere l’idea che la protezione dalle malattie gravi diminuisca nei mesi successivi all’inoculazione e, più recentemente, che i casi di infezione post-vaccino possano eventualmente portare a un aumento dei ricoveri ospedalieri. Le informazioni sono preliminari e i casi gravi sono ancora rari, ma rafforza l’argomento che alcune persone avranno bisogno di dose di richiamo nei prossimi mesi.

Casi di studio e dati provenienti da alcuni stati degli Stati Uniti hanno analogamente mostrato un aumento dei casi d’infezione post-vaccino nel tempo. Ma con la variante delta in aumento anche, è difficile dire se la colpa sia della diminuzione dell’immunità a qualsiasi tipo di infezione da coronavirus o se le vaccinazioni siano particolarmente inefficaci contro la variante delta. Potrebbero essere entrambe le cose, ovviamente. Anche il cambiamento del comportamento tra le persone vaccinate potrebbe essere un fattore, poiché tornano alle riunioni sociali e viaggiano e cenano al chiuso.

Detto questo, alcuni fatti sono ben consolidati a questo punto. Le persone vaccinate infette dal virus hanno molte meno probabilità di dover andare in ospedale, molto meno probabilità di aver bisogno di intubazione e molto meno probabilità di morire a causa della malattia. Non c’è dubbio che i vaccini forniscono una protezione significativa. Ma gran parte della nazione – quasi il 30% degli adulti statunitensi – non è stata vaccinata, un fatto che ha cospirato con la variante altamente contagiosa del delta per spingere il paese in una nuova ondata di epidemie.

“Il quadro generale qui è che i vaccini stanno funzionando e la ragione del picco negli Stati Uniti è che abbiamo una diffusione troppo ridotta del vaccino”, ha detto Frieden.

In una certa misura, sono previsti casi d’infezione post-vaccino di qualsiasi virus. Negli studi clinici, nessun vaccino contro il Covid è stato efficace al 100%, anche i migliori vaccini non lo sono mai. Più il virus è in circolazione, maggiore è il rischio di casi d’infezione post-vaccino. È anche comune che alcuni aspetti dell’immunità virale diminuiscano naturalmente nel tempo.

Per il momento, ci sono semplicemente più domande che risposte. Le infezioni post-vaccino aumentano a causa della variante delta, dell’immunità calante o del ritorno alla vita normale? Le persone vaccinate sono più vulnerabili alle malattie gravi di quanto si pensasse in precedenza? Quanto sono comuni le infezioni post-vaccino? Se lo chiedono tutti.

“In genere dobbiamo prendere decisioni sulla salute pubblica basate su dati imperfetti”, ha affermato Frieden. “Ma ci sono molte cose che non sappiamo.”

TRADUZIONE DI MOLLY JOHNSON

  • 2639 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 2636 Sostenitori