Molti esperti hanno avvisato che la pandemia di Covid-19 riguardava esclusivamente la vaccinazione e un’agenda ben più grande con il fine di imporre il controllo totalitario in tutto il mondo. Già, poi una dose  si è trasformata in due dosi e poi in un terzo. Addirittura ora si discute anche  anche di una quarta dose. Tra coloro che ne parlano, sicuramente c’è il CEO di Moderna Stéphane Bancel, che ha detto che l’efficacia della terza dose è probabile che diminuisca dopo alcuni mesi, e che quindi presto sarà necessario fare un altro booster.

Sarò sorpreso quando avremo i dati nelle settimane prossime se dovessimo vedere che il vaccino dura di più per la sua copertura nel tempo”, ha detto Bancel in una intervista con Goldman Sachs. Convenientemente, Moderna sta lavorando su un vaccino specifico contro Omicron che spera di mettere in commercio nel marzo del 2022, e questo è solo l’inizio.

Scrivendo su Substack, Eugyppius ha spiegato, “Moderna è solo una delle case farmaceutiche che desidera sfruttare questa mania per i vaccini, e addirittura sta espandendo la capacità di produzione per avere a disposizione una cosa come 6 miliardi di dosi di vaccino ad mRNA per anno.” L’informazione è arrivata direttamente da loro durante un meeting  virtuale tenutosi per la prima volta al WEF di Davos del 2022 in una sessione intitolata “Covid 19, e dopo?”

Insieme a Bancel, al meeting c’erano il Dr. Anthony Fauci, il direttore del NIAIA, RIchard Hatchett, il CEO di CEPI e la professoressa Annelies Wilder Smith dalla Scuola di igiene e malattie tropicali di Londra, e tutti insieme hanno lavorato in maniera molto dettagliata affinchè il loro piano di mania del vaccino potesse persistere in maniera indefinita.

VACCINI  COMBINATI PER EVITARE PROBLEMI DI NON CONFORMITA’

Durante la discussione, Bancel afferma che Moderna si sta preparando attivamente per “come dovrebbe essere il vaccino nell’autunno del 2022 e cosa dovrebbe contenere.” L’azienda sta “lavorando con esperti di salute pubblica come il team di Fauci per capirlo. Perché presto dovremo decidere cosa andrà nel vaccino per l’autunno del 2022“, ha detto.

Il NIAID di Fauci fa parte degli U.S. National Institutes of Health (NIH), che,  e alcuni potrebbero essere sorpresi di questa cosa, possiede per metà il brevetto per il vaccino di Moderna. Di fatto, l’NIH possiede migliaia di brevetti farmaceutici, e gli U.S. Centers for Disease Control and Prevention spendono 4,9 miliardi di dollari all’anno del proprio budget di 12 miliardi di dollari in acquisto e distribuzione di vaccini.

Tony Fauci è stato in grado di scegliere, di designare, quattro dei suoi dipendenti di alto livello in maniera tale che ciascuno di loro detenesse delle quote del brevetto“, secondo Robert F. Kennedy Jr. in un’intervista a James Corbett. “Prenderanno 150.000 dollari l’anno a vita se il vaccino Moderna sarà approvato, cosa che è stata.” 

Oltre a lavorare a stretto contatto con Fauci, Moderna sta progettando di combinare più vaccini insieme, come ad esempio il vaccino anti COVID-19, quello antinfluenzale e per un virus respiratorio sinciziale (RSV), in un’unica iniezione – in arrivo nel 2023 – per evitare “problemi di conformità.”

L’altra cosa  su cui stiamo lavorando per il 2023, è come possiamo rendere la gente desiderosa di essere vaccinata a livello di società?

E lo faremo preparando vaccini combinati, stiamo lavorando sul vaccino antinfluenzale, e su un vaccino RSV, e il nostro obiettivo è quello di avere un singolo booster annuale, in modo da non avere problemi di conformità, semplicemente perchè la gente non vuole avere da due a tre iniezioni ogni inverno, invece ricevono una sola dose, in maniera tale che la gente digerisca meglio la cosa.”

Quando gli è stato chiesto quando questo sarebbe avvenuto, ha continuato così:

Dunque il programma RSV è ora in fase 3, il programma  influenza è in fase 2 e presto sarà in fase 3, Spero che sia tutto concluso nel secondo trimestre di quest’anno. Quindi la previsione migliore sarebbe l’autunno del 2023, nel migliore dei casi, ma non penso che sarà [disponibile] in ogni paese, tuttavia in molti si dall’anno prossimo.”

VACCINI PER ALMENO 20 AGENTI PATOGENI IN CANTIERE

Il SARS-Cov-2 non è l’unico virus che Moderna e altre aziende farmaceutiche, insieme ai funzionari della sanità, sono intenti a colpire con i vaccini. Ricordate il virus Zika, che Kennedy descrisse come un’altra pandemia fabbricata allo scopo di vendere farmaci e promuovere il controllo totalitario? Ecco, c’è un vaccino in arrivo.

Come  il virus Nipah? Il  Nipah virus, un patogeno zoonotico per il quale non esistono trattamenti, è la fonte di ispirazione del  film “Contagio.”  Il virus può essere sperimentato solo in laboratori BSL-4. A parte questo, il National Bio and Agro-Defence Facility in Kansas sarà il primo impianto di bio-contenimento negli Stati Uniti dove la ricerca su Nipah (e Ebola) può essere condotta sul bestiame.

Nel 2019, Nipah Malaysia è stato anche tra i ceppi di virus mortali spediti dal Canada National Microbiology Lab al Wuhan Institute of Virology. Se non avete ancora sentito parlare di Nipah, è probabile che presto ne sentirete parlare, visto che stanno lavorando ad un vaccino contro questo patogeno.  A tal proposito, Bancel ha affermato:

“Stiamo collaborando con il team del Dr. Fauci, e con Richard [Hatchett], per lavorare su molti altri agenti patogeni … L’intera comunità scientifica sa da anni che ci sono almeno circa 20 patogeni che rappresentano un rischio per il quale abbiamo bisogno di vaccini, sapete che abbiamo vaccino Zika in Fase 2 … stiamo lavorando anche ad un vaccino Nipah, quelli sono virus di cui non tutti hanno sentito parlare, anche perché abbiamo bisogno di avere i dati. Quale dose, quale costrutto è richiesto da un punto di vista genetico… in modo che se un nuovo agente patogeno emerge da quella famiglia possiamo molto rapidamente passare in una fase 3.”

ALTRI VACCINI A MRNA STANNO ARRIVANDO

Molti altri vaccini sono in fase di sviluppo, incluso uno studio in fase 3 che valuta la combinazione del vaccino anti Covid della Pfizer con il loro Prevnar 20™ un vaccino coniugato anti pneumococco per persone over 65.

In una informativa, Kathrin U. Jansen, Ph.D., vice presidente senior e capo del dipartimento di ricerca e sviluppo dei vaccini della Pfizer ha detto che è molto importante far crescere la consapevolezza della necessità delle vaccinazione degli adulti, risuonando quanto detto da Bancel nel desiderare di creare vaccini combinati cosicchè gli adulti possano fare vari vaccini in una volta sola dal dottore durante una visita o semplicemente recandosi in farmacia.

Finchè i vaccini contro il Covid saranno somministrati, crediamo che i medici ed i farmacisti abbiano una opportunità unica di parlare con i loro pazienti adulti per raccomandare loro altre vaccinazioni che siano in linea con quanto auspicato dal CDC”, ha detto.

Un accordo tra Pfizer e BioNTech per sviluppare un vaccino contro il Fuoco di Sant’Antonio è stato raggiunto nel gennaio del 2022. Secondo quanto detto da Pfizer, “Mentre ci sono vaccini approvati per il Fuoco di Sant’Antonio, c’è una grande opportunità per sviluppare un vaccino migliorato che possa mostrare efficacia e tollerabilità maggiori e che sia migliore da  produrre utilizzando la tecnologia ad mRNA”.

Un vaccino di Moderna a tecnica mRNA per il virus Epstein Barr è attualmente in fase di studio 1. La prima dose del vaccino sperimentale è stata data ad un soggetto il 5 gennaio 2022. In una informativa, Moderna ha dettagliato il suo intento di creare altri vaccini ad mRNA per un sacco di altri virus.

“L’inizio di questo studio di fase 1 è una pietra miliare significativa mentre continuiamo a far avanzare i vaccini ad mRNA contro i virus latenti, che rimangono nel corpo a vita dopo l’infezione e possono portare a sviluppare mediche croniche. Moderna è impegnata nello sviluppo di un portafoglio di vaccini di prima classe contro i virus latenti per i quali non ci sono vaccini approvati oggi, compresi i vaccini contro CMV [citomegalovirus], EBV e HIV. Il nostro team di ricerca sta lavorando per formulare sempre  più vaccini contro i virus latenti alla clinica. Crediamo che questi vaccini potrebbero avere un profondo impatto sulla qualità della salute per centinaia di milioni di persone in tutto il mondo.”

Altri vaccini ad mRNA attualmente in fase di sviluppo includono:

1.Un vaccino ad mRNA contro il cancro polmonare non a piccole cellule (NSCLC)
2.Vaccini per l’influenza a tecnologia mRNA, che sono in fase di sviluppo da diverse aziende, tra cui Pfizer, Moderna, Sanofi e Translate Bio
3.Un vaccino ad mRNA contro l’HIV, uno dei quali è in fase di studio da parte di Moderna in collaborazione con il NIH
4.Diversi altri vaccini contro il cancro ad mRNA, tra cui uno mirato contro il melanoma avanzato – in fase di sviluppo da BioNTech e Regeneron Pharmaceuticals- e diversi in fase di sviluppo da Moderna, mirati al melanoma, NSCLC, cancro colonrettale e cancro pancreatico.

AUMENTARE LA PRODUZIONE FINO A MILIARDI DI DOSI

Nel caso in cui ci fossero dubbi sul fatto che si intendono utilizzare le iniezioni come parte sempre più integrante della routine sanitaria e della vita quotidiana, Bancel ha descritto i piani per la produzione di miliardi di dosi  da avere in pochi mesi. Ha detto durante la sessione WEF:

“L’altro pezzo forte è la produzione. Se si guarda al 2020, siamo stati in grado di spedire 20 milioni di dosi agli Stati Uniti, quando il vaccino è stato autorizzato. Non è un granché. Ma quest’anno invece  avremo da 2 a 3 miliardi di dosi  in un periodo di sei mesi, che è quello che credo ci servirà per ottenere l’autorizzazione di un vaccino, se tutto il lavoro è stato fatto bene prima … Potresti avere 1,5 miliardi di dosi disponibili in sei mesi, e questo considerando solo  Moderna. Se si pensa che si hanno anche altre piattaforme, il numero potrebbe essere  molto più grande …”

Con la censura ora così pervasiva, e Big Tech che collabora con regimi e aziende farmaceutiche per seppellire i danni che si verificano a causa di questi vaccini sperimentali – compresa la morte – è ora più importante che mai lasciare che la tua voce sia ascoltata a sostegno della libertà medica e dell’opposizione contro i  funzionari del governo che hanno una funzione di  intimidazione, minaccia e costrizione nei confronti dei cittadini che si trovano a dover violare ciò in cui credono.

Il principio etico del consenso informato all’assunzione di rischi medici, che include il diritto legale di prendere decisioni volontarie per coloro che scelgono di farsi praticare iniezioni sperimentali, deve essere protetto. Per ora, tuttavia, come Eugyppius ha spiegato:

I vaccinatori sono una grande spada di Damocle sopra le nostre teste. Mentre scrivo questo, stanno setacciando la terra alla ricerca di nuovi agenti patogeni che facciano diventare i loro prodotti necessari, e che insieme ai loro alleati accademici faranno del suo meglio per creare nuove pandemie e campagne di vaccinazione quando possibile – forse ogni stagione influenzale.

di Dr. Mercola, traduzione Martina Giuntoli

  • 3323 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3137 Sostenitori