Il Corriere piange per Navalny ma non per il 20mila palestinesi uccisi dalle bombe “democratiche” di Israele. Un vergognoso pezzo di Galli della Loggia prova a giustificare la consumazione del genocidio in atto. La Repubblica è diventata “complottista”! Secondo Castelletti sono troppi i punti oscuri che non tornano sul caso della morte del dissidente russo in un carcere siberiano (ma non eravate voi a spiegare che le “cospirazioni” non esistono?). Solo Il Fatto trova il coraggio di parlare di Assange

You may also like

Comments are closed.