Mentre in Europa spirano venti di guerra, la maggior parte di noi desidera profondamente la Pace e l’amicizia tra i popoli, ma siamo incapaci di immaginare che sia possibile. Questo sogno della Pace, comunque, è sempre più diffuso, presente e vivo dentro tanti di noi: per questo, il 2 giugno, Festa della Repubblica, invece delle parate militari, Giorgio Gustavo Rosso, fondatore del Gruppo Editoriale Macro, ha indetto una giornata della Pace, come spiega in questa intervista a Enrica Perucchietti. Per dire no alla guerra e ai sogni di violenza, morte e distruttore delle sanguinarie élite tecnocratiche e delle grigie burocrazie occidentali.

You may also like

Comments are closed.