Dovevano riunirsi come di consueto a Davos, nelle Alpi svizzere, per decidere del futuro dell’umanità, ma per quest’anno i signori del mondo hanno deciso di rimandare il Word Economic Forum, che era in programma dal 26 al 29 gennaio, alla prossima estate in data da destinarsi.

La ragione ufficiale per il posticipo dell’evento, che riunisce l’élite finanziaria, economica, tecnocratica e politica globale, è la situazione sanitaria che, a dire degli organizzatori, è particolarmente grave e preoccupante per la diffusione della variante omicron e per l’aumento dei contagi in generale.

In rete però in molti dubitano della veridicità delle ragioni ufficialmente addotte per lo slittamento del più importante forum economico e politico del pianeta, fondato 50 anni fa  da Klaus Schwab, e che l’anno scorso si tenne regolarmente anche se online. Alcuni parlano di minacce di morte, di possibili attacchi o di paura di arresti di massa per crimini contro l’umanità, ma si tratta di ipotesi molto fantasiose.

Quello che è certo è che il forum, che avrebbe dovuto delineare le strategie per la ripresa economica post pandemica e che aveva nella progettazione del Grande Reset (come esplicitamente affermato negli inviti) il suo focus, non ci sarà perchè, a quanto pare, la pandemia non è terminata.

Al di là delle ragioni più o meno segrete c’è un dato che appare pesante anche da un punto di vista simbolico: l’anno scorso il forum si è tenuto per la prima volta on line e non di persona perché la situazione sanitarie era, secondo gli organizzatori, troppo grave per incontri fisici. In quell’occasione il tema della vaccinazione di massa per un’uscita rapida dall’emergenza sanitaria era stato al centro del dibattito.

A un anno di distanza però, con la grande maggioranza della popolazione europea che ha fatto le due dosi del vaccino, il covid non è diventato un brutto ricordo, ma al contrario ha visto un numero di contagi che in molti paesi europei rappresenta un record assoluto. Quei vaccini che i potenti del mondo ci garantivano essere sicuri ed efficaci non hanno funzionato, ed ora gli stessi signori globali lo dicono esplicitamente.

Speriamo che il rinvio sia l’indizio che anche il Grande Reset stia per finire nella pattumiera della Storia.

ARNALDO VITANGELI

  • 3641 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3263 Sostenitori