Dott. Fauci “il signore delle mosche”: le atroci torture sui cuccioli scioccano gli Usa

Uno dei trend topic di Twitter di queste ore è #arrestfauci. I social americani sono esplosi contro l’immunologo numero uno al mondo che, mentre i social chiedono la sua testa, ha annunciato i vaccini per i bambini entro la seconda settimana di novembre. Ma cosa accade al medico coccolato dai dem americani, capo del gabinetto medico di Joe Biden e nemesi di Donald Trump?

Accade che l’han beccato a giocare a fare il dottor Mengele sui cuccioli di cane. Esperimenti di una crudeltà mostruosa. Fauci ha sperimentato su cuccioli di cane di otto mesi medicine sperimentali, coi fondi della National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID).

Nacy Ruth Mace, membro della Camera dei Rappresentanti della Carolina del Sud nelle file del Grand Old Party repubblicano, in un tweet ha parlato della lettera inviata a Fauci.

Ieri – scrive la giovane politica – ho mandato una lettera al dottor Fauci a riguardo dei crudeli esperimenti sui cuccioli pagati con le nostre tasse: privati delle corde vocali prima di essere drogati e uccisi. Sono grata ai miei 23 colleghi, sia democratici che repubblicani, che hanno firmato. Tutto questo è disgustoso”. La lettera di Nancy Mace si concentra su un rapporto che parla di esperimenti condotti da ottobre 2018 a febbraio 2019 su 44 cuccioli di Beagle, drogati e uccisi, per i quali il NIAID avrebbe speso 1,68 milioni di dollari presi dalla tasse dei cittadini.

I cuccioli, di età compresa tra i sei e gli otto mesi, sarebbero stati drogati con farmaci sperimentali e poi la loro testa inserita in gabbie dove insetti e mosche li avrebbero praticamente mangiati vivi. Il tutto recidendo prima le corde vocali in modo da evitare il noioso abbaiare dei torturati. Terrificanti anche gli esperimenti sulle scimmie, a cui sarebbero state rimosse parti di cervello per aumentare i livelli di terrore, per poi sottoporle alla presenza di ragni e serpenti di gomma. Il tutto, naturalmente, anche in laboratori dislocati in Paesi dove il controllo del governo Usa è limitato (ricordate Wuhan?). E poi: a chi interessano sanguinosi esperimenti sul terrore indotto artificialmente, al punto da sovvenzionare costosi e atroci esperimenti? Domande ancora senza risposta.

E Fauci, lo sponsor delle torture, è lo stesso signore che giulivo annuncia i vaccini per i cuccioli d’uomo. Ora gli avvocati americani stanno chiedendo conto a Fauci di questi esperimenti. La scrittrice e commentatrice politica afroamericana conservatrice Candace Owens ha paragonato Fauci al famigerato medico nazista Josef Mengele, affermando inoltre che lui e Bill Gates “puzzano di male allo stato puro”.

I social, come detto, impazzano su questa storia di Fauci, in particolare, come era naturale aspettarselo, negli Stati Uniti. Altro trend topic su Twitter è #FauciLiedBeaglesDied che è la rivisitazione dell’hashtag #FauciLiedMillionsDied o anche #FauciDogTorturer.

Teniamo conto che Fauci ha un’altra pesante gatta da pelare, ovvero la questione, sollevata dal senatore Rand Paul, del suo coinvolgimento nei finanziamenti del famigerato laboratorio di Wuhan e delle bugie dette su questo argomento.

I media italiani ovviamente quasi non si occupano della questione Fauci torturatore di cagnolini: la sensibilità odierna sui diritti animali metterebbe definitivamente una pietra tombale sulla credibilità di Fauci e, via a scalare, di tutta quella pletora di virologi e immunologi che sposano il vaccinismo estremo, arrivando ai Ricciardi, agli Speranza, ai Burioni e ai Bassetti.

Ma vogliano andare a vedere quanto è profonda la tana del bianconiglio? Perché come diceva uno dei più grandi presidenti della storia americana, Abraham Lincoln, si può ingannare tutti per qualche tempo e si può ingannare qualcuno per tutto il tempo, ma non si può ingannare tutti per tutto il tempo.

Ricordiamo ad esempio gli scontri tra Fauci e Trump sull’origine del Covid e ora pare non solo che l’ex presidente avesse ragione, ma che Fauci sia in un pesante conflitto d’interesse in questa storia.

Ma questo oggi lascia spazio a qualcosa di molto più inquietante: la questione dei cuccioli sottoposti ad esperimenti disumani emerge quando Fauci annuncia il vaccino Pfizer per i bambini tra i cinque e gli undici anni. E le due notizie sommate non possono che far venire i brividi.

Negli Stati Uniti, proprio grazie al presidente Trump, la crudeltà verso gli animali è diventata un crimine federale e di questo Fauci dovrà rispondere. Trascinandosi dietro le ultime briciole di credibilità dell’amministrazione Biden, la peggiore dell’intera storia statunitense.

Ma se si vuole fare lo step successivo (che in realtà è già stato fatto, visto che vi è stata una sperimentazione sull’intera umanità) ci sarebbe il Codice di Norimberga nato dopo il processo ai dottori nazisti.

ANDREA SARTORI

Sostieni Visione TV

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale Donazione: €25 One Time

Sostieni Visione TV

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale Donazione: €25 One Time