Un articolo uscito oggi su Church Militant, un’importante testata cattolica online molto seguita in Usa, riepiloga i più controversi passaggi dell’intervista a Bergoglio su raiTre e propone il punto di vista di importanti teologi e opinionisti cattolici sulla questione.

————-

In un’intervista sul programma più schierato a sinistra in Italia, che fa anche record di chiacchiere  sui suoi temi prevedibilmente preferiti, quali gli animali domestici, la Madre Terra, migranti, clericalismo e pacifismo, Papa Francesco non ha saputo cosa rispondere alla domanda teologica del perché i bambini innocenti soffrono.

Durante il suo scambio di battute di 50 minuti con il celebre conduttore Fabio Fazio sulla televisione di stato italiana Rai 3, il Papa ha scrollato le spalle quando gli hanno chiesto di spiegare la tragica sofferenza di bambini innocenti. “Certo, le domande rimangono aperte: perché i bambini soffrono? Non trovo alcuna spiegazione per questo”, ha ammesso Francesco. “Ho fede, cerco di amare Dio che è mio padre, ma mi chiedo:” Ma perché i bambini soffrono? ” E non c’è risposta. “ La risposta “Esiste solo un modo per evitare la “tentazione” di una questione del genere ed è quella di soffrire con i bambini sofferenti”, ha detto Francis. “In questo” un grande insegnante “era Dostoevsky,” ha aggiunto. Quando invece si cimenta nel rispondere  al problema della teodicea- ovvero la difesa di Dio di fronte al male – il Pontefice non ha menzionato il peccato, la caduta dell’umanità e la redenzione vinta da Cristo.

Abbiamo un Pontefice Supremo paragonabile a tutti gli aspetti ad una mina vagante del tutto imprevedibile .

Invece, Francesco ha trovato una risposta semi-pelagiana alla questione del male, sostenendo “tanti mali arrivano precisamente dal fatto che molti uomini non sanno più seguire le regole, hanno cambiato natura, e molte altre cose e questo a causa delle fragilità umane”.  Francesco ha fatto riferimento al Demonio come ad “uno che ha seminato il male nel mondo per invidia“, ma non ha attribuito la sofferenza a Satana. Invece sì è detto che , “uno non parla” con il male dal momento che  “il dialogo con il male è pericoloso“, ha avvertito.” Invece, tante persone lo fanno, cercano di dialogare con il male, e anch’io mi sono trovato  in questa situazione molte volte, e mi chiedo perché – un dialogo con il Demonio è una brutta cosa. Il dialogo con il male non è mai buono, e questo  è vero per tutte le tentazioni“.

Silenzio totale sulla sofferenza redentrice

Nei commenti a Church Militant, il teologo italiano Federico Catani ha dato uno sguardo  ai commenti di Francesco nei confronti dei rivoluzionari comunisti, che durante la Comune del 1871 di Parigi maledissero Dio cantando: “Dio non esiste e, se esistesse, dovrebbe morire con un colpo di arma da fuoco.”  Catani, autore del libro Miracolo della Santa Casa di Loreto, ha spiegato:

A dispetto di una dimensione del mistero che rimane e rimarrà sempre, Dio ha dato una risposta al problema della sofferenza innocente – non una lezione di filosofia, ma riferita alla sofferenza stessa di Suo Figlio morente. Un Papa  dovrebbe parlarci di questo.

Tra i tanti bambini che hanno vissuto il dolore e lo hanno vissuto in modo santo, vorrei citarne uno, il venerabile Silvio Dissegna, un ragazzo italiano morto di cancro all’età di 12 anni nel 1979. Silvio ha saputo offrire le sue sofferenze per la conversione dei peccatori, in unione con la passione di Gesù.”

Sconvolto dalla dimostrazione dell’ignoranza teologica del Pontefice, la scrittrice e romanziera italiana Elisabetta Sala ha detto a Church Militant che addirittura sua nonna sarebbe stata in grado di offrire una motivazione ragionevole al problema della sofferenza.

“Perché i bambini soffrono? Non trovo alcuna spiegazione per questo.”

La sofferenza è entrata nel mondo insieme al male e alla morte quando l’uomo ha commesso il peccato originale. Il paradigma della sofferenza innocente è la crocifissione di Cristo, che ha portato la nostra redenzione“, ha osservato Sala. “Sicuramente Francesco avrebbe potuto dire a Fazio che la più grande sofferenza di bambini innocenti – delle dimensioni di un vero e proprio genocidio – è causata dall’aborto dei neonati. O No?” Sala ha aggiunto:

 

Mentre i cattolici sono sempre più perplessi a Dichiarazioni di Francis, le principali esaltazioni, lussumi, applaudilo e persino adoralo come un santo. È tutti amici con giornalisti di sinistra, con oligarchi, ma perseguita cattolici fedeli e ignora i cristiani perseguitati. C’è la parola chiave: persecuzione. Nostro Signore ci ha detto che saremmo perseguitati, non amati, dal mondo.”

IL PAPATO SECOLARIZZATO

I Liberali non fanno in tempo a esaltare l’intervista di Francesco al  programma tv   “Che Tempo Che Fa”,  che Stefano Fontana, direttore dell’osservatorio internazionale Van Thuan sulla Dottrina sociale della Chiesa,ha liquidato l’intervista di Rai Tre come una “accentuata secolarizzazione del papato o addirittura una sua dissacrazione” .  “Durante la rivoluzione comunista in Cina, Mao ha fatto la parata dei mandarini nudi per mostrare la loro ridicola debolezza,  una volta che si tolgono le solenne vesti da cerimonia e una volta che sono stati privati del loro potere ieratico“, ha osservato Fontana, notando che non esiste programma televisivo più anti religioso di quello di Fazio. L’editore di “L’Isola di Patmos”, padre Ariel Levi di Gualdo,  ha descrittoil sinistro Fabio Fazio” come “l’incarnazione del partigiano più politicamente corretto del radical chic a sinistra – quello degli hippy con i super attici” che “per anni ha preso per i fondelli la dottrina Cattolica e la sua moralità. Come può il Papa partecipare ad uno spettacolo il cui ospite regolare, la commediante Luciana Littizzetto, ha passato anni a prendere in giro chiesa e clero, beffandosi della dottrina cattolica, morale e la cura pastorale dei Vescovi italiani in ogni modo possibile?

Come ?…. come? … “questa è la domanda  indirizzata a me in questi giorni dai sacerdoti che mi hanno contattato da tutta Italia: “come può cadere il Supremo Pontefice così in basso e di conseguenza trascinarci tutti in basso?” P. P. Gualdo ha aggiunto. “Forse per la prima volta nella storia della Chiesa abbiamo un pontefice supremo paragonabile a tutti gli aspetti ad una mina vagante imprevedibile e incontrollabile“, ha lamentato, notando che  “un tragico pontificato sta finendo nella satira“. L’esperto vaticanista Aldo Maria Valli ha detto a Church Militant che il mondo è stato trattato per l’”Inversione dei ruoli” con “Fazio, il Pontefice di sinistra, garantendo un pubblico a Bergoglio e a Bergoglio di partecipare a tale liturgia progressista e  politicamente corretta”.

“Un tragico pontificato sta finendo in satira.”

Valli ha dichiarato:

Come previsto da questa liturgia progressista,  i temi sociali sono prevalsi  su quelli riguardanti il proprio rapporto con Dio. La liturgia non ha offerto sorprese ed anzi è stata piuttosto scontata. Bergoglio ha ripetuto ciò che ripete sempre in ogni occasione. L’unico momento in cui Bergoglio ha detto qualcosa di cattolico è stato quando ha parlato di preghiera come una relazione con il Padre. Forse lì si è distratto un attimo!” 

Nel suo scambio di 50 minuti con la celebrità dei talk show, Francesco ha fatto un unico riferimento a “Cristo” come una sfida alla “spiritualità vuota” tipica del pelagianismo e dello gnostico. “Senza la carne di Cristo, non c’è  redenzione che sia  possibile. Dobbiamo tornare al centro ancora una volta: la parola è diventata carne.  In questo scandalo della croce, della parola incarnata, c’è il futuro della Chiesa “, ha detto Francesco .

I temi prevedibili di Francesco 

Mentre Francesco ha dedicato una parte considerevole dell’intervista ai migranti musulmani che si fanno strada verso l’Europa da paesi come Yemen e Siria, tuttavia il Pontefice non ha menzionato la persecuzione dei cristiani  dei cristiani in questi paesi. “Dobbiamo pensare in modo intelligente ad una politica continentale per la migrazione. E il fatto che il Mediterraneo sia oggi il più grande cimitero d’Europa deve farci riflettere,” ha sottolineato. Francesco  ha inoltre portato l’attenzione “sull’allarme proveniente dall’Amazzonia con i suoi problemi di deforestazione, mancanza di ossigeno, cambiamenti climatici” che rischiano la “morte della biodiversità” e “potenziale morte  della Madre Terra“.  Ha parlato  di “guerra come contraddizione della creazione”. L’unico momento in cui Bergoglio ha detto qualcosa di cattolico è stato quando ha parlato di preghiera come di una relazione con il Padre. “Dobbiamo mettercelo in testa: dobbiamo occuparci di Madre Terra“, ha aggiunto, citando il caso dei pescatori a San Benedetto del Tronto che trovarono tre milioni di tonnellate di plastica nel mare. Il Papa ha attaccato la “mondanità spirituale” come “il grande male della Chiesa” e ha continuato a castigare il  “clericalismo” come “una perversione della Chiesa”. “Il clericalismo esiste solo nella rigidità e sotto ogni tipo di rigidità c’è sempre del marcio,” ha sottolineato, notando che le “brutte cose” nella Chiesa oggi sono “posizioni ideologicamente rigide” che prendono il posto del Vangelo.

La politica televisiva di Fazio

Nel 2019, il politico populista e poi ministro degli interni Matteo Salvini ha chiesto perché gli italiani pagano “da tre a quattro milioni di euro” per il Talk Show di Fazio, che era essenzialmente un programma politico progressista “. “Vorrei che Fazio trasmettesse su tutti i canali 365 giorni all’anno perché più fa la propaganda di sinistra, più gli italiani aprono gli occhi“, osservò Salvini. La televisione Rai, finanziata dal contribuente italiano, paga a Fazio uno stipendio lordo di 2,24 milioni di euro all’anno. Inoltre, le società di Fazio, L’Officina Srl e Magnolia SpA, che producono Che Tempo che FA, hanno rastrellato qualcosa come  11,05 milioni di euro nel 2018. Fazio possiede il 50% delle azioni di Officina Srl. Si noti poi che la Rai paga L’Officina Srl altri 10,64 milioni di euro all’anno per il contratto di produzione.

di Jules Gomes, traduzione Martina Giuntoli

  • 3398 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3159 Sostenitori