Crimini e abusi CIA (under cover): quando si protegge il sistema a spese dei bambini

BuzzFeed News, dopo ben tredici richieste al FOIA, ovvero il freedom of information act , la normativa che consente ai cittadini di chiedere accesso alle informazioni riguardanti le pubbliche amministrazioni, ha di recente ottenuto dei report che mostrano fatti sconvolgenti riguardo la CIA.

Nelle oltre tremila pagine di cui BuzzFeed è entrata in possesso si trova di tutto, spesso faccende affatto collegate al lavoro in senso stretto, come ad esempio fatturazioni fatte in seguito alla visita da parte di alcuni impiegati a Club a Luci Rosse anche in giro per il mondo, oppure fatture di acquisto per oggetti personali.

Non è una novità per nessuno , che agenzie federali come la CIA e l’FBI abbiano anche più di uno scheletro nell’armadio. Già all’inizio degli anni Sessanta, il compianto 35esimo presidente degli Stati Uniti, John Fitzgerald Kennedy, puntava il dito contro la Central Intelligence Agency in modo particolare, ritenendola colpevole di cospirazione contro il popolo statunitense.

Sono passati decenni da allora, ma la condotta in uso in certi ambienti non è cambiata affatto. Nelle migliaia di pagine su cui BuzzFeed news ha potuto mettere mano,  ci sono evidenze di crimini commessi su minori e non perseguiti, a parte uno. Negli altri casi i soggetti sono stati semplicemente licenziati  oppure si sono dimessispontaneamente”.
Quanto ai presunti crimini, si racconta, ad esempio,  di un impiegato dell’agenzia che avrebbe avuto contatti sessualmente espliciti  con un bambino di 2 anni e con uno di 6, vicenda, questa, chiusa prima ancora di cominciare. Oppure si legge  di un altro impiegato che ha comprato tre video cassette contenenti materiale pedopornografico filmate dalle stesse madri dei bambini che erano nei nastri. Oppure ancora di un altro impiegato che ha visionato qualcosa come 1400 immagini di abusi su minori mentre era a lavoro ed evidentemente ne è rimasta traccia sul pc in uso all’uomo.
Il motivo per cui questi soggetti, sebbene evidentemente perseguibili, non poi abbiano incontrato la giustizia di un tribunale lo spiegano a Buzzfeed ex ufficiali CIA ormai fuori dalle dinamiche strettamente governative e quindi, seppur in anonimato, maggiormente liberi di esprimersi a riguardo. Le ragioni, a loro dire, sono molteplici, ma tutte sono riconducibili al fatto  che è molto rischioso far testimoniare questa gente in un tribunale poiché potrebbe , anche non volendolo, dover dettagliare metodi di indagine e informazioni classificate. E, si sa, questo è ciò che il sistema teme maggiormente.

La CIA comunque non è l’unico ente governativo che si sia trovato ad aver a che fare con impiegati potenzialmente perseguibili per pedofilia. Già nel 2009 e poi nel 2014 i computer del Dipartimento della Difesa e del Pentagono furono scansionati, trovandovi una quantità di materiale pedopornografico incredibilmente vasto. A testimonianza di questo si parlò anche nel 2016, quando Daniel Payne, durante un simposio al Pentagono, confermò quanto già scoperto attraverso le scansioni.

Il lavoro giornalistico fatto da BuzzFeed News tuttavia si è scontrato ugualmente con la pesante censura applicata sui documentiinviati loro dalla CIA. I documenti sono stati pesantemente modificati al fine di rendere le informazioni più sensibili oscurate. In questo modo risulta praticamente riaprire qualsiasi caso possa derivare dal rilascio di una possibile notizia di reato, perché sarebbe davvero difficile se non addirittura impossibile  risalire ad un soggetto preciso. Si pensi che in alcuni casi, è stata addirittura oscurata anche la modalità di chiusura del caso.
Rimangono a questo punto un paio di domande che è più che lecito porsi. Se un’ agenzia che dovrebbe tutelare il popolo agisce nella direzione opposta coprendo I crimini dei propri impiegati, quanta fiducia si può riporre in ciò che proviene da quella agenzia? E seconda cosa,  non meno importante, quanti crimini vengono insabbiati perché recanti danno al sistema?

Ecco le classiche domande da un milione di dollari .

Martina Giuntoli

Martina Giuntoli

View all posts

Sostieni Visione TV

2.638 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 One Time

Sostieni Visione TV

2.638 of 10.000 donors
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €25,00 One Time