Natale al buio, qualcuno addirittura ora teme e ipotizza. Sempre più si aggira fra i media lo spettro del duraturo blackout europeo evocato qualche giorno fa dal ministro Giorgetti. In effetti, le precondizioni continuano ad esserci tutte, e anzi ad esse si sta aggiungendo il freddo: il Texas insegna.

Per il resto, il gas è sempre scarso e caro ed un modo semplice per contenere l’inflazione rampante che preoccupa l’UE  potrebbe essere abbattere consumi e produzione lasciando che la grande oscurità spontaneamente si produca.

Infatti ai piani alti romani, dove pure sanno che il rischio è reale, non risulta che stiano studiando contromisure, soluzioni o almeno toppe. Men che meno si parla della definizione di un piano europeo anti blackout, che secondo il ministro sarebbe necessario.

Eppure in Europa “stiamo spingendo al limite della capacità” il sistema di produzione e distribuzione dell’energia elettrica, ha avvertito ieri  Andrea Aparo von Flüe, ex manager Finmeccanica e docente universitario alla Sapienza di Roma.

Ovviamente, più ci si avvicina al limite, più crescono le probabilità di una crisi, dice Aparo von Flüe: la rete elettrica di tutto il continente è interconnessa; basta che in un punto solo si generi un forte squilibrio fra produzione e consumo di elettricità e tutto salta dappertutto. Tempo necessario per rimediare al guasto e mettere nuovamente l’energia elettrica in condizione di fluire: fra i 7 e i 14 giorni. Da trascorrere a lume di candela.

Se manca l’energia elettrica, non funzionano telefoni, internet, bancomat, acquedotti… Per resistere, Aparo von Flüe consiglia di tenere in casa cibo, combustibile per cucinare e scaldarsi, acqua (due litri al giorno a persona), carta igienica, sacchi per i rifiuti, disinfettanti, medicinali e non solo le candele: anche una radiolina a pile, unico possibile collegamento col resto del mondo.

Già nel febbraio scorso un problema sulla rete elettrica romena era sul punto di produrre l’effetto domino e di lasciare al buio tutta Europa. L’abbiamo scampata per un soffio, ma a sentire gli esperti la situazione in Romania somiglia a una mina vagante. Il gas scarso e il freddo sono altre mine. Ora, con le parole di Aparo von Flüe, è arrivato anche l’avvertimento: è facile che qualcuno ne calpesti una.

DON QUIJOTE

  • 3641 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3263 Sostenitori