Nell’ottobre 2021, l’Independent Allocation of Vaccines Group (IAVG) dell’OMS ha delineato la sua strategia per arrivare alla vaccinazione globale contro il COVID-19 entro la metà del 2022.

In esso, il gruppo ha chiesto un lancio di vaccini coordinato a livello internazionale per raggiungere i seguenti obiettivi: raggiungere il 10% di copertura vaccinale in tutti i paesi entro la fine di settembre 2021, il 40% di copertura in tutti i paesi entro la fine di dicembre e, infine, il 70% della copertura vaccinale in tutti i paesi verso la metà del 2022.

Quando la strategia è stata resa pubblica, Felix Richter di Statista ha osservato che l’obiettivo del 10% era stato mancato già  da 56 paesi, mentre 70 paesi avevano già superato l’obiettivo del 40% entro la fine di settembre.

A fine dicembre, l’IAVG ha nuovamente suonato il campanello d’allarme, affermando che 98 paesi stavano per mancare l’obiettivo del 40 per cento, ricordando “i severi vincoli di fornitura di vaccini alla COVAX, cosa che e persistita  fino all’ultimo trimestre del 2021” come motivo principale per il deficit.

A parte i vincoli di fornitura, che dovrebbero allentarsi gradualmente nel 2022, l’IAVG ha identificato ulteriori sfide nel raggiungimento dell’obiettivo di copertura del 70% entro la metà del 2022.

L’aumento dei volumi creerà sfide nella capacità di assorbimento in contesti poveri di risorse. Ciò include la capacità di ricevere, conservare, distribuire, somministrare e registrare l’uso del vaccino, compresi gli sprechi“, ha avvertito il gruppo, prima di aggiungere che la diffusa disinformazione che alimenta l’attitudine al rifiuto del vaccino sarà un altro ostacolo al raggiungimento della immunizzazione globale.

Secondo le ultime stime di Our World in Data, è probabile che gran parte del mondo non raggiunga l’obiettivo di vaccinazione dell’OMS.

 

Osservando la copertura attuale e il tasso di nuove vaccinazioni negli ultimi 14 giorni, i ricercatori scoprono che ben 122 paesi sono attualmente sulla buona strada per mancare l’obiettivo del 70% di vaccinazione entro la fine di giugno 2022, mentre solo 34 paesi molto probabilmente lo stanno per raggiungere.

Nel frattempo, la maggior parte dei paesi ad alto reddito ha già superato il traguardo del 70%, illustrando ulteriormente l’ampio divario nella distribuzione globale dei vaccini.

di Tyler Durden, traduzione Martina Giuntoli

  • 3326 Sostenitori attivi
    di 10000
  • 3138 Sostenitori